Carnegie Mellon University porta la maglieria nel 21esimo secolo grazie alla stampa 3d

Quando pensiamo a sviluppi tecnologici avanzati e all’avanguardia, la maglieria non è una delle prime cose che ci viene in mente . Tuttavia, un team di ricercatori della Carnegie Mellon University ha preso in prestito la tecnologia di stampa 3D per portare il lavoro a maglia nel 21 ° secolo. Hanno progettato un algoritmo che consente di convertire i disegni digitali 3D in istruzioni specifiche che possono essere eseguite da una macchina per maglieria automatizzata, in pratica una forma di stampa 3D per tessuti e articoli a maglia. Le tecniche di robotica coinvolte sono relativamente semplici e il processo potrebbe indicare la via da seguire per il settore.

Abbiamo già riportato in precedenza il lavoro pionieristico della designer olandese Iris van Herpen, solo una delle numerose figure che hanno già introdotto tecniche di stampa 3D nel mondo del tessile e del fashion design . Anche una stampante 3D per maglieria non è un’idea completamente nuova, con la startup londinese Kniterate che ha aperto la strada a un processo di maglieria digitale open source alcuni anni fa. Questa ultima innovazione degli informatici della Carnegie Mellon University dovrebbe rivelarsi una versione molto più accessibile e utile della tecnologia, con un algoritmo che può essere adattato a una gamma di macchine per maglieria diversa.

L’algoritmo si basa sulla trasformazione dei tipi di mesh 3D utilizzate per modellare le forme 3D in istruzioni di cucitura. È stato sviluppato tenendo presenti i vincoli di particolari macchine da maglieria, in modo che possa adattarsi per ottimizzare la tecnologia già disponibile. Si concentra sulla creazione di modelli che funzioneranno nei limiti dei telai di filato, degli aghi a forma di uncino e dei letti ad aghi paralleli. È ancora relativamente limitato rispetto al lavoro a maglia manuale, poiché l’obiettivo attuale è solo quello di ridurre il più possibile il rischio di rottura o inceppamento del filato, ma man mano che l’ecosistema della maglia si espande e si sviluppano gli strumenti di progettazione, molto di più potrebbe essere possibile.

Secondo James McCann, assistente professore nel Robotics Institute e leader del Carnegie Mellon Textiles Lab, “Le macchine per maglieria potrebbero diventare facili da usare come stampanti 3D … Ora se gestisci un pavimento di macchine per maglieria, hai anche un reparto di ingegneri, non è un modo sostenibile di fare pezzi unici su misura “. La sua tecnica consentirebbe tirature molto più ridotte, dato che le macchine potrebbero essere adattate per creare istruzioni di lavorazione senza input umani. In futuro, potrebbe essere possibile per un cliente scegliere e realizzare rapidamente i propri modelli di colore unici per abbigliamento, dimensioni dei guanti, disegni per nuovi giocattoli di peluche e molto altro ancora.

“L’hardware per maglieria è già molto buono,” ha spiegato McCann. “È il software che ha bisogno di un po ‘di spinta e il software può migliorare rapidamente perché possiamo iterare molto più velocemente.”

Il progetto è stato realizzato da McCann insieme a Vidya Narayanan, un dottorato di ricerca. studente in informatica, Jessica Hodgins, professore di informatica e robotica; Lea Albaugh, un dottorato di ricerca studente nell’Istituto di interazione uomo-macchina; e Stelian Coros, membro di facoltà all’ETH di Zurigo e professore a contratto di robotica presso la CMU. Il lavoro sarà presentato a SIGGRAPH 2018, la Conferenza sulla Computer Grafica e Tecniche Interattive a Vancouver, in Canada.

Be the first to comment on "Carnegie Mellon University porta la maglieria nel 21esimo secolo grazie alla stampa 3d"

Leave a comment