BIOLIFE4D è in grado di biostampare il tessuto cardiaco umano

BIOLIFE4D, una società di tecnologia medica con sede a Chicago specializzata in bioprinting e ingegneria tissutale in 3D, ha annunciato di aver dimostrato con successo la sua capacità di bioprintare  in 3D il tessuto cardiaco umano , in particolare un cerotto cardiaco umano.

Il cerotto cardiaco stampato con successo 3D contiene più tipi di cellule di cui è fatto il cuore umano, piuttosto che solo cardiomiociti e include la vascolarizzazione preliminare. I cerotti cardiaci 3D bioprintesi possono essere utilizzati in pazienti con insufficienza cardiaca acuta per ripristinare la contrattilità miocardica persa.

L’intero processo è stato completato in pochi giorni e molto prima del previsto. BIOLIFE4D si rivolgerà ora ad altri costrutti come valvole, vasi sanguigni e un mini-cuore mentre cerca di passare al 3D bioprinting un cuore umano completo.

“La velocità con cui abbiamo bioprintato patch umani in 3D , in pochi giorni, è sconosciuta all’interno della comunità scientifica”, ha affermato Ravi Birla, Chief Science Officer (CSO) di BIOLIFE4D. “Questi sforzi dimostrano chiaramente la nostra capacità di bioprintare il tessuto umano e fornire un percorso chiaro e rapido verso la bioprinting dei cuori umani”.

Il processo di bioprinting 3D di BIOLIFE4D inizia con la raccolta del campione di sangue dal paziente. Poiché ogni cellula di un corpo umano ha lo stesso numero di geni e lo stesso DNA, ogni cellula ha il potenziale per essere convertita essenzialmente in qualsiasi altra cellula. Nella seconda fase del processo, le cellule del sangue del campione vengono convertite in cellule staminali pluripotenti indotte da adulti non specificate (iPS) – cellule che possono infine essere trasformate in cellule specializzate di nostra scelta.

Attraverso un processo chiamato differenziazione, le cellule iPS sarebbero convertite in quasi tutti i tipi di cellule specializzate nel corpo umano, in questo caso cardiomiociti (cellule cardiache). Queste cellule sarebbero quindi combinate con nutrienti e altri fattori necessari in un ambiente liquido (idrogel) per mantenere le cellule vive e vitali durante tutto il processo. Questo bio-inchiostro sarebbe quindi caricato in un bioprinter, una stampante 3D altamente specializzata progettata per proteggere le cellule viventi vitali durante il processo di stampa.

Il processo di bioprinting 3D di BIOLIFE4D offre la possibilità di riprogrammare le cellule del sangue (bianco) del paziente in cellule iPS e quindi di differenziare quelle cellule iPS in diversi tipi di cellule cardiache necessarie alla bioprint 3D non solo una patch cardiaca ma, in definitiva, un cuore umano vitale per trapianto.

Questa capacità è cruciale in quanto BIOLIFE4D cerca di interrompere il trattamento delle malattie cardiache e di altri disturbi cardiaci, in particolare migliorando il processo di trapianto eliminando la necessità di organi dei donatori.

“Questo è un tempo straordinario per BIOLIFE4D e non potremmo essere più orgogliosi di aver raggiunto questo punto di riferimento scientifico in così poco tempo”, ha dichiarato Steven Morris, CEO di BIOLIFE4D. “Fin dall’inizio, la nostra missione è stata quella di utilizzare la nostra tecnologia per salvare vite umane. Oggi crediamo di essere un passo avanti verso il raggiungimento di tale obiettivo. ”

 

Be the first to comment on "BIOLIFE4D è in grado di biostampare il tessuto cardiaco umano"

Leave a comment