BioBot la stampante biologica per il bioprinting della Biobots di Ricardo Solorzano e Daniel Cabrera

Stampante Desktop 3D ‘BioBots’ costruisce il tessuto umano funzionale (biobot è la stampante biobots la startup )

BioBot stampante 3d biologiaca per il bioprinting 01I Millenials, noti anche come Generazione Y, o coloro che sono nati tra gli anni 1980 degli anni 2000, sono generalmente visti come  pigri  troppo occupati a controllare il loro stato su Facebook per  impegnarsi nel mondo che li circonda. Ma per Ricardo Solorzano, 25anni e Daniel Cabrera, 22, questo  stereotipo non potrebbe essere più lontano dalla verità.

Laureati all’Università  Pennsylvania hanno sviluppato un  stampante 3D bioprinter  che inventa la struttura 3D del tessuto umano e potrebbe eventualmente essere utilizzato per la stampa 3D di organi umani funzionali per coloro che necessitano di trapianti.

Descrivono la loro BioBots, come il “futuro della medicina rigenerativa”, e il loro obiettivo è quello di portare a prezzi accessibili,  una stampante biologica 3d  per scienziati, ingegneri, medici e biologi, insomma una specie  di ” bioprinter pc .”

Il modello BioBot attuale è una stampante di 12×12 pollici che si vende per 5,000 dollari  più economica  rispetto alle stampanti biologiche tradizionali tradizionali già presenti sul mercato, che possono costare fino a 200.000 dollari e richiedere un intero team di scienziati per operare. “Ci sono altri dispositivi di ingegneria tissutale, ma per accelerare davvero lo sviluppo devono essere più piccoli, più convenienti per la produzione, più facile da usare e più accessibili”, ha detto Cabrera.

La stampante biologica  è stata progettato da Solorzano mentre era ancora uno studente di bioingegneria a Penn. Dopo l’incontro con Cabrera, che studiava biologia e informatica, i due hanno deciso di fondare BioBots e vedere se potevano portare questo prodotto rivoluzionario sul mercato. Secondo i tecnici, il processo di bioprinting  è capace di “ricreare la struttura 3D di un tessuto con una tecnica di fabbricazione in cui un programma per computer analizza il materiale biologico strato per strato ” e poi li ricostruisce usando biomateriale estruso da una testina di stampa. Tali biomateriali imitano l’architettura della matrice extracellulare in cui le cellule sono sospese. BioBot utilizza la tecnologia Light Blue per curare rapidamente i biomateriali, senza danneggiare le cellule. Mentre la tecnologia non è ancora in grado di produrre tessuti 3D impiantabili cosa che potrebbe effettivamente cambiare il concetto di  trapianti di organi umani,ma  che intanto possono essere utilizzati per creare modelli di organi per testare i composti e farmaci invece di test su animali vivi.

All’interno del settore biomedicale, la loro invenzione provoca grande    interesse, con 18 unità vendute a vari ricercatori universitari. Questi ricercatori stanno usando il Biobot per sperimentare  la stampa ossea, la ricostruzione del cuore e anche lo sviluppo di mini-stomaci. “Come comunità di scienziati, siamo già riusciti a riunire gruppi multidisciplinari di base di scienziati, medici e ingegneri per affrontare le maggiori sfide per la salute umana, come il cancro, l’AIDS, e ora la rigenerazione di organi”, hanno  detto i fondatori di BioBots  . “Quello che ci manca, però, sono i modi per   ricreare l’ambiente tridimensionale di cellule, tessuti e organi all’interno del corpo. Qui alla BioBots, speriamo di risolvere questo problema e cambiare radicalmente il modo di fare scienza. ”

Al fine di finanziare la ricerca, Cabrera e Solorzano hanno aderito al DreamIt Salute Incubator, che ha investito 50.000 dollari nel progetto in cambio dell’ 8% del patrimonio netto. Essi hanno anche ricevuto un finanziamento dal Ben Franklin Technology Partners, Wharton, e dalla Università della Pennsylvania, per un totale di 150.000 dollari in investimenti. Il passo successivo, che è già in lavorazione, è quello di creare la  BioBot 2.0, che l’azienda intende produrre in serie e vendere ad un  pubblico più vasto.
BioBot è presente in  questo mese alla settima conferenza annuale South by Southwest (SXSW) ad Austin, in Texas, dove sono stati scelti come una  delle 48 start-up su più di 500 candidati  nella  categoria Life Sciences Technologies. Non solo questo aiuterà a diffondere la conoscenza  sulla loro invenzione rivoluzionaria, ma se riuscissero a vincere  potrebbero ricevere i finanziamenti necessari pper diffondere davvero la loro stampante fra i medici e gli scienziati di tutto il mondo.

 

Be the first to comment on "BioBot la stampante biologica per il bioprinting della Biobots di Ricardo Solorzano e Daniel Cabrera"

Leave a comment