Biogelx dalla Scozia al Brasile

BIOGELX AVVIA LA STRATEGIA INTERNAZIONALE LANCIANDO MATERIALE DI BIOPRINTING 3D IN BRASILE

Biogelx , uno sviluppatore di biomateriale scozzese, ha lanciato una strategia di distribuzione internazionale per i suoi inchiostri stampabili 3D. Lavorando con 3D Biotechnology Solutions (3DBS), una startup specializzata in bioprinter personalizzate e macchine per elettrospinning, l’azienda ha puntato gli occhi sul settore medico brasiliano.

Secondo Sandy Bulloch, direttore delle alleanze strategiche presso Biogelx, questa nuova partnership sarà sfruttata per aiutare a scalare il business e “fornire una piattaforma di bioprinting completa per molteplici applicazioni di colture cellulari”.

“Questa collaborazione”, aggiunge Bulloch, “accelererà il ritmo della nostra innovazione di bioprinting per generare la prossima generazione di modelli di tessuti 3D”.

Nato dall’Università scozzese di Strathclyde nel 2013, Biogelx è un produttore specializzato di idrogel sintetici utilizzati per realizzare scaffold cellulari 3D. La tecnologia di base dell’azienda è l’ idrogel peptidico autoassemblante Biogelx TM , una gamma di materiali appositamente formulati per supportare la crescita e la proliferazione di diverse linee cellulari. La linea è stata sviluppata dall’azienda come una valida alternativa alle matrici di origine animale come collagene e Matrigel. Espandendosi su questa gamma all’inizio del 2019, Biogelx offre ora anche una gamma di materiali adatti per la bioprinting 3D . Questa linea di prodotti è chiamata Biogelx ™ -INKs.

Biogelx ™ -INKs sono attualmente disponibili in tre diverse formulazioni dell’azienda: una idrogel standard e due funzionalizzate dalla fibronectina (un componente importante della matrice extracellulare e dal plasma sanguigno) o dal collagene (la proteina strutturale della pelle e dei tessuti connettivi) .

Operando nel campo dell’ingegneria dei tessuti, 3DBS produce una gamma di bioprinter 3D su misura per l’uso in un ambiente di laboratorio. La società è stata fondata nel 2017, ma offre già sei prodotti nella sua linea di bioprinter 3D. Un modello standard è il sistema Genesis I, che consente il controllo indipendente di due estrusori a siringa a temperature comprese tra 25 e 220 ° C.

La visione di 3DBS, secondo il co-fondatore Pedro Massaguer, “deve contribuire in modo significativo alla costruzione del futuro della medicina rigenerativa”. Collaborando con Biogelx, 3DBS aggiunge la gamma di materiali Biogelx ™ -INK alla sua distribuzione in Brasile, offrendo ai clienti un pacchetto più completo per condurre ricerche biologiche.

“Consentendo ai clienti di lavorare con Biogelx ™ -INKs utilizzando le nostre bioprinter come Genesis ™, Reactor ™ o Octopus ™, ci stiamo avvicinando di più al nostro obiettivo rivoluzionario”, aggiunge Massaguer.

“Insieme, abbiamo l’opportunità di fornire costrutti più specifici per i tessuti per applicazioni in medicina rigenerativa e scoperta di farmaci.”

Be the first to comment on "Biogelx dalla Scozia al Brasile"

Leave a comment