Boeing aprirà una nuova struttura di ricerca e sviluppo per la stampa 3D in Scozia con NMIS


Il denaro continua a essere infuso nella stampa 3D, in particolare nel settore aerospaziale, con l’introduzione di nuove strutture in tutto il mondo. Ora, il National Manufacturing Institute Scotland (NMIS) di Renfrew sta aprendo un programma di ricerca e sviluppo da 11,8 milioni di sterline con Boeing .

Il sito di 60.000 piedi quadrati sarà caratterizzato da un’area utilizzata esclusivamente per i progetti AM, spazio per l’archiviazione di apparecchiature ingegneristiche avanzate e spazio per la tecnologia specifica richiesta per il programma. Il team di personale assunto da Boeing dovrebbe arrivare verso la fine di quest’anno.

Gestito dall’Advanced Forming Research Center dell’Università di Strathclyde (parte del National Manufacturing Institute Scotland e l’unico centro High Value Manufacturing Catapult in Scozia), il programma Boeing è un’estensione del precedente lavoro svolto presso AFRC relativo alla produzione con parti metalliche.

L’Università di Strathclyde e l’AFRC hanno lavorato con Boeing già da decenni; infatti, la società aerospaziale è stata uno dei membri fondatori originali del centro tecnologico. La Boeing Scotland Alliance è stata creata per facilitare tali collaborazioni in Scozia, promuovendo l’obiettivo finale di Boeing di raddoppiare la sua catena di fornitura lì, aumentando sostanzialmente l’economia scozzese e consentendo circa 200 nuovi posti di lavoro nei prossimi cinque anni.

“Questa struttura è un passo significativo non solo nello sviluppo del National Manufacturing Institute Scotland, ma anche nel rafforzare il futuro della produzione in tutto il paese dopo il blocco”, ha affermato John Reid, nuovo CEO del National Manufacturing Institute Scotland. “Siamo lieti di portare Boeing in Scozia in questo momento per lavorare su un progetto così critico con il nostro team e svolgere un ruolo cruciale nello sviluppo della catena di fornitura aerospaziale in tutto il paese per le generazioni a venire”.

Ora, il team Boeing esaminerà:

Come aumentare la produttività
Metodi per ridurre lo spreco di materiale
Modi per migliorare la sicurezza
Riduzione dell’impatto ambientale
“Abbiamo annunciato la nostra più ampia Boeing Scotland Alliance con Scottish Enterprise a marzo all’AFRC perché questo programma di ricerca e sviluppo era una pietra angolare di tale accordo”, ha affermato Sir Martin Donnelly, presidente di Boeing Europe e amministratore delegato di Boeing nel Regno Unito e in Irlanda.

“Vedere tali progressi con la firma di questo contratto di locazione tra le sfide del 2020 è una testimonianza delle squadre coinvolte e un precursore di ciò che sappiamo che otterremo attraverso il talento e le risorse che si trovano nella regione della città di Glasgow e in tutta la Scozia”.

Boeing continua a far conoscere la propria presenza nel settore della stampa 3D, segnando il primo volo del Boeing 777X con 300 parti stampate in 3D all’inizio di quest’anno, creando la prima antenna satellitare in metallo stampata in 3D , lavorando con altre aziende per stabilire standard reali per il 3D stampa di componenti aerospaziali in titanio funzionali e molto altro ancora poiché l’industria aerospaziale continua ad abbracciare la tecnologia e una vasta gamma di materiali.

Be the first to comment on "Boeing aprirà una nuova struttura di ricerca e sviluppo per la stampa 3D in Scozia con NMIS"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi