Byxee Il sensore per biciclette che vede i pericoli una idea italiana che parte da Pesaro

Byxee, è il primo dispositivo intelligente di sicurezza per biciclette costruito  grazie alla stampante 3d Volta della Kentstrapper

Anche se molti ciclisti  pensano di poter individuare i pericoli della strada in un  tempo sufficiente per fermarsi , il più delle volte questo non avviene. Soprattutto con  l’incremento dell’uso degli  smartphone come strumenti di navigazione che diminuiscono l’attenzione sulla strada di automobilisti ciclisti e anche pedoni.

Ora si comincia a vedere una evoluzione di automobili intelligenti ( la prima è stata la Volvo ) che dispongono di un certo numero di sensori  per assistere i conducenti con per esempio la frenata automatica. Il passo naturale successivo  e l’approdo di questi sensori anche nelle bici tanto da avere una nuova generazione  di biciclette ‘intelligenti’ che sono in grado di aiutarci.

Da Pesaro arriva una di queste evoluzioni con una soluzione portatile che può essere installata su una qualsiasi bicicletta esistente  . Un modo semplice di upgradare quello che abbiamo piuttosto che comprare dei modelli di biciclette molto futuristiche.

Il dispositivo è simile per concezione ai sistemi di assistenza alla guida presenti nelle auto moderne. Il Byxee è stato creato da Riccardo Ricci specialista  di Intelligenza artificiale e dal suo team : il dispositivo ha lo scopo di mettere in guardia i ciclisti quando gli oggetti in movimento o oggetti pericolosi entrano nel suo campo visivo per aiutare in ultima analisi, a prevenire gli incidenti.

Il dispositivo montato sul manubrio,  è il risultato di molte tentativi stampati in 3d in molti mesi : incorpora una videocamera e un microprocessore. Un algoritmo personalizzato è in grado di rilevare le ombre e le differenze di contrasto causate da irregolarità delle normali condizioni di luce nella strada. Se il software determina che un oggetto in arrivo può essere un pericolo, (in questo caso, tutto ciò che misura più di 3 pollici / 76 mm) il ciclista viene avvertito tramite un allarme audio. Questo processo di scansione della strada di fronte alla bicicletta avviene centinaia di volte al secondo a distanze fino a  25 m  il che significa che le segnalazioni sono altamente sensibili a qualsiasi numero di potenziali pericoli che vanno dai pedoni alle auto agli oggetti fino alle buche.

Come molti altri dispositivi hardware moderni, il Byzee è stato creato grazie al basso costo della stampa 3D. Il team di progettazione della Byxee, ha già sviluppato tecnologie intelligenti per le marche di auto. Secondo il team, il Byxee è il risultato di oltre due anni di ricerca che ha  coperto ogni aspetto la tecnologia, il design e, naturalmente, la funzionalità.

Per produrre i modelli  stampati in 3d , il team di progettazione ha utilizzato una stampante Kentstrapper Volta 3D – un noto marchio italiano .

Byxee è proposto su Indiegogo per una campagna di crowfunding;  c’è ancora quasi un mese per la raccolta fondi e finora sono riusciti a raccogliere quasi 20.000 dollari in poco meno di due settimane L’ obiettivo è di 135 mila euro. Per chi fosse interessato ad acquistare un Byxee, la squadra lo sta vendendo per  139 dollari  con un prezzo al dettaglio di 249 dollari previsto dopo la fine della campagna.

Be the first to comment on "Byxee Il sensore per biciclette che vede i pericoli una idea italiana che parte da Pesaro"

Leave a comment