BRILL 3D CULINARY STUDIO

Esclusivo: 3D Systems Sugar Stampa 3D lanciata sul mercato da Brill, Inc.

Per ogni appassionato di stampa 3D con un debole per i dolci, lo svelamento delle stampanti 3D ChefJet e ChefJet Pro al CES 2014 è stato un grande momento clou. Presentati con colori brillanti e forme decorate allo stand di 3D Systems c’erano immensi toppers che erano impossibili da perdere. La tecnologia è stata creata da Kyle e Liz von Hasseln, fondatori dell’ultima acquisizione di 3D Systems, The Sugar Lab.

Più tardi nello stesso anno, tuttavia, i dubbi iniziarono a circondare il futuro della nuova tecnologia di stampa dello zucchero di 3D Systems quando l’ex CEO Avi Reichental si trovò di fronte al controllo del consiglio di amministrazione e del mercato azionario. Da allora, abbiamo sentito alcuni bocconcini qua e là che indicavano che la stampa di zucchero era ancora nell’ambito della società, nonostante le scaffalature della sua unità di stampa 3D di consumo.

Non è stato fino ad ora che abbiamo avuto la conferma che la tecnologia è vivo e vegeto e faranno tappa a mercato attraverso una partnership con Brill, Inc . Per saperne di più, abbiamo parlato con David Nies, Vice President of Business Development di Brill.

Uno dei motivi per cui The Sugar Lab si è adattato perfettamente a 3D Systems è stato il fatto che la tecnologia di avvio si basava sul processo di getto del legante di 3D Systems. Inizialmente sviluppato presso il MIT e concesso in licenza a Zcorp, il getto di legante comporta la deposizione di un agente legante liquido in un letto di polvere, costruendo un oggetto strato dopo strato. Zcorp, acquisita da 3D Systems nel 2012, ha perfezionato la tecnologia incorporando una testina di stampa a colori che ha permesso la creazione di modelli 3D vivaci e colorati.

Sugar Lab ha sostituito il gesso utilizzato da Zcorp con zucchero a velo e ha sostituito il legante e l’agente colorante con ingredienti sicuri per gli alimenti. In 3D Systems, il risultato è stato una tecnologia in grado di stampare in 3D un arcobaleno di forme complesse con sapori interessanti. Tuttavia, quello era solo l’inizio di ciò che Brill e 3D Systems ora hanno in serbo.

Fondata nel 1928, Brill è un fornitore di ingredienti e prodotti da forno, che vanno da glasse e smalti a biscotti e torte. Mentre i consumatori potrebbero avere meno familiarità con il nome, gli operatori di panetterie e servizi di ristorazione in tutto il Nord America lo riconosceranno sicuramente. Potrebbero anche conoscere le molte altre filiali di proprietà della società madre di Brill, CSM Bakery Solutions.

Ora, Brill sta facendo il salto da pasticceria e ripieno alla stampa 3D di alimenti attraverso una partnership con 3D Systems iniziata nel 2017. Mentre 3D Systems si è concentrata sullo sviluppo tecnologico di software e hardware, Brill ha sviluppato polveri aromatizzate e agenti leganti liquidi che lavorano insieme per stampare oggetti. Insieme, i partner presenteranno Brill 3D Culinary Studio con tecnologia 3D Systems questa estate.

“Quando la stampante culinaria 3D Brill verrà lanciata quest’estate, sarà la stampante 3D per alimenti più avanzata mai sviluppata; in grado di stampare dozzine o centinaia di oggetti contemporaneamente a colori e con dettagli sorprendenti. Ci sono volute ricerche e invenzioni significative per arrivare a dove siamo ora e sono davvero entusiasta di vedere questa tecnologia finalmente approdare nelle abili mani di chef che sicuramente guideranno progressi immediati nelle arti culinarie “, ha affermato Kyle von Hasseln, direttore di Culinary Technology presso 3D Systems.

Grazie alle relazioni con i clienti esistenti di Brill nel settore alimentare, sarà in grado di portare 3D Culinary Studio a chef e altri artisti culinari in ristoranti, casinò, hotel, parchi a tema, navi da crociera e società di catering di fascia alta. Nies ha spiegato che il suo team prevede che i clienti utilizzino la tecnologia in due modi: produrre pezzi più grandi che non vengano consumati o pezzi più piccoli e commestibili.

Oltre agli agenti leganti liquidi che verranno gettati in un letto di polvere per fornire l’intero spettro di colori in qualsiasi pezzo stampato, Brill sta sviluppando una vasta gamma di polveri aromatizzate per offrire agli chef una vasta gamma di scelte. I sapori spaziano dalla fragola o dall’anguria, destinati principalmente ai dessert, ai cetrioli, destinati alle bevande. Brill sta anche esplorando opzioni salate.

“Abbiamo collaborato con chef che hanno studiato l’uso di oggetti saporiti stampati in 3D nelle zuppe”, ci ha detto Nies. “Questo è veramente ciò che pensiamo sia unico riguardo a questa particolare soluzione: non solo il sistema produrrà pezzi incredibilmente belli, ma fornirà anche un’esperienza sensoriale incredibile e completa per i consumatori dei nostri clienti, dall’aspetto visivo a quello materico all’intero consumo Esperienza. Ciò che siamo stati in grado di sviluppare in termini di sapore con le polveri è piuttosto notevole nel senso di fornire la verità del sapore. “

Un rendering di Brill 3D Culinary Studio realizzato con 3D Systems. Immagine gentilmente concessa da 3D Systems.

Quando sono stati presentati al CES 2014, i prezzi sono stati quotati a $ 5.000 e $ 10.000 per ChefJet e ChefJet Pro, ma Culinary Studio potrebbe essere diverso. Nies afferma che il costo esatto verrà discusso direttamente con i clienti e che dovrebbe rientrare nei budget professionali della cucina. Incluso nel pacchetto saranno il software, la stampante, la stazione di finitura (la depowdering è necessaria nella stampa dello zucchero e il tradizionale getto di legante), l’installazione e la formazione.

Indipendentemente dai numeri esatti, Nies ritiene che 3D Culinary Studio possa ridurre costi e manodopera rispetto ai metodi per creare qualcosa di simile ai metodi tradizionali (manuali). Inoltre, questa tecnologia può fabbricare oggetti alimentari impossibili con qualsiasi altro mezzo.

Cuochi e artisti culinari possono permetterselo, ma saranno in grado di progettare per la stampa 3D? Oltre al pacchetto di cui sopra, i clienti avranno anche accesso a una libreria di 150-200 modelli 3D. Se desiderano un design personalizzato, saranno in grado di accedere a un servizio di progettazione 3D sviluppato esclusivamente per Brill 3D Culinary Studio per far modellare il loro concetto con una piccola tassa. Il modello è quindi loro da mantenere e, attraverso la formazione fornita da Brill, i clienti saranno in grado di cambiare il colore, personalizzare o aggiungere un logo aziendale al design all’interno del software.

“Una cosa che abbiamo imparato attraverso i test degli utenti è che quando qualcuno ha inizialmente supposto che la stampante 3D sarebbe difficile da usare o da capire, sono rimasti piacevolmente sorpresi da quanto sia facile da usare”, ha detto Nies. “Quello che vogliamo davvero provare a fare è lasciare che gli artisti culinari gestiscano l’arte e permettiamo a noi di gestire il lato tecnico delle cose e rendere più facile per te produrre tutto ciò che puoi immaginare.”

Nies afferma che la lista d’ attesa di Brill per il Culinary Studio è già notevole, anche se i clienti non possono ancora essere rivelati. Il prodotto sarà ufficialmente sul mercato questa estate. Nel frattempo, Brill aprirà uno showroom nei suoi uffici ad Atlanta, in Georgia, questa primavera, dove i potenziali clienti potranno vedere di persona la tecnologia.

Brill, Inc., una società CSM Bakery Solutions, ha annunciato oggi l’introduzione del Brill 3D Culinary Studio, un nuovo e innovativo sistema di stampa 3D culinaria a colori di livello professionale. Frutto di una collaborazione pluriennale con il pioniere della stampa 3D 3D Systems (NYSE: DDD), la nuova tecnologia offre agli chef il potere di produrre creazioni culinarie personalizzate e all’avanguardia, limitate solo dalla loro immaginazione. Sfruttando Brill 3D Culinary Studio, chef e cocktail artigiani possono trascendere i confini dei loro strumenti esistenti per produrre oggetti elaborati e personalizzati su misura per emozionare e deliziare i loro clienti.

“Il nostro team di Brill ha collaborato con 3D Systems per sviluppare uno strumento di trasformazione per l’industria culinaria”, afferma David Nies, Vice Presidente dello sviluppo aziendale di Brill, Inc. “Siamo entusiasti di fornire agli chef questa tecnologia, che consente loro di crea tutto ciò che può immaginare con il semplice tocco di un pulsante. E mentre gli oggetti prodotti dalla 3D Culinary Printer sono davvero notevoli; questa straordinaria nuova tecnologia ci consente di offrire una nuova soluzione per i clienti a basso costo e facile da usare. ”

È la relazione tra Brill, Inc. e 3D Systems, riconosciuta come leader internazionale nei rispettivi settori, che ha reso possibile questa tecnologia. Ognuno apporta al progetto la propria reputazione di innovazione nell’ambito delle industrie della panificazione e della stampa 3D. Il risultato è l’innovativo Brill 3D Culinary Studio, una soluzione integrata che include la stampante culinaria 3D Brill e il software basato sulla tecnologia 3D Systems, la polvere culinaria 3D Brill e il legante culinario 3D Brill, tutti utilizzati in tandem per produrre una gamma illimitata di -colori 3D realistici e commestibili e abbellimenti. Gli chef possono utilizzare il proprio design o selezionare da una libreria di centinaia di progetti 3D per stampare in serie pezzi più piccoli come decorazioni per torte, confezioni e contorni o stampare pezzi più grandi e di tendenza.

Brill 3D Culinary Studio consente ai team culinari di superare i limiti della propria creatività in modo più rapido ed economico e di produrre centinaia di figure straordinariamente complesse anche al di fuori dell’orario lavorativo tradizionale, compensando così i costi del lavoro. Attraverso vari programmi di test del 2019, gli chef dei casinò e dei ristoranti hanno sperimentato in prima persona le capacità di Brill 3D Culinary Studio e hanno fornito feedback in tempo reale per garantire che ogni aspetto della tecnologia superasse gli rigorosi standard delle cucine commerciali.

“Per oltre 30 anni, le tecnologie di 3D Systems sono state un catalizzatore per trasformare la produzione – consentendo la creazione di prodotti impossibile con i metodi tradizionali”, ha affermato Menno Ellis, vicepresidente senior e direttore generale, materie plastiche, 3D Systems. “È entusiasmante vedere come le nostre tecnologie leader del settore possano essere applicate alle arti culinarie, consentendo agli chef di portare il loro mestiere a livelli senza precedenti per creare in modi mai prima possibili, o economicamente fattibili. La combinazione di esperienza e competenza dei team di Brill e 3D Systems insieme a materiali e tecnologie di stampa 3D unici sta consentendo una soluzione innovativa “.

Il team Brill presenterà la tecnologia in tutti gli Stati Uniti nel 2020, con installazioni anticipate dei primi 3D Culinary Studios nell’estate del 2020. Chi è interessato a saperne di più può visitare www.Brill3DCulinaryStudio.com .

Informazioni su Brill®
Brill, Inc. è leader negli ingredienti e nei prodotti da forno al servizio di panetterie al dettaglio e operatori della ristorazione in tutto il Nord America. Ispiriamo la creatività e definiamo le occasioni speciali dal 1928 con glasse, smalti, guarnizioni, torte, biscotti e muffin pronti all’uso. Indipendentemente da come cresce la nostra attività, una cosa rimane la stessa: un profondo impegno per la cura del cliente, un’eccezionale competenza tecnica e rigorosi standard di eccellenza. La nostra promessa è quella di fornire idee originali e formulazioni superiori che aiutino i nostri clienti a creare un’esperienza di panetteria unica nel suo genere.

Dichiarazioni previsionali
Alcune dichiarazioni rese in questo comunicato che non sono dichiarazioni di fatti storici o attuali sono dichiarazioni previsionali ai sensi del Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Le dichiarazioni previsionali comportano rischi noti e sconosciuti, incertezze e altri fattori che possono causare i risultati effettivi, le prestazioni o i risultati dei sistemi 3D devono essere materialmente diversi dai risultati storici o da eventuali risultati o proiezioni futuri espressi o impliciti da tali dichiarazioni previsionali. In molti casi, le dichiarazioni previsionali possono essere identificate da termini come “crede”, “convinzione”, “prevede”, “può”, “volontà”, “stime”, “intende”, “anticipa” o “piani” o il negativo di questi termini o altra terminologia comparabile. Le dichiarazioni previsionali si basano su convinzioni, ipotesi e aspettative attuali della direzione e possono includere commenti sulle convinzioni e aspettative della società in merito a eventi e tendenze futuri che incidono sulla sua attività e sono necessariamente soggette a incertezze, molte delle quali sono al di fuori del controllo del azienda. I fattori descritti sotto i titoli “Dichiarazioni previsionali” e “Fattori di rischio” nei documenti periodici di 3D Systems presso la Securities and Exchange Commission, nonché altri fattori, potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano materialmente da quelli riflessi o previsti dichiarazioni di bell’aspetto. Sebbene il management ritenga che le aspettative riflesse nelle dichiarazioni previsionali siano ragionevoli, le dichiarazioni previsionali non lo sono, e non dovrebbero essere invocati come garanzia di risultati o risultati futuri, né dimostreranno necessariamente di essere indicazioni precise dei tempi in cui tali risultati o risultati saranno raggiunti. Le dichiarazioni previsionali incluse sono rese solo come data della dichiarazione. 3D Systems non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere eventuali dichiarazioni previsionali fatte dalla direzione o per suo conto, a seguito di sviluppi futuri, eventi o circostanze successivi o altro.

Be the first to comment on "BRILL 3D CULINARY STUDIO"

Leave a comment