Carbon storia e biografia

Sebbene la società sia stata fondata nel 2013 (originariamente chiamata Carbon3D), Carbon ha fatto notizia e ha avuto un debutto nel 2015, quando il co-fondatore e CEO Joseph DeSimone ha tenuto un discorso TED mostrando un prototipo della tecnologia CLIP (Ultra-Continuous Liquid Interface Production) dell’azienda . Quello che all’epoca era così rompiscatole di CLIP era il fatto che affermava che poteva fabbricare strati completi meno oggetti in meno di 10 minuti, da 25 a 100 volte la velocità di altre tecnologie sul mercato.

CLIP è ora considerato una forma di stampa 3D DLP continua. Il modo in cui funziona è che un proiettore a LED UV viene proiettato attraverso una membrana permeabile all’ossigeno su resina fotopolimerica. Tra l’oggetto che viene stampato e la finestra c’è quella che Carbon definisce una “zona morta” che consiste di resina non indurita. Mentre la luce attraversa la zona morta e cura la parte, la resina scorre sotto la zona morta per mantenere la “interfaccia liquida continua”.

A differenza di CLIP, con la sua interfaccia a liquido continuo, il tradizionale DLP presenta l’uso di un meccanismo per separare le parti stampate dal piano di stampa con ogni strato. Invece di passare il tempo a tagliare lo strato dal piano di stampa, la tecnologia CLIP continua a funzionare, consentendo stampe senza interruzioni.

La velocità è solo il vantaggio più ovvio di CLIP. La natura senza strati del processo significa parti isotopiche, qualcosa che in precedenza era praticamente invisibile nella stampa 3D polimerica, generalmente ostacolata dalla debolezza lungo l’asse z. Grazie alle esclusive sostanze chimiche sviluppate internamente da Carbon, un ulteriore trattamento termico in un forno a circolazione forzata applicato alle parti stampate in 3D attiva la resistenza di livello tecnico. Di conseguenza, queste parti non sono solo robuste, ma corrispondono alle caratteristiche fisiche che i produttori di massa stanno cercando in alcuni componenti per uso finale.

CLIP è stato lanciato sul mercato con la stampante 3D M1 (volume di costruzione 144 x 81 x 330 mm, risoluzione 75 μm), che ha anche introdotto il nuovo schema tariffario di Carbon. Invece di acquistare stampanti e materiali, i clienti si abbonano a loro. Con la M1, ciò significava $ 40.000 all’anno con un periodo minimo di tre anni che ha ottenuto ai clienti stampante, materiali, software e supporto. L’installazione e la formazione sono state di $ 10.000. E un pacchetto iniziale di accessori era di $ 12.000. Sono stati applicati sconti per l’acquisto di più sistemi.

Dopo la M1 arrivò la M2 , che offriva il doppio del volume di costruzione del suo predecessore, oltre a una Smart Part Washer, un metodo automatizzato per la pulizia delle parti dopo la stampa. Con le nuove macchine, DeSimone ha anche spiegato che Carbon stava sviluppando una tecnologia modulare che avrebbe permesso di aggiornare, collegare o automatizzare i sistemi.

La successiva stampante 3D L1, rilasciata proprio lo scorso febbraio, ora funge da macchina a livello di produzione Carbon, con un volume di produzione dieci volte superiore a quello della M1 e cinque volte superiore a quello della M2. Ora, M2 viene fatturato come più di una macchina per la prototipazione o la stampa in piccoli lotti. Carbon pubblicizza il fatto che i clienti possono ora prototipare utilizzando la stessa identica tecnologia con cui produrranno, fornendo un percorso semplificato dalla progettazione alla produzione.

Insieme alle stampanti, Carbon ha rilasciato una serie di materiali che vanno da estere di cianato rigido e resistente alle alte temperature a poliuretano flessibile a una gamma di materiali dentali conformi alla FDA. Inoltre, da qualche parte intorno al 2017, Carbon ha iniziato a differenziare tra il suo processo di stampa 3D (CLIP) e l’hardware che consente tale processo, indicato come Digital Light Synthesis (DLS).

Dal lancio di Carbon, numerose altre aziende hanno svelato la propria forma di stampa 3D DLP continua, con alcuni vantaggi e velocità superiori a CLIP. Prodways , Carima ed EnvisionTEC hanno dimostrato tutte le forme di DLP continuo. Una startup con sede a Chicago chiamata Azul 3D ha progettato un sistema di stampa 3D che stampa ancora più grande e più veloce di CLIP .

Ciò che molti sfidanti non hanno sono i nomi che Carbon ha assunto sotto forma di partner, investitori e membri del gruppo dirigente. I quattro round di raccolta fondi dell’azienda tra il 2014 e il 2017 hanno incluso Google Ventures, GE, Adidas, BMW e Johnson & Johnson. Craig Carlson di Tesla è entrato a far parte dell’azienda per guidare il suo team di ingegneri nel 2014. Il consiglio di amministrazione di Carbon include l’ex CEO Ford Alan Mulally e l’ex CEO DuPont Ellen Kullman.

La partnership che sembrò catturare alcuni dei titoli più importanti fu quella con Adidas, che, nel 2017, annunciò che avrebbe usato il DLS di Carbon per creare “Speedfactories” come mezzo per ridare sostegno alla produzione europea. Lo sforzo è stato progettato per sostituire le migliaia di lavoratori a basso costo che svolgono lavori manuali in Asia con una combinazione di stampanti 3D Carbon e altri robot gestiti da soli 160 dipendenti Adidas locali. L’obiettivo era produrre, entro la metà del 2017, 500.000 scarpe con intersuola stampata in 3D all’anno.

Come abbiamo appreso di recente , tuttavia, un aspetto dell’iniziativa Speedfactory è terminato, in particolare le scarpe con intersuola Boost. Joris ha sottolineato che $ 43 per intersuola stampata in 3D era un prezzo elevato per un’azienda dipendente da beni economici per il massimo profitto. Ha anche mostrato preoccupazione per la longevità dei materiali utilizzati per l’intersuola stampata in 3D. Adidas ha affermato che continuerà a utilizzare la tecnologia Carbon per la produzione di intersuole e prevede addirittura di aumentare in totale.

Le prospettive per l’intersuola stampata in 3D potrebbero non essere così cupe come inizialmente ipotizzato da Joris, o almeno non in superficie, ma vale davvero la pena considerare la quantità di stampa 3D che alla fine contribuirà al re-shoring dei lavori nel Nord del Nord mentre l’umanità si sforza contemporaneamente di riparare il nostro ecosistema. Possiamo continuare a inventare e implementare nuove tecnologie per la produzione di beni di consumo di scarto realizzati con materie plastiche a base di petrolio se vogliamo ridurre l’uso di combustibili fossili e prevenire il collasso ecologico? Mentre tentiamo di rispondere (o ignorare) a questa domanda, i nostri beati unicorni possono continuare a galoppare in avanti verso nuove valutazioni.

Da quando sono iniziati gli sforzi di raccolta fondi nel 2014, Carbon ha raccolto un totale di $ 682 milioni, con il suo ultimo round di finanziamento Serie E nel giugno di quest’anno che ha portato a $ 260 milioni. La società è ora valutata a quasi $ 2,4 miliardi. Sono più di due interi unicorni!

Be the first to comment on "Carbon storia e biografia"

Leave a comment