BioAssemblyBot di 3d.fab stampa direttamente sulla plle delle persone

Il BioAssemblyBot di 3d.fab vuole la stampa 3D della pelle sulle persone

Il bioprinting 3D continua a diversificarsi man mano che sempre più aziende e organizzazioni di ricerca si uniscono al campo, portando ognuno la propria opinione sulla tecnologia al tavolo. La piattaforma collaborativa francese  3d.fab  ha un approccio intrigante alla bioprinting che prevede un robot a forma libera in grado di stampare direttamente su una parte del corpo. Nel video qui sotto, BioAssemblyBot stampa ciò che sembra essere una benda direttamente su un braccio:

La “benda” è in realtà un bio-inchiostro fatto dalle cellule della pelle di un paziente. Quando viene applicato sulla pelle del paziente, forma un innesto autologo che, nel giro di un paio di settimane, creerà una nuova pelle. BioAssemblyBot è in grado di eseguire sia la stampa 3D additiva e di contorno, sia il prelievo e il posizionamento e l’assemblaggio grazie agli strumenti intercambiabili. È solo una delle tecnologie di bioprinting di 3d.fab; la piattaforma ha anche altri bioprinters in sviluppo, tra cui un’altra stampante per la pelle.

3d.fab funziona anche con altre tecnologie di stampa 3D, tra cui FDM e Polyjet, ma tutto è orientato verso il perseguimento di nuovi sviluppi nel settore sanitario. La stampa 3D della pelle è una delle principali priorità della piattaforma, come evidenziato dal progetto “Stresskin”, uno dei numerosi progetti che 3d.fab sta perseguendo. L’approccio della stampa 3D diretta su una parte del corpo è molto promettente; mentre altre organizzazioni hanno lavorato sulla pelle stampata in 3D, i campioni in genere sono troppo fragili per essere suturati, secondo 3d.fab. Il concetto di stampa 3D diretta eliminerebbe la necessità di punti di sutura, creando una benda vivente che incorporasse se stessa nella pelle circostante.

Questa è una notizia eccitante per le vittime di ustioni, malattie o traumi che hanno perso parti significative della pelle. Gli innesti di pelle tradizionali sono dolorosi e inclini all’infezione o al rigetto, e quanto maggiore è la ferita, tanto più difficile è riparare con un innesto. La stampa 3D di nuove cellule della pelle direttamente su una ferita ridurrebbe il rischio di rigetto, poiché utilizza le cellule della pelle del paziente per far crescere nuova pelle e non ci sarebbe limite alle dimensioni delle “bende” che potrebbero essere applicate, grazie a il robot in forma libera.

Gli altri progetti di 3d.fab includono un dispositivo stampato in 3D per diagnosi più rapide e più economiche di malattie. L’obiettivo del progetto è di evitare ulteriori contributi alla resistenza agli antibiotici mediante un’analisi genetica completa dei patogeni. La piattaforma sta inoltre lavorando al miglioramento dei materiali siliconici per i modelli e gli impianti medici stampati in 3D, nonché allo sviluppo di tecnologie di stampa 3D in grado di riparare la perdita della cartilagine nasale.

Be the first to comment on "BioAssemblyBot di 3d.fab stampa direttamente sulla plle delle persone"

Leave a comment