I ricercatori della Lawrence Livermore National Laboratory e il bioprinting dei vasi sanguigni

I ricercatori della Lawrence Livermore National Laboratory riescono a biostampare  con successo dei vasi sanguigni
Al Lawrence Livermore National Laboratory sono  conosciuti per lo sviluppo di software open source di stampa 3D o la creazione del grafene aerogel  stampato in 3d.

Approfondendo il bioprinting, la loro squadra si è impegnata nella stampa dei vasi sanguigni.  Se si pensa a biostampare degli organi completi bisogna cominciare con i vasi sanguigni; senza, nuove parti e impianti non possono integrare e crescere con successo nel corpo umano.
Monica Moya è l’ingegnere ricercatore principale del progetto. Usando una stampante 3D e il corrispondente bio-ink, lei e la sua squadra sono riusciti a rendere le strutture cellulari che a sua volta permetteranno ai vasi sanguigni di crescere. Abbiamo seguito innumerevoli storie sul bioprinting di recente, è ancora un territorio prevalentemente inesplorato, gli strumenti e i materiali hanno molto a che fare con il successo della sperimentazione.

Il bioprinting è in rapida evoluzione, ora consente una maggiore precisione e permette così lo sviluppo del vero potenziale per poter creare strutture 3D come i capillari al di fuori del corpo umano.

” L’intenzione è di cambiare il nostro modo di intendere la biologia”, spiega la  Moya. “Questa tecnologia può prendere la biologia dal piatto tradizionale di Petri e portarlo ad  una patch stampata in 3d di tessuto fisiologicamente rilevante  con una vascolarizzazione funzionale.”

I capillari  sono stampati 3D da biomateriali che servono come nutrienti, e nel corso del tempo i vasi sanguigni in contatto con loro, lavorando per fornire sostanze nutritive e permettendo alle strutture cellulari per iniziare il funzionamento (quasi) normale. Tutte le parti sono messi insieme e dato gli strumenti per lavorare e sopravvivere in modo autosufficiente.

Finora, la squadra ha avuto successo, ma quello che hanno creato è una rete di capillari  ancora piuttosto disorganizzata,  l’obiettivo finale è quello di sviluppare una rete più realistica di vasi sanguigni. Questo, naturalmente, richiede una tecnologia più avanzata.

Per facilitare il lavoro del team LLNL, un nuovo laboratorio bioprinting è in costruzione. Questo permetterà loro con strutture più grandi ed avanzate di migliorare i propri risultati.
“Anche se la stampa di organi impiantabili non è nel futuro immediato, per ora i nostri cerotti tessuto bioprinted possono essere applicati negli studi tossicologici, nei test medici e forniscono un banco di prova per la scienza fondamentale”, ha dichiarato la  Moya.

Questo progetto   lavora anche  in combinazione con un altro che coinvolge la fabbricazione dei sistemi dall’interno del corpo, su micro scala. Si chiama iChip , Chip-based Human Investigational Platform  e coinvolge il sistema nervoso, la barriera emato-encefalica, e il cuore.

“Il Bioprinting aggiunge un’altra dimensione alle piattaforme di tessuto su un chip”, ha detto l’ ingegnere  Elizabeth Wheeler, il ricercatore principale per Ichip. “La possibilità di controllare l’ambiente strutturale tridimensionale per sostenere il tessuto che cresce, è unpasso importante nel tentativo di replicare la complessità del corpo umano,”.

Be the first to comment on "I ricercatori della Lawrence Livermore National Laboratory e il bioprinting dei vasi sanguigni"

Leave a comment