Biogelx lancia la prima gamma di prodotti di bioink sintetici

Nel 2013, una società chiamata Biogelx è stata prodotta dall’università di Strathclyde a Glasgow, in Scozia, allo scopo di sviluppare materiali sintetici sintonizzabili da utilizzare in colture cellulari 3D e applicazioni di bioprinting in 3D. All’inizio, la società ha lavorato alla creazione di scaffold per colture cellulari 3D, che erano sotto forma di idrogel di peptide sintetico in modo da supportare la crescita cellulare comportandosi come un ambiente a matrice extracellulare.

I bioink sono carichi di cellule per stampare strutture biologiche in 3D. Quindi, una volta stampata la struttura , i meccanismi di reticolazione secondaria aiutano a mantenere la fedeltà strutturale della forma. Questi materiali bioprinting possono facilitare l’adesione, la differenziazione e la proliferazione cellulare, oltre a mostrare tutte le caratteristiche di un ambiente a matrice extracellulare. Questo è ciò che rende possibile creare tessuti umani specifici per il paziente in un ambiente di laboratorio, motivo per cui i bioink di qualità sono molto importanti.

I bioink di idrogel di Biogelx hanno una sintonizzazione fisica e chimica unica, il che significa che possono replicare con successo specifiche caratteristiche del tessuto in modo che le cellule possano interagire con un ambiente 3D abbastanza vicino alla vita reale. All’inizio, l’industria ha riconosciuto l’utilità dei bioinks di idrogel di Biogelx per i ricercatori del settore, poiché i materiali affermano di offrire riproducibilità, ottima stampabilità, facile metodo di reticolazione e controllo della viscosità in un unico pacchetto. I bioink dell’azienda possono fornire un materiale modulare di base in cui le proprietà chimiche e meccaniche delle cellule possono essere adattate.

Ecco perché Biogelx è orgogliosa di lanciare la sua prima gamma di nuovi bioink sintetici: Biogelx-INKS. Come dice la società sul suo sito web, il futuro è sintetico.

“Siamo lieti di annunciare la disponibilità commerciale di Biogelx ™ -INK”, ha affermato il CEO di Biogelx, Mitch Scanlan. “Fornire versatilità e migliorare i risultati della ricerca sono gli aspetti chiave del nostro portafoglio di prodotti. Non vediamo l’ora di supportare i ricercatori nella loro missione di sviluppare moduli, tessuti e organi 3D realistici per le future applicazioni farmaceutiche e mediche “.

Sviluppati con la stampabilità 3D in primo piano, i Biogelx-INK sono stati ottimizzati per l’uso nelle stampanti 3D di estrusione e sono anche abbastanza versatili da lavorare in applicazioni di stampa 3D diverse dalla semplice stampa. I bioink mantengono la tecnologia peptidica autoassemblante della società e, proprio come i prodotti di idrogel di Biogelx, questi nuovi Biogelx-INK formano una rete nanofibrata per imitare un ambiente a matrice extracellulare. Questo supporta la crescita cellulare, la proliferazione e la segnalazione, ma in aggiunta, i Biogelx-INK sono stati sviluppati in modo tale da garantire, come dice la società, “che le proprietà reologiche siano adatte per le applicazioni di bioprinting”.

Secondo il sito Web di Biogelx, i suoi nuovi bioink possono essere stampati con una buona fedeltà 3D e non richiedono alcun inchiostro di supporto, sacrificale o di reticolazione. I Biogelx-INK offrono anche un importante comportamento di assottigliamento, che aiuta con la vitalità cellulare e la gelificazione controllabile, che viene attivata aggiungendo terreni di coltura cellulare e non richiede l’aggiunta di reattivi reagenti di reticolazione, polimerizzazione UV, regolazioni del pH o temperatura estrema . Questa funzione rende anche il materiale compatibile con molti diversi bioprinters 3D.

La tecnologia dell’azienda è basata su un sistema di due peptidi – un peptide idrogenico “gelatinoso” (Fmoc-difenilalanina) e un “tensioattivo” idrofilo (Fmoc-serina) – che si autoassemblano per formare fibre in ambienti acquosi. Queste fibre hanno una funzionalità idrofila superficiale, che è appropriata per l’adesione cellulare.

Le caratteristiche aggiuntive di Biogelx-INK includono:

Riproducibili: questi bioink sono totalmente sintetici e prodotti sotto un rigoroso controllo di qualità, che garantisce riproducibilità da lotto a lotto e stampe coerenti.
Sintonizzabile – è possibile adattare la funzionalità biomimetica dei bioink a specifici tipi di cellule.
Biocompatibilità: composta da aminoacidi, i biogelx-INK sono> 95% di acqua e producono una struttura a scala nanometrica che riproduce l’ambiente naturale della matrice extracellulare.
Biomimetica del materiale: questa gamma di prodotti comprende formulazioni che incorporano diverse sequenze di peptidi biomimetici, che ne aumentano la biocompatibilità con vari tipi di cellule.
Secondo il sito Web di Bioglex, “Con la nostra tecnologia di base, i nostri bioink possono essere adattati a specifiche applicazioni, il che significa che hanno un enorme potenziale in una serie di settori tra cui ricerca cellulare, tossicologia, screening farmacologico e medicina rigenerativa.”

Se sei interessato alla nuova gamma di Biogelx-INK dell’azienda, puoi ordinare il prodotto, in tre dimensioni, a £ 280.

Be the first to comment on "Biogelx lancia la prima gamma di prodotti di bioink sintetici"

Leave a comment