BRECA Health Care dispositivi medici e bioprinting

Azienda spagnola BRECA Health Care è all’avanguardia per dispositivi medici e bioprinting

Nel 2018 il sistema sanitario spagnolo si è classificato al terzo posto nel mondo, dietro Hong Kong e Singapore, e prima in Europa secondo uno studio Bloomberg, quindi non c’è da meravigliarsi se la ricerca e lo sviluppo delle tecnologie di bioprinting stanno spingendo fortemente per rendere il paese un paradiso per i suoi pazienti. Nel 2011, l’ingegnere industriale José Manuel Baena ha finanziato BRECA , una società sanitaria con sede a Granada, con l’obiettivo di aiutare la medicina a risolvere alcune delle patologie più complesse. BRECA è un pioniere in Europa,specializzato nella progettazione, produzione e commercializzazione di impianti personalizzati. È anche una delle prime aziende al mondo a realizzare un impianto stampato in 3D utilizzando una combinazione di dispositivi medici sintetici su misura stampati in 3D e strutture bioprotette per rigenerare una lesione . Si tratta di risolvere il maggior numero di patologie per Baena.

“Ci sono molte malattie nel mondo e molti di noi diventeranno utenti di queste soluzioni mediche un giorno, quindi investire tempo nella creazione delle attrezzature necessarie per aiutare la comunità medica è essenziale”, ha detto Baena durante un’intervista.

Il fondatore di BRECA Health Care è anche fondatore e CEO di REGEMAT 3D , una startup focalizzata sulla medicina rigenerativa, sviluppando hardware e software personalizzati richiesti e richiesti da alcuni dei principali ospedali e università di ricerca della regione, oltre a creare bioink per la bioprinting -dal commerciale ai bioink sviluppati con laboratori universitari fatti di cellulosa, pasta di colagen e con proprietà termoplastiche ideali per la terapia cellulare. Sviluppano i propri sistemi di bioprinting, le macchine BIO V1 e li personalizzano per le applicazioni dei loro utenti in base ai requisiti di ciascuna indagine. Era il 2011 quando Baena conobbe Juan Antonio Marchal, professore al Centro di ricerca biomedica (CIBM) dell’Universidad de Granada, in Spagna, lavorando con le cellule e cercando di fabbricare scaffold e matrici 3D, che il suo interesse per la medicina rigenerativa raggiunse il picco, così iniziò a creare tecnologia e materiali sintetici per creare cellule che aiutassero i medici a riparare e rigenerare le ferite.

“Vedo un futuro entusiasmante, con la stampa 3D che offre molte opportunità e applicazioni nella medicina rigenerativa e terapeutica. La fase successiva del bioprinting consiste nel combinare diversi tessuti e costruire organi in vitro, ma ciò potrebbe richiedere decenni. Per arrivare a un punto in cui possiamo creare organi solidi complessi funzionali, abbiamo bisogno di più sviluppi, ricerche, più persone interessate a utilizzare questa tecnologia, che è uno strumento affascinante per una conoscenza approfondita sulla futura creazione di organi. È anche importante capire come i bioreattori e la decellularizzazione ci aiuteranno a sviluppare tessuti e organi funzionali. Questo è il motivo per cui wAbbiamo gruppi di ricercatori che attualmente stanno lavorando a queste applicazioni, sia a breve che guardando avanti al futuro “, ha suggerito Baena, uno dei tanti appassionati che stanno cercando di integrare la tecnologia di stampa 3D con la medicina.

Ci sono molte opportunità in questo momento per aziende come BRECA, come la combinazione di dispositivi medici sintetici personalizzati stampati in 3D e strutture bioprotette per rigenerare un infortunio. Secondo Baena, in passato, se si voleva eseguire una ricostruzione utilizzando biomateriali che si biodegradano, si è stati limitati dalla geometria e dalle prestazioni dei dispositivi medici di dimensioni. Ma ora con la stampa 3D offrono soluzioni personalizzate anche utilizzando cellule autologhe del paziente per migliorare la rigenerazione. La piattaforma di biostampa di REGEMAT 3D è ideale per lo sviluppo di questo tipo di opzioni personalizzate e insieme a BRECA riescono a portare con successo all’impianto clinico 3D protesi e impianti stampati con risultati ottimali.

BRECA è stata una delle aziende pioniere nella bioprinting, introducendo il primo bioprinter nel paese. Oggi sono l’unica azienda spagnola a progettarle e produrle sul posto. Creano anche i bioreattori e nel 2018 ha tentato di progettare il tessuto cartilagineo , uno dei trattamenti più promettenti per i difetti della cartilagine articolare, grazie a un bioreattore progettato per implementare un monitoraggio non invasivo in tempo reale dei processi di formazione del tessuto neo-cartilagineo attraverso ultrasuoni analisi del segnale. Gli scaffold di acido polilattico (PLA) sono stati stampati e seminati con condrociti umani e quindi sono stati coltivati ​​in un bioreattore con ultrasuoni integrato. Il team ha utilizzato un sistema di bioreattori per convalidare i dati degli ultrasuoni contro la proliferazione, l’espressione genica e la biochimica quantitativa di condrociti in vitro 3D .

Con un totale di 200 casi clinici in tutto il mondo, BRECA sta aiutando i medici a passare a una soluzione più personalizzata che migliorerà la vita dei pazienti. Attraverso trattamenti più personalizzati, riducendo tempi e costi chirurgici complessi, l’azienda utilizza tecnologie di stampa 3D per la ricostruzione di lesioni in cranioplastica, maxillo-facciale, ossa e cartilagine, chirurgia pediatrica e toracica, neurochirurgia e altre ricostruzioni con guide chirurgiche su misura . Vari interventi di ricostruzione sono stati eseguiti presso l’Ospedale universitario di La Paz, uno dei partner di ricerca di BRECA, e dove Ramón Cantero e Baena coordinano la piattaforma di ingegneria e stampa dei tessuti 3D (PITI3D), che fornisce ingredienti e processi per generare tessuti funzionali.

“L’anno scorso abbiamo iniziato a lavorare con PITI 3D, una fantastica piattaforma di stampa 3D per l’ingegneria dei tessuti in uno degli ospedali più innovativi in ​​Spagna. Offriamo soluzioni per pazienti, medici e scienziati in applicazioni di medicina rigenerativa. I nostri progetti attuali comprendono la rigenerazione della pelle, in particolare per una patologia pediatrica nota come pelle di farfalla (una mutazione genetica che provoca vesciche cutanee); Kit Lab su un chip per trattamenti antitumorali e produzione di dispositivi medici su misura per interventi chirurgici complessi presso l’Ospedale universitario di La Paz (che facciamo attraverso BRECA) “, ha suggerito Baena, che ha recentemente conseguito il dottorato in Biomedicina.

Tra le prime 10 aziende di bioprinting al mondo, BRECA ha oltre 50 progetti attivi in ​​25 paesi, tra cui l’ Università di Sydney , l’Australia, l’ Università dello Iowa , negli Stati Uniti, l’ Istituto svedese di ricerca su carta e fibre , Ospedale Virgen del Rocio nell’Istituto Nazionale di Riabilitazione di Siviglia e Colombia. Hanno partecipato a numerosi processi di neurochirurgia sviluppando i dispositivi medici su misura per la cranioplastica in pazienti con lesioni o difetti cranici, così come ricostruzioni mascellari e altri tipi di protesi ossee. Gli innesti sagomati personalizzati sono realizzati con materiali come titanio o sostituti ossei sintetici.

“Molte altre aziende di bioprinting stanno vendendo stampanti 3D prodotte in serie, ma abbiamo scelto di offrire una macchina unica per il ricercatore che vuole creare bioprints unici, e questo funziona abbastanza bene per noi, perché noi Voglio solo avere le nostre stampanti in ogni laboratorio di bioprinting, invece ci piace essere coinvolti nella ricerca, conoscere i progetti e aiutare in ogni modo possibile. Il modello BRECA-REGEMAT è fortemente incentrato sul futuro delle applicazioni cliniche della produzione additiva. Negli ultimi anni c’è stata una crescita continua dei progressi della bioprinting, ma ritengo che i prossimi cinque anni vedranno un forte aumento delle scoperte di bioprinting “, afferma Baena.

Con così tante applicazioni per la bioprinting all’orizzonte, Baena crede che una volta che siamo in grado di progettare qualsiasi tessuto umano completamente funzionale, la prossima frontiera si troverà nel caricare i nostri ricordi, conoscenza e coscienza per immagazzinare e infine rigenerare la massa encefalica. Spiega che abbiamo la parte di rigenerazione verso il basso, ma abbiamo bisogno di tecnologie e processi che ci consentano di copiare le informazioni esistenti nel cervello in modo che possiamo anche rigenerarlo. “Come un backup del nostro cervello”, lo chiama. E sebbene lo scienziato e l’ingegnere sappiano che l’idea è inverosimile e potrebbe richiedere anni prima che accada realmente, crede che “l’investigazione continua sia la chiave per rendere possibile l’impossibile”. Dopo tutto, la rigenerazione dei tessuti era qualcosa di abbastanza futuristico 50 anni fa.

L’azienda spagnola crede nei vantaggi e nelle potenzialità della tecnologia, nonché nelle sue innumerevoli applicazioni, ma ci sono ancora molte indagini sulla strada e decenni prima che alcune delle imprese più audaci, come la creazione di organi pienamente funzionali, diventino realtà. Secondo Baena, la legislazione spagnola non è un impedimento per l’utilizzo delle macchine da stampa 3D, ma sì, quando si tratta della fase clinica, quindi potrebbero passare alcuni anni prima che parte della ricerca giunga a studi clinici e i legislatori dei pazienti raggiungono alcuni dei progressi tecnologici che si stanno avvicinando oggi.

Be the first to comment on "BRECA Health Care dispositivi medici e bioprinting"

Leave a comment