Campus di produzione additiva BMW

BMW Group punta a “industrializzare la stampa 3D” con l’apertura del nuovo campus di produzione additiva da 15 milioni di euro
“Il nostro obiettivo è di industrializzare sempre più i metodi di stampa 3D per la produzione automobilistica”.

Il BMW Group ha aperto ufficialmente il suo nuovo campus di produzione additiva da 15 milioni di euro a Monaco di Baviera, in Germania, cercando di “sviluppare la sua posizione di leader” nella stampa 3D nel leader aerospaziale.

La struttura fungerà da centro per la produzione di prototipi e serie di parti, ricerca di nuove tecnologie di stampa 3D e formazione associata per il lancio globale della produzione senza utensili. Ospita anche circa il 50% della capacità di produzione additiva globale di BMW, con 50 sistemi polimerici e metallici industriali situati nel Campus AM e altri 50 sparsi in varie parti del mondo.

Negli ultimi anni, la BMW ha investito molto nella tecnologia di stampa 3D, collaborando e investendo in aziende del calibro di Carbon, Desktop Metal, Xometry ed Elise, e allo stesso tempo implementando la produzione additiva per produrre componenti di serie, come un dispositivo per il meccanismo di piegatura della capote della i8 Roadster e parti di personalizzazione di massa come gli shuttle laterali personalizzati MINI Yours. Solo lo scorso anno, la società ha prodotto oltre 300.000 pezzi.

Con la nuova struttura, BMW ha ampliato il proprio impegno per l’additivo. Si concentrerà sull’ottimizzazione di nuove tecnologie e materiali per un “uso globale in tutta l’azienda”. Ciò includerà l’automazione delle catene di processo per ridurre il lavoro manuale, mentre una linea di produzione è stata istituita con partner di ricerca per i requisiti specifici della produzione in serie, individuale e di pezzi di ricambio. Gli obiettivi di produzione confermano lo stato di questa impresa collaborativa come progetto faro: si prevede che la produzione raggiungerà un totale di almeno 50.000 componenti della serie all’anno, con oltre 10.000 singoli e pezzi di ricambio.

La nuova struttura di BMW ospiterà inoltre lo sviluppo di una metodologia di garanzia della qualità coerente in linea con il progetto POLYLINE, annunciato a maggio , per accelerare la produzione additiva di parti polimeriche nello spazio automobilistico. I risultati di questo progetto dovrebbero contribuire a ridurre i costi di produzione fino al 50%.

Per saperne di più: La macchina da stampa definitiva: come BMW applica la stampa 3D ai veicoli commerciali

Il Campus AM di Monaco fungerà da fulcro centrale degli sforzi produttivi additivi della BMW, con il personale di tutto il mondo pronto per essere addestrato al fine di garantire il successo dell’implementazione globale della stampa 3D.

“La produzione additiva è già oggi parte integrante del nostro sistema di produzione mondiale e consolidata nella nostra strategia di digitalizzazione”, ha commentato Milan Nedeljković, membro del consiglio di amministrazione di BMW AG per la produzione. “In futuro, nuove tecnologie di questo tipo ridurranno ulteriormente i tempi di produzione e ci consentiranno di beneficiare ancora di più del potenziale della produzione senza utensili”.

“Il nostro obiettivo è di industrializzare sempre più i metodi di stampa 3D per la produzione automobilistica e di implementare nuovi concetti di automazione nella catena di processo”, ha aggiunto Daniel Schäfer, vicepresidente senior per l’integrazione della produzione e l’impianto pilota del BMW Group. “Questo ci consentirà di ottimizzare la produzione di componenti per la produzione in serie e di accelerare lo sviluppo. Allo stesso tempo, stiamo collaborando con lo sviluppo dei veicoli, la produzione di componenti, gli acquisti e la rete di fornitori, nonché con varie altre aree dell’azienda per integrare sistematicamente la tecnologia e utilizzarla in modo efficace. “

Be the first to comment on "Campus di produzione additiva BMW"

Leave a comment