Camera Culture del Media Lab con un Microsoft Kinect da 150 dollari scansionano una testa di dinosauro T Rex

I ricercatori del Media Lab di MIT usano il  Microsoft Kinect da 150 dollari per la scansione 3D diun cranio di un  T. Rex da un metro e mezzo di lunghezza
Il gruppo di Camera Culture, proveniente dal Media Lab di MIT, è riuscito a scansionare ad alta risoluzione di un teschio di un tirannosauro T rex lungo un metro e mezzo con un Microsoft Kinect. Il gruppo del MIT è ha preso in mano il progetto dopo che una squadra di dentisti forensi non è riuscita a catturare una scansione digitale del cranio di dinosauro su larga scala con la propria tecnologia di scansione.

Il progetto è iniziato l’anno scorso, quando un team di dentisti forensi è stato invitato a eseguire la scansione 3D del massiccio cranio T. rex presso il Field Museum of Natural History di Chicago. Il cranio ha alcuni alcuni fori misteriosi nella  mascella, e si vuole capirne di più.

Utilizzando uno scanner 3D dentale ad alta risoluzione, la squadra ha deciso di eseguire la scansione della mascella del dinosauro, ma alla fine non è riuscita a catturare una scansione completa di qualità sufficiente. Quindi hanno chiamato Camera Culture, un gruppo del Media Lab di MIT che stava sviluppando un sistema di scansione 3D ad alta risoluzione.

Anche quel sistema di scansione non era equipaggiato per il compito di grandi dimensioni a portata di mano, per cui il team di Camera Culture ha lavorato per improvvisare un sistema che funzionerebbe con il cranio. Utilizzando solamente hardware da   150 dollari e un programma software free, la squadra è stata in grado di costruire un sistema di scansione 3D capace di eseguire la scansione del cranio gigante.

Il sistema di scansione utilizzato da Microsoft Kinect, una fotocamera di rilevazione profonda utilizzata principalmente per i giochi  e il software MeshLab. Il Kinect è stato usato per produrre una nuvola di punti di un oggetto (una mappa 3D composta da punti) mentre MeshLab è stato utilizzato per analizzare questi punti per generare una forma 3D dell’oggetto scannerizzato.

Rispetto alla maggior parte dei sistemi di scansione high-end presenti sul mercato, che costano fino a decine di migliaia di dollari, molto più convenienti (stiamo parlando di cifre inferiori ai 200 dollari ) il sistema Kinect è ancora perfettamente vitale. La discrepanza è il livello di risoluzione, in quanto la risoluzione di Kinect è solo di circa 500 micrometri, rispetto alla risoluzione da 50 a 100 micrometri che gli scanner top-of-the-line hanno. Ancora, per la maggior parte delle applicazioni, il Kinect può essere utile.

“Molte persone potranno iniziare a utilizzare questo”, ha detto il ricercatore Anshuman Das, il primo autore dello studio del progetto. “Questo è il messaggio che voglio inviare a persone che sarebbero generalmente tagliate fuori dall’uso della tecnologia – per esempio, paleontologi o musei che contano su un budget molto modesto. Ci sono tanti altri campi che potrebbero trarre beneficio da questa metodologia “.

Vale la pena ricordare anche che  il cranio T. Rex che è stato scansionato in 3D,   è  il teschio di T. rex “più grande e completo” che è stato trovato. I fori misteriosi della sua mascella  erano lungamente ritenuti segni di denti da  attacco, anche se le scoperte più recenti mostravano che la spaziatura dei fori era incoerente con i modelli di morso.

Una teoria più recente ha suggerito che i forifossero dovuti ad un’infezione protozoale causata da preda infetta. Adesso, però, con  la scansione 3D del cranio, entrambe queste teorie sono messe in dubbio. (La scansione ha rivelato che i fori hanno il cono verso l’esterno, cosa che non si verifica con  un’infezione in bocca.)

Con la scansione 3D del cranio T. rex, i ricercatori di tutto il mondo possono ora consultare e esaminare gli strani fori. Infatti, la stampa 3D potrebbe essere utilizzata anche per aiutare i ricercatori a ricreare il cranio per l’esame fisico, un compito che è stato dimostrato dal team Camera Culture, che ha stampato alcuni modelli stampati 3D del cranio.

“La scansione tridimensionale ha veramente rivoluzionato la paleontologia”, ha dichiarato Peter Mackovicky, presidente associato di paleontologia presso il Field Museum. “Siamo in grado di chiedere e rispondere a molte questioni quantitative. Ma in generale siamo un settore abbastanza sottofinanziato, e per molte persone, i sistemi di scansione off-the-shelf sono ancora fuori dalla portata usuale di un budget di ricerca. Avere qualcosa di molto economico, versatile e relativamente veloce è certamente utile. E una cosa bella del nuovo sistema è che i tuoi risultati sono immediati. Puoi vedere in tempo reale se stai catturando i dati necessari, che è un grande vantaggio “.

Be the first to comment on "Camera Culture del Media Lab con un Microsoft Kinect da 150 dollari scansionano una testa di dinosauro T Rex"

Leave a comment