BMF microArch

BMF debutta microArch, afferma di essere la stampante 3D microscala “più accurata e precisa”

Una nuova startup chiamata Boston Micro Fabrication (BMF) ha lanciato una serie di stampanti 3D in microscala ad alta risoluzione chiamata microArch. BMF afferma che il sistema è la stampante 3D in microscala “più accurata e precisa” del settore. Non dovrebbe essere difficile convalidare tali affermazioni a causa del fatto che oltre 40 macchine microArch hanno già operato in Asia negli ultimi 18 mesi.

La serie microArch si basa sul processo proprietario di micro-stereolitografia (PμSL) dell’azienda. Simile alla tradizionale tecnologia di stampa 3D DLP (Digital Light Processing), PμSL utilizza un proiettore digitale a micro display per polimerizzare la resina fotopolimerica di uno strato alla volta alla microscala. A sua volta, PμSL è in grado di stampare oggetti 100 volte più piccoli di un capello umano.

BMF è uno spin-out del MIT, in cui il professor Nick Fang ha sviluppato la tecnologia PμSL. Insieme all’imprenditore Xiaoning He e al tecnico di stampa 3D Chunguang Xia, Fang ha fondato BMF per commercializzare la sua ricerca. Per guidare l’azienda come CEO, il team si è rivolto all’ex CEO di Zcorp e al dirigente di Ultimaker John Kawola. La società si rivolge ai settori medico ed elettronico, tra gli altri, per l’uso nella prototipazione rapida e nella possibile produzione in serie.

Fang ha spiegato la storia dietro il lancio della startup: “La curiosità è stata uno dei driver principali di questa scoperta. Dopo esserci resi conto che potevamo stampare usando la luce, abbiamo iniziato a immaginare le più ampie implicazioni tecnologiche e commerciali, immaginando come potremmo abbattere le barriere che in precedenza impedivano ai produttori di sfruttare la stampa 3D per la produzione di parti in microscala. In quel momento abbiamo creato l’azienda per esplorare le possibilità e sono incredibilmente entusiasta di vedere cosa realizzeranno i nostri clienti usando il microArch. ”

Tra questi clienti c’è l’Università di Nottingham, è il primo cliente europeo per una stampante 3D microArch. Lì, il dottor Yinfeng afferma che la scuola utilizzerà la tecnologia per la ricerca di dispositivi elettronici e biomedici.

Nella sua ricerca al MIT , Fang è stato in grado di dimostrare diverse capacità uniche con PμSL. Ad esempio, a differenza della tecnologia DLP esistente, l’intensità della luce dei singoli pixel in PμSL può essere controllata, il che si traduce nella possibilità di modificare le proprietà del materiale dell’oggetto in tutta la parte. Inoltre, è possibile utilizzare più materiali in un singolo processo di stampa, inclusi idrogel reattivi ai polimeri, polimeri a memoria di forma e materiali biologici.

Non sappiamo ancora se queste funzionalità saranno disponibili con la serie microArch, ma, all’improvviso, i sistemi sono in grado di stampare a una risoluzione di 2 µ con tolleranze di ± 10 µm / ± 25 µm e a volumi che sono costati competitivo con lo stampaggio ad iniezione. Supporterà inoltre resine resistenti, elastiche, da fusione, biocompatibili e per alte temperature. La serie comprende cinque diverse stampanti che vanno nell’area di stampa da 3,84 × 2,16 × 10 mm a 48 × 27 × 50 mm, con risoluzione ottica da 2μm a 25μm e altezza dello strato da 5μm a 50μm.

Be the first to comment on "BMF microArch"

Leave a comment