Boom Supersonic usa la tecnologia di VELO3D con il processo di fusione laser a letto senza supporto

Boom Supersonic collabora con VELO3D per creare hardware stampato in 3d metal per il dimostratore di volo supersonico

La sart up metal VELO3D è uscita dalla modalità Stealth lo scorso anno con il suo innovativo processo di fusione laser a letto senza supporto che offre molta più libertà di progettazione rispetto alla maggior parte dei sistemi metallici. E’ noto che la produzione aerospaziale è uno dei suoi principali mercati di riferimento e almeno due OEM del settore stanno utilizzando i suoi sistemi di stampa 3D Sapphire per produrre le componenti. Ora, ha appena annunciato una partnership con Boom Supersonic, con sede in Colorado, la società che lavora per costruire il più veloce aereo di linea supersonico della storia.

“Boom sta reinventando l’intera esperienza degli aerei commerciali, dalla progettazione, costruzione e materiali utilizzati. La nostra tecnologia è progettata per aiutare gli innovatori come Boom a ripensare a ciò che è possibile, a potenziare i progetti avanzati con poca o nessuna post-elaborazione e a consentire un approccio completamente nuovo alla produzione “, ha dichiarato Benny Buller, CEO di VELO3D. “Boom aveva bisogno di qualcosa di più dei semplici prototipi e siamo entusiasti di aiutarli a creare le prime parti metalliche stampate in 3D per un aereo che si muoverà più velocemente della velocità del suono.”

Boom, fondata nel 2014 e sostenuta da diversi investitori, impiega oltre 130 persone per aiutare a realizzare la sua visione: usa il viaggio supersonico per rendere il mondo significativamente più accessibile alle persone che ci vivono. L’azienda desidera avvicinare aziende, famiglie e culture e ha riconosciuto che la stampa 3D contribuirà ad accelerare il processo. Recentemente, Boom ha rinnovato la sua partnership esistente con Stratasys al fine di creare parti stampate in 3D per il suo velivolo dimostrativo supersonico XB-1 , che è esattamente quello che farà anche VELO3D.

“Il trasporto aereo ad alta velocità si basa su una tecnologia che si è dimostrata sicura, affidabile ed efficiente e, collaborando con VELO 3D, ci stiamo allineando con un leader nella produzione additiva che stamperà l’hardware di volo per XB-1. VELO 3D ci ha aiutato a capire le capacità e i limiti della produzione di additivi metallici e l’impatto positivo che avrebbe potenzialmente sul nostro velivolo supersonico “, ha affermato Mike Jagemann, responsabile della produzione XB-1 per Boom Supersonic. “Non vediamo l’ora di condividere i dettagli sullo sviluppo dell’aeromobile e migliorare le prestazioni del sistema una volta che XB-1 prende il volo.”

L’aereo Mach-2.2 (1,687 mph) da 55 posti è il primo jet supersonico ad essere sviluppato in modo indipendente ed è composto da oltre 3.700 parti, combinate con più tecnologie avanzate, come una raffinata piattaforma a delta, una variabile efficiente. sistema di propulsione geometrica e compositi avanzati in fibra di carbonio. Poiché l’aeromobile dimostratore, una piattaforma di convalida denominata “Baby Boom”, ha requisiti di precisione, prestazioni e funzionalità tali da garantire in modo affidabile viaggi sicuri ed efficienti, Boom utilizza la tecnologia Intelligent Fusion di VELO3D per realizzare l’hardware di volo in metallo per jet, in quanto offre più libertà di progettazione, controllo dei processi e garanzia della qualità; queste qualità sono essenziali in ambienti di progettazione difficili.

Boom sta inoltre collaborando con VELO3D per sfruttare la partnership con i clienti, le competenze di mercato e la capacità di garantire una qualità di produzione costante. La compagnia di volo supersonica spera che utilizzando la stampa 3D in metallo, sarà in grado di migliorare le prestazioni del sistema e accelerare lo sviluppo del suo XB-1 – che alla fine dovrebbe volare al doppio della velocità del suono – e qualsiasi altro aereo futuro.

Le due società hanno già condotto prove di convalida insieme, che hanno avuto successo nelle loro esatte prestazioni e nel raggiungimento dei risultati desiderati. VELO3D ha sviluppato due parti hardware di volo in titanio stampate in 3D, che faranno parte del sistema ECS e assicureranno che l’aereo supersonico sia in grado di condurre voli sicuri in qualsiasi condizione; queste parti saranno installate sul prototipo degli aerei all’inizio del prossimo anno.

Inoltre, la società ha anche stampato in 3D alcuni “componenti” del motore per Boom, che sono stati utilizzati per convalidare il processo additivo.

“I componenti consentono di effettuare test su linee operative di alta cilindrata, assicurando che possiamo ottenere un volo sicuro a tutte le condizioni”, ha detto Ryan Bocook, ingegnere di produzione presso Boom Supersonic, in un post sul blog di VELO3D .

“I componenti stampati in 3D hanno aiutato Boom a eseguire il piano di test e convalidare le previsioni e ad aumentare il successo del programma.”

Questi componenti hanno aiutato a facilitare il test, che comprendeva la simulazione della distorsione del flusso all’ingresso, riducendo l’area dell’ugello per aiutare a simulare le condizioni di stallo mentre il motore sta passando da una parte all’altra.

Boom Supersonic non solo ha ricevuto l’hardware di volo stampato in 3D dalla sua partnership con VELO3D, ma gli ingegneri dell’azienda hanno anche avuto la possibilità di familiarizzare con i limiti e le funzionalità della stampa 3D in termini di velivoli supersonici.

Be the first to comment on "Boom Supersonic usa la tecnologia di VELO3D con il processo di fusione laser a letto senza supporto"

Leave a comment