CECIMO si impegna a mantenere la produzione additiva al centro delle decisioni relative alla responsabilità del prodotto, ai diritti di proprietà intellettuale (PI) e all’accordo commerciale USA-UE

CECIMO PROMETTE DI “ATTENUARE L’IMPATTO SULLA PRODUZIONE ADDITIVA” NEI COLLOQUI DELL’UE

CECIMO , l’associazione che rappresenta gli interessi delle macchine utensili e delle tecnologie di produzione, ha rilasciato una nuova dichiarazione sulla posizione della produzione additiva nelle prossime discussioni della Commissione europea .

Dopo aver rilasciato una dichiarazione formale nel marzo 2019, CECIMO ha ribadito il proprio impegno a mantenere la produzione additiva al centro delle decisioni relative alla responsabilità del prodotto, ai diritti di proprietà intellettuale (PI) e all’accordo commerciale USA-UE.

“Prima della fine dell’anno”, afferma l’associazione, “la produzione additiva sarà al centro dell’attenzione a livello europeo”.

La Commissione pubblicherà un nuovo studio e linee guida che riaccenderanno i dibattiti sugli standard di qualità e la differenza tra le relazioni Business to Business (B2B) e Business to Consumer (B2C). In tali dibattiti, l’associazione ribadisce: “CECIMO si rivolge ai responsabili politici per evitare di gravare il settore con normative inutili “.

Nonostante incombenti problemi geopolitici, ad esempio l’uscita britannica dall’Unione europea e la guerra commerciale Stati Uniti-Cina , CECIMO sostiene anche che “ci sono molte opportunità straniere per far prosperare l’industria delle macchine utensili”.

L’adesione al CECIMO comprende 15 associazioni collegate, ciascuna delle quali rappresenta un paese in Europa. Ciò include, ad esempio, la VDW tedesca e la Manufacturing Technologies Association (MTA) nel Regno Unito. In collaborazione con i suoi membri e attraverso informazioni sul mercato interno, CECIMO fornisce, tra le altre cose, indicazioni per i responsabili delle politiche dell’industria manifatturiera.

Nel più recente aggiornamento dell’associazione, CECIMO commenta la recente consultazione pubblica sulla Direttiva Macchine . Inaugurato il 7 giugno 2019 e chiuso il 30 agosto 2019, CECIMO afferma che l’opportunità “è stata importante per l’industria AM in quanto ci ha dato l’opportunità di esprimere la necessità di standard armonizzati”. Nella consultazione, l’associazione ha proposto lo sviluppo di un tipo -c standard di sicurezza per le macchine per la produzione additiva, allineandolo con altre macchine industriali come presse idrauliche e termoformatrici.

In secondo luogo, l’associazione ha sottolineato la pressione esercitata sui legislatori europei affinché costituisca una priorità lo sviluppo di un sistema di qualificazione e formazione ampiamente accettato. In particolare, la strategia delle competenze settoriali nella produzione additiva , o SAM in breve, è stata evidenziata per la sua cooperazione europea.

In relazione agli accordi commerciali internazionali, la produzione additiva è diventata un’area prioritaria nell’accordo USA-UE sui beni industriali. La conclusione di questi termini è prevista entro la fine dell’anno, in quanto Stewart Lane, presidente del comitato di produzione additiva di CECIMO, osserva che “il dibattito sul settore AM è ancora molto attivo e i responsabili politici dell’UE devono stabilire un insieme di sostegno e flessibile di regole se desiderano mantenere la leadership del settore AM in Europa “.

La Commissione Von der Leyen, che entrerà in carica dal 1 novembre 2019 entro il 2024 e opererà senza nomina dal Regno Unito, è supportata anche da CECIMO.

In un altro recente aggiornamento Marcus Burton, presidente del Comitato economico del CECIMO, ha aggiunto che “CECIMO sostiene gli orientamenti politici della Commissione Von der Leyen, in quanto perseguono strategie commerciali globali per le regioni limitrofe dell’UE, un nuovo partenariato commerciale UE-USA e soprattutto una riforma dei meccanismi e delle regole di protezione del commercio dell’OMC “.

Sebbene le negazioni della Brexit continuino a costituire una forte narrativa per le discussioni in seno alla Commissione europea, CECIMO ha anche offerto commenti sui conflitti tra Russia e Ucraina e sull’attuale conflitto in Iran. “In questo contesto”, afferma l’associazione, “CECIMO è disposto a collaborare per garantire relazioni commerciali trasparenti con questi e altri paesi e sollecita l’Unione europea a utilizzare strumenti efficaci che non ostacolino seriamente la posizione dei costruttori europei di macchine utensili all’estero. ”

Be the first to comment on "CECIMO si impegna a mantenere la produzione additiva al centro delle decisioni relative alla responsabilità del prodotto, ai diritti di proprietà intellettuale (PI) e all’accordo commerciale USA-UE"

Leave a comment