Blackstone aumenta l’efficienza delle celle della batteria con la stampa 3D



La società svizzera Blackstone Resources AG ha annunciato di aver aumentato l’efficienza delle celle delle batterie stampate.

L’azienda ha investito nella prossima generazione di tecnologia delle batterie attraverso la sua controllata Blackstone Technology GmbH. Ciò include, tra le altre cose, le tecnologie di stampa 3D brevettate e la ricerca sulla produzione di massa di batterie allo stato solido. Ciò si traduce in una maggiore densità di energia e un maggior numero di cicli di carica.

Le fabbriche di batterie di oggi hanno un punto debole, secondo l’azienda. La loro produzione di celle della batteria consente un solo tipo di cella della batteria. Questi sistemi sono molto speciali e anche molto costosi. La produzione è molto energivora e vengono utilizzati solventi pericolosi.

Blackstone offre una tecnologia di produzione molto più flessibile ed economica basata su batterie stampate. Un gran numero di formati di celle sono coperti utilizzando diversi prodotti chimici per catodi e anodi. Ciò consente di produrre batterie finite in un formato automatizzato e ogni secondo.

Inoltre, questa tecnologia di stampa costituisce la base per la futura produzione di tutte le batterie allo stato solido. Vediamo un enorme potenziale per la stampa di moduli e sistemi batteria completi. Ciò porta a ulteriori riduzioni significative dei costi di produzione.

Grazie alla stretta collaborazione con la comunità di ricerca europea, la tecnologia corrispondente viene ulteriormente sviluppata e perfezionata al fine di far avanzare la produzione di massa. Questo crea un know-how unico che sarà utile per le nostre celle della batteria.

Blackstone cita i traguardi più importanti raggiunti a luglio, ovvero che sono state prodotte e testate con successo le prime celle complete funzionali al mondo con elettrodi stampati spessi (C / LFP). Con tutte le comuni sostanze chimiche catodiche, la densità di energia può essere aumentata di circa il 20%. Entrambi gli elettrodi sono basati su sistemi leganti a base di acqua rispettosi dell’ambiente. La produzione degli elettrodi è completamente priva di sostanze nocive e riduce i costi di produzione a lungo termine. La fase di fabbricazione degli elettrodi di calandratura non è più necessaria. La porosità necessaria viene semplicemente impostata durante la stampa.

Holger Gritzka, CEO di Blackstone Technology GmbH, ha dichiarato: “L’obiettivo a breve termine è quello di avviare la produzione in serie e quindi fornire prove di idoneità per le masse. La progettazione del primo impianto produttivo è già iniziata. Come passo logico, anche la stampa di celle a stato solido viene testata in parallelo. A medio termine, Blackstone Technology stamperà celle di batteria complete, compresi gli alloggiamenti, ad altissima velocità “.

Be the first to comment on "Blackstone aumenta l’efficienza delle celle della batteria con la stampa 3D"

Leave a comment