Buddy il cane con la zampa storta curato con la stampa 3d

La stampa 3D aiuta a pianificare la chirurgia degli arti su un cane

La stampa 3D si è dimostrata utile per protesi e protesi negli animali. Infatti, nel 2018, la stampa 3D ha dato ad alcuni animali una seconda possibilità . Ma ora le stampanti 3D possono essere utilizzate anche per la stampa di modelli ossei che possono aiutare nella pianificazione pre-chirurgica. Prendiamo il caso di Buddy, un cane Havanese castrato di quattro anni che presentava una grave deformità dell’arto angolare (ALD).

Le deformità degli arti nei cani sono molto difficili da pianificare e trattare, e finora questo è stato fatto eseguendo un’analisi preoperatoria usando viste ortogonali radiografiche. In questa fase, le dimensioni, il tipo di hardware e la posizione dell’osteotomia vengono determinati e quindi trasferiti all’animale. Questa procedura ha portato a risultati soddisfacenti, ma avere un modello stampato in 3D dell’arto dell’animale può portare beneficio alla pianificazione pre-chirurgica.

Il modello dell’arto stampato in 3D ha la stessa scala dell’arto reale del cane, che consente ai chirurghi di pianificare le procedure chirurgiche nel modo più preciso possibile. Questa procedura offre numerosi vantaggi, come la riduzione del tempo in cui l’animale è in anestesia, la riduzione dei rischi associati alla dimensione della deformità degli arti e la riduzione delle probabilità di qualsiasi infezione. Questa procedura può essere costosa, ma se teniamo conto di tali benefici, il costo di implementazione di modelli di arti stampati 3D può essere giustificato ei chirurghi possono evitare qualsiasi ulteriore intervento di revisione.

Ma i chirurghi non sono quelli che decidono di usare modelli stampati in 3D. Nella maggior parte dei casi, i proprietari dell’animale prendono la decisione di questo metodo alternativo. Siamo certi che negli ultimi due anni le stampanti 3D sono migliorate così come i materiali usati per replicare le ossa molto da vicino. La procedura utilizzata dai chirurghi per la pianificazione pre-chirurgica consente loro di tagliare e posizionare impianti su modelli, imitando il vero intervento chirurgico e studiando il risultato finale.

Buddy aveva una deformità antebrachiale anteriore di destra che provocava una significativa disabilità fisica. I chirurghi eseguivano radiografie ortogonali sull’arto di Buddy per individuare l’angolo del centro di rotazione, ma era difficile determinarlo dai raggi X. Quindi, i chirurghi eseguirono una TC. Per generare le viste 3D e per manipolare ulteriormente l’arto, è stato utilizzato uno specifico software per computer. Questo software ha aiutato i chirurghi a risolvere la correzione dell’angolazione e della rotazione.

Infine, i chirurghi hanno creato il modello degli arti utilizzando una stampante 3D con una resina appositamente formulata che rappresenta un vero osso dopo la polimerizzazione. Il modello è stato eseguito con un’osteotomia a cuneo chiuso con angolo obliquo, risultante in un raggio e un’ulna allineati anatomicamente. Quindi è stata fabbricata una maschera per l’uso intra-operatorio. Gli impianti sono stati modellati nella nuova configurazione e il pre-posizionamento degli impianti ha permesso ai chirurghi di avere una corrispondenza esatta prima dell’intervento. I chirurghi hanno sterilizzato gli impianti e la maschera per usarli sul compagno intraoperatorio.

La procedura finale era quella di porre Buddy in posizione di decubito ventrale con l’arto in una posizione tale da consentire ai chirurghi di eseguire un’incisione laterale cranica sul sito dell’osteotomia. La tecnica utilizzata era meno invasiva grazie al modello 3D degli arti che permetteva ai chirurghi di ridurre significativamente le dimensioni dell’incisione. L’osteotomia è stata eseguita dopo la dissezione e la separazione delle strutture muscolotendine. I chirurghi hanno allineato l’osso e posizionato il piatto pre-sagomato, lavato e suturato l’area in tre strati, e Buddy ha ricevuto un bivalve da indossare per due settimane. La pianificazione pre-chirurgica con un modello di arto stampato in 3D ha permesso di risparmiare tempo al chirurgo e ha ridotto il tempo di anestesia. La morbilità di Buddy è stata ridotta al minimo grazie a questa tecnica, che fornisce un tempo di guarigione più veloce dell’arto.

La stampa 3D ha riscosso un notevole successo in molti campi della medicina, inclusa la chirurgia. I modelli stampati in 3D possono aiutare a comprendere i dettagli anatomici che l’imaging 2D ei modelli virtuali 3D non consentono di vedere. Tuttavia, avrà bisogno di costi di produzione aggiuntivi e tempo aggiuntivo per accedere a una stampante 3D. Speriamo che queste due principali preoccupazioni possano essere migliorate in futuro.

Be the first to comment on "Buddy il cane con la zampa storta curato con la stampa 3d"

Leave a comment