Blueprinter M3 la stampante 3d a SHS sinterizzazione selettiva al calore

Blueprinter M3  la stampante 3d  a sinterizzazione al calore. Potente e silenziosa

Blueprinter è stata fondata nel 2008, quando Frederik Tjellesen e Anders Hartmann,studenti di ingegneria presso l’Università Tecnica della Danimarca, hanno  scritto una tesi che ha tentato di dimostrare che sarebbe stato possibile fare stampanti 3D da mettere a disposizione delle imprese più piccole. A quel tempo, alcune aziende erano pronte ad assumere i costi di stampa di prototipi 3D, ma Tjellesen e Hartmann erano decisi a rendere la tecnologia disponibile per i produttori, architetti, ingegneri e le istituzioni educative.

Mentre la coppia ha iniziato i loro sforzi di produzione nel 2009, Non sapevano che sarebbero passati altri tre anni prima del debutto  della prima Blueprinter.Ma entro l’estate 2013, la coppia aveva completato il loro primo programma beta e avevano installato dodici stampanti.

A partire da gennaio 2014, il team aveva messo in commercio la prima  Blueprinter . Ora i pionieri della  stampa 3d danese  hanno lanciato la nuova  generazione della loro macchina.

Questa ultima macchina, la Blueprinter M3, si presenta con linee più morbide e un aumento del volume di costruzione. E ‘stato anche  ottimizzata per l’uso quotidiano e per essere molto più user-friendly. L’azienda dice che il rumore della M3 è stato ridotto di un significativo  60% pari ad una stampante standard 2D – inoltre anche i consumi energetici sono diminuiti. Inoltre  la M3 è in grado di stampare componenti in modo più accurato e più dettagliato. Un aumento del volume di costruzione – ora portato a 200 millimetri x 157 millimetri x 150 millimetri – consente la produzione di più componenti in una singola sessione di stampa .

Ultimo ma non meno importante, un telaio più rigido è stato sviluppato e  rappresenta un miglioramento del 40% rispetto alla versione precedente, un nuovo meccanismo di cofano a cerniera con smorzamento è stato installato e l’azienda dice che questo ultimo design migliora l’accesso di servizio per le attività di manutenzione .

La M3 utilizza quello che l’azienda chiama SHS – sinterizzazione selettiva al calore – una tecnologia che utilizza una testina di stampa termica piuttosto che il laser utilizzato in una tipica macchina SLS. Questa testina di stampa termica applica il calore agli strati di polvere termoplastici all’interno della camera di costruzione ed è in grado di costruire oggetti con forme geometriche complesse che presentano uno spessore minimo di 1 mm.

Blueprinter dice che, una volta  completata la componente, l’intero costruzione  può essere rimossa e la stampante reimpostata per avviare una nuova stampa din soli 5 minuti.La Blueprinter M3, la stazione di lavaggio e 12 kg di  polvere M-Flex costano  poco più di 28 mila dollari.

Be the first to comment on "Blueprinter M3 la stampante 3d a SHS sinterizzazione selettiva al calore"

Leave a comment