Branch Technology inizia a costruire a luglio la sua prima casa stampata in 3d sul progetto “Curve Appeal” di WATG Chicago

 

a luglio inizia la costruzione di case stampate in 3D

All’inizio di questa settimana, Eric Schmidt, CEO di Alphabet, società figlia di Google, ha annunciato i benefici che processi di costruzione con la stampa 3d potrebbero avere sul mondo, rafforzando ulteriormente la nostra lunga convinzione che gli edifici stampati 3D saranno il futuro della costruzione. Con un numero di aziende innovative che ricercano e sviluppano i processi di produzione di additivi per rinvigorire e anche rivoluzionare il settore delle costruzioni, abbiamo pochi dubbi sul fatto che questa è la strada intrapresa dall’industria. Una di queste si trova a Chattanooga, Tennessee la startup si chiama Branch Technology, ha appena annunciato che inizierà la costruzione della prima casa stampata in 3d a luglio.

Curve Appeal

All’inizio di quest’anno, Branch Technology ha annunciato la sua idea con l’Home Design Challenge, invitando tutti dagli studi di architettura alle persone singole a progettare una casa unifamiliare utilizzando il proprio sistema di stampa 3D innovativo chiamato Cellular Fabrication Tecnich (C-Fab). La scorsa settimana, il 22 aprile, i vincitori del concorso sono stati annunciati, e il design  vincitore è risultato , “Curve Appeal” progettato dallo studio di architettura WATG Chicago, sarà costruito a partire da luglio.

Come già detto, l’edificio incorporerà la tecnica C-Fab , che differisce leggermente da altri metodi di costruzione di stampa 3D descritti in precedenza . In sostanza, la tecnica di fabbricazione cellulare utilizza un  braccio robotico industriale (il Kuka KR 90), che estrude una fibra di carbonio rinforzata con materiale plastico ABS in strutture complesse e di grandi dimensioni arrivando fino a 8.772 piedi cubi in termini di dimensioni. Ciò che distingue queste strutture da altri processi di fabbricazione additivi in cemento, è che con questo si compone  l’intelaiatura interna della struttura dell’edificio. Cioè, una volta stampato, il prodotto può essere spruzzato con materiali da costruzione a basso costo tradizionali come la schiuma isolante arrivando ad una struttura edilizia ibrida.

Utilizzando  strutture complesse  le pareti di costruzione possono beneficiare del peso ridotto accordata alla stampa 3D, nonché dell’integrità strutturale offerta dal cemento. Le pareti C-Fab sono altrettanto forti come i muri di cemento tradizionali, ma pesano molto meno, per esempio, una parete di plastica da 1,5 lb può supportare fino a 1500 libbre, mentre una parete di plastica da 2,5 lb con schiuma spray può supportare fino 2,980 libbre. Naturalmente, la stampa 3d  permette molta più libertà di progettazione.

“Curve Appeal”  di WATG Chicago dimostra questa libertà di design perfettamente, in quanto sfida le strutture scatolari tradizionali con la sua forma del tutto curva, anche come una caverna. In questo senso, il design per la casa innovativo è in linea con la propria filosofia estetica ispirato alla natura. Come fondatore e CEO di Branch Tecnologia Platt Boyd spiega: “[Le strutture] hanno davvero meno limiti geometrici, quindi si apre una vasta gamma di possibilità per la progettazione e la costruzione e l’architettura. La visione è di vedere come le cose sono fatte nel mondo naturale e poi iniziare a tradurre in che modo possiamo rendere le cose nell’ambiente costruito, che si tratti di muri o altre cose. ”

WATG Chicago ha anche ricevuto un premio di $ 8.000 per aver vinto il concorso, mentre altre due progettazioni  la City College di New York’s “Home(less)+House e la rumena Spiru Haret University con ” Urbano Leaf “, ha vinto  1.000 dollari ciascuna. Il progetto di “Curve Appeal” deve ancora passare alcune certificazioni e alcuni standard di sicurezza, che sono  in corso. Branch Tecnology è attualmente alla ricerca di partner  per rendere   la casa stampata in 3d una realtà.

Be the first to comment on "Branch Technology inizia a costruire a luglio la sua prima casa stampata in 3d sul progetto “Curve Appeal” di WATG Chicago"

Leave a comment