Bose AR gli occhiali con il suono come realtà aumentata

La realtà aumentata è quasi esclusivamente associata alla visione, ma non deve esserlo. L’azienda audio Bose ha annunciato un progetto che chiama “Bose AR” al festival SXSW di quest’anno, e ha mostrato un paio di occhiali prototipo che dimostrano come l’AR basata sul suono possa sembrare e sentire. L’azienda prevede di spedire 10.000 di questi occhiali a sviluppatori e produttori entro l’estate, con l’intento di collaborare con altre società di occhiali.

I dispositivi Bose AR combinano i dati dei sensori di movimento incorporati con le informazioni GPS del telefono, al quale si connettono tramite Bluetooth. Il GPS rileva dove si trova un utente e il sensore a nove assi è in grado di determinare in quale direzione guardano e si muovono. Piccoli altoparlanti focalizzati verso le orecchie di chi li indossa. Potevo sentire l’audio da qualche metro di distanza a un volume molto alto in una stanza chiusa, ma il suono era totalmente autonomo quando sono uscito. Gli sviluppatori di app possono etichettare le posizioni per attivare specifici segnali audio, oppure possono semplicemente utilizzare i sensori di movimento come un’interfaccia di controllo gestuale basata sulla testa.

Bose ha creato un fondo da 50 milioni di dollari per gli sviluppatori di Bose AR e elenca già 11 partner software, tra cui Yelp, TripAdvisor e la società di fitness Strava. Il responsabile commerciale della categoria Bose, Santiago Carvajal, ha citato aziende come Ray-Ban e Warby Parker come potenziali partner hardware, ma afferma che nessuno è ancora bloccato. “Siamo in contatto con un numero di produttori di hardware indossabili nello spazio degli occhiali”, afferma. Il prezzo è ancora indeterminato e ovviamente varierà a seconda di chi fa gli occhiali.

La società desidera mettere Bose AR in tutti i tipi di dispositivi possibili. Un grande espositore mostrava caschi da bici, occhiali da vista e auricolari come esempi di possibili prodotti futuri. A SXSW c’erano due dispositivi funzionanti con AR: un set di occhiali da sole con stampa 3D e una versione modificata delle sue cuffie QuietComfort30, conosciute provvisoriamente come QC3X. Gli occhiali hanno una durata di tre o quattro ore, ma Bose vuole da sei a otto ore di durata nella versione commerciale.

Carvajal sostiene che Bose è particolarmente interessato agli occhiali perché sono più comodi e socialmente accettabili per un consumo costante rispetto agli auricolari e non segnalano che sei impegnato o inavvicinabile. “Indossiamo occhiali da anni, sono accettati da tutti”, dice.

Gli occhiali per realtà aumentata sono spesso noti per essere scomodi e socialmente inaccettabili, ma Intel ha recentemente annunciato una serie di occhiali intelligenti dall’aspetto naturale . Bose AR può andare ancora più lontano perché i suoi obiettivi non devono gestire alcun tipo di proiezione dell’immagine. Gli occhiali da sole prototipo sono completamente ordinari dal davanti. Si accumulano sul lato a causa degli altoparlanti incorporati, i sensori di movimento e un touchpad. Ma sono ancora molto leggeri e Carvajal afferma che il peso non dovrebbe cambiare molto in una versione di produzione.

QUESTI SONO DISPOSITIVI AUDIO PENSATI PER GUARDARE, NON SOLO PER ASCOLTARE
Bose ha creato alcune semplici app per SXSW, che funzionano abbastanza bene, se non perfettamente. La dimostrazione più impressionante è stata un tour di realtà aumentata dei bar e dei ristoranti lungo una strada di Austin. Ha funzionato come realtà visiva aumentata, ma con il suono invece di un display a comparsa: guardi un edificio e premi un touchpad sulla tempia, e offrono una o due frasi su cosa c’è dentro. Le location non erano molto precise e ogni tanto mi dicevano cose che erano al limite del mio campo visivo, invece di ciò che stavo cercando di guardare. Ma era abbastanza vicino da sembrare fondamentalmente preciso – come avere qualcuno che cammina accanto a te e che indica punti di riferimento.

Non sono sicuro di quanto esattamente gli sviluppatori possano fare questo monitoraggio. Carvajal mi ha detto che Bose AR potrebbe probabilmente dire quando stavi guardando una statua specifica in un parco, ad esempio, ma non una piccola targa su un muro. Non è tanto ambizioso quanto i progetti AR basati su telefono e occhiali che “appuntano” oggetti virtuali in posizioni estremamente specifiche. Probabilmente Bose AR non supportava qualcosa come la traduzione di un segno specifico in tempo reale, a meno che un produttore di hardware non aggiungesse una fotocamera, il che generalmente apre molti nuovi problemi.

A BASSO RISCHIO E NON RIDICOLO
Detto questo, in realtà c’era un’app per le cuffie QC3X. Ha offerto alcune frasi in francese o in spagnolo quando ho guardato una metropolitana o un hotel – o al SXSW, i beacon che simulavano quelle cose. Il riconoscimento vocale mi consente di impartire comandi, ripetere frasi e ottenere feedback. (Sono, si scopre, molto male in francese.)

Una demo offriva un caso d’uso più quotidiano. Sempre con le cuffie, ho scelto tra diverse playlist girando la testa, come se fossero oggetti fisici disposti davanti a me. Il suono direzionale sbiadiva dentro e fuori mentre guardavo in direzioni diverse. Quando sono andato a “lavorare” e “la palestra” (rappresentato qui dai beacon Bluetooth, situati vicini per comodità), chiedevo se volevo cambiare la mia playlist e regolare automaticamente le impostazioni audio come i livelli di cancellazione del rumore. Aziende di cuffie come Bragi stanno già usando i controlli gestuali, ma Bose AR sembra come se potesse offrire opzioni più sofisticate.

L’utilità di Bose AR dipenderà da ciò che gli sviluppatori faranno, e sentire qualcuno parlare con te non è così straordinariamente high-tech come guardare un ologramma. Ma a seconda di quanto costa il sistema, offre un modo nuovo e a basso rischio di pensare alla realtà aumentata. Potrebbe anche facilmente integrare un visual display poiché l’AR visivo e audio dipendono entrambi dalla comprensione del movimento e della posizione. Per ora, sono solo un paio di occhiali AR che non sembrano ridicoli – il che è ancora un risultato raro.

Un portavoce di Bose afferma che la dichiarazione di un precedente rappresentante secondo cui la società aveva in programma di vendere una versione commerciale di occhiali con marchio proprio non era corretta. Attualmente i piani includono solo kit di sviluppo Bose e dispositivi partner.

Be the first to comment on "Bose AR gli occhiali con il suono come realtà aumentata"

Leave a comment