Björn Lindwall fondatore e CEO di SolidEngineer ha deciso di scalare il Monte Everest utilizzando attrezzi stampati in 3D

Björn Lindwall è il fondatore e CEO di SolidEngineer, una società svedese di software e consulenza, che ha deciso di scalare il Monte Everest utilizzando attrezzi stampati in 3D.

Nel 2011, Björn Lindwall si è reso conto che non era più contento e ha deciso che l’unico modo per superare questo era lasciare la sua zona di comfort.

“Ho raccolto cose con cui sono cresciuto di nuovo – alpinismo”, spiega. È così che è iniziato. “

Lindwall ha portato il suo hobby all’estremo e ha messo gli occhi sulla realizzazione di spedizioni verso le montagne più alte del mondo prima di prepararsi finalmente per una salita sul Monte Everest nel maggio dell’anno scorso.

È così che si è ritrovato a quasi 50 anni, navigando su un terreno insidioso nella seconda tappa dell’Everest, dove il suo allenamento è stato messo alla prova. Spiega che devi essere “preparato extra” qui perché se cadi, sei sparito per sempre.

“Quando guardi in basso, a circa 80 metri sotto, puoi vedere persone che sono cadute durante le spedizioni precedenti e rimangono lì”, spiega. “Allora diventa molto facile provare paura e perdere il controllo.”

Il viaggio per raggiungere l’Everest – come per la maggior parte degli scalatori – non è stato semplice. E, come la maggior parte degli scalatori, anche il viaggio per raggiungere la vetta è stato incredibilmente difficile. Ma, a differenza della maggior parte degli scalatori, Lindwall ha avuto accesso a un’arma segreta: una stampante 3D.

Quando ha preparato la sua attrezzatura per la scalata, si è reso conto che la stampa 3D potrebbe aiutare a risparmiare peso e potrebbe fornire un equipaggiamento altamente personalizzato.

Bjorn Lindwall
Camping sul Monte Everest. (Fonte: Björn Lindwall)
Stampa 3D Strumenti di scalare il Monte Everest
“C’è una connessione con il business che facciamo. Siamo un’azienda che lavora con software CAD, oltre a stampa 3D e consulenza di gestione “, afferma Lindwall, fondatore e CEO di SolidEngineer, una società svedese di software e consulenza. La società è anche un rivenditore a valore aggiunto di Markforged.

“Così abbiamo le risorse per fare il cambiamento”, ha detto Lindwall. “Quello che volevo fare era effettuare spedizioni sulle montagne più alte del mondo con un nuovo approccio all’equipaggiamento”.

Lindwall scherza: “La formazione è una parte di esso, ma se ami i gadget, questo è il business in cui andare. C’è così tanta attrezzatura che deve funzionare. “

L’attrezzatura da montagna, tuttavia, spiega, non viene regolarmente aggiornata, quindi non incorpora le tecnologie moderne. Questo è quello che voleva cambiare questo per la sua attrezzatura.

Uno dei primi gadget a cui ha iniziato a lavorare sono stati i ramponi, i dispositivi di trazione utilizzati nell’arrampicata, che si attaccano agli scarponi da montagna di un alpinista per migliorare la mobilità mentre si arrampica su ghiaccio e neve.

Fredrik Stare, a capo del team di sviluppo di SolidEngineer, ha contribuito al processo di progettazione. Hanno ridisegnato la trave in acciaio che collega i ramponi agli stivali.

La parte risultante stampata in 3D è stata realizzata in fibra di carbonio .

“Il punto di questo cambiamento era che potevamo risparmiare materiale”, spiega Lindwall. “Abbiamo ridotto il peso del raggio da 50 grammi a 15 grammi e abbiamo solo due fori per due scarpe o due stivali. È stato un grande salvatore per noi. “

Per testare la forza e la durata dei ramponi stampati in 3D, Lindwall si è diretto verso la vetta più alta del Sud America, l’Aconcagua. Ha trovato i risultati soddisfacenti e il materiale potrebbe durare in un ambiente difficile.

Successivamente, Lindwall e Stare sono passati alla stampa 3D di un involucro per le apparecchiature di comunicazione satellitare. Questo era un pezzo importante di equipaggiamento come Lindwall si era impegnato a vivere la sua scalata al suo blog, bjornadventure , ogni giorno.

Stare ha creato molti prototipi per garantire che l’involucro non si rompa e quindi la stampa 3D finale, fabbricata da Onyx su una stampante 3D Markforged , è stata testata in Argentina.

Finalmente, dopo anni di pianificazione. Lindwall è arrivato all’Everest. Trascorrere 12 ore in palestra ogni settimana e praticare lo yoga lo ha fatto sentire pienamente preparato per il viaggio che ci attende.

“Quando sali su una montagna come l’Everest, è come se avessi una macchina di Formula 1”, afferma Lindwall. “Passi attraverso il corpo dalla testa ai piedi e controlli l’intero sistema, e poi attraversi l’equipaggiamento.”

Questo controllo dura circa cinque minuti, spiega, e continua durante l’intera salita.

“Quindi sei totalmente concentrato sul tuo corpo e sul tuo equipaggiamento”, dice. “Ciò significa che non c’è molto tempo per provare paura o iniziare a pensare a pensieri strani.”

Quando Lindwall raggiunse il Secondo Passo dell’Everest, la caduta di 80 metri dove gli alpinisti prima di lui erano caduti a terra, la sua formazione prese il sopravvento. Rimanendo concentrato sulla sua lista di controllo, si assicurò di avere il controllo dei suoi pensieri.

Alla fine, Lindwall raggiunse la cima. Si sentiva così euforico che si tolse i guanti per tenere in mano una bandiera svedese. Tuttavia, questa è stata una cattiva idea, dice, perché ci è voluta più di un’ora per riportare la sensazione nelle sue mani.

Ma raggiungere la cima non è stato necessariamente il suo momento di felicità durante la spedizione. Un altro vero momento di felicità, spiega Lindwall, è quando finalmente raggiunse il fondo della montagna e fu in grado di bere acqua. La squadra era uscita cinque ore prima della fine della salita.

Tentato di stampare in 3D il tuo equipaggiamento e scalare l’Everest?
Come previsto da Lindwall, gli strumenti stampati in 3D hanno resistito per tutto il viaggio. Quando gli viene chiesto se crede che altri alpinisti potrebbero usare l’attrezzatura stampata in 3D, esclama di aver già condiviso la sua esperienza con altri scalatori dell’Everest che ha detto di acquistare una stampante 3D.

Tuttavia, Stare è un po ‘più riluttante a incoraggiare gli altri a stampare le loro attrezzature se non sanno cosa stanno facendo.

“Non incoraggerei altri alpinisti a utilizzare gli stessi gadget che producevamo”, afferma Stare. “Perché avranno i loro bisogni e uno dei punti con una stampante come Markforged è che puoi soddisfare qualsiasi necessità tu abbia”.

Aggiunge che con una stampante 3D, non devi accontentarti delle attrezzature che qualcun altro ha prodotto, ma puoi crearne di tue e incorporare i tuoi apprendimenti dalle tue precedenti spedizioni.

Lindwall intende vivere bene al di fuori della sua zona di comfort da ora in poi e ha persino in programma di parapendio fuori dalla cima del Monte Everest usando parti stampate in 3D. Tuttavia, questo progetto è ancora in lavorazione!

Be the first to comment on "Björn Lindwall fondatore e CEO di SolidEngineer ha deciso di scalare il Monte Everest utilizzando attrezzi stampati in 3D"

Leave a comment