Regenovo Bio-architect X, la prima biostampante 3D ad alta produttività

Regenovo presenta Bio-architect X, la prima biostampante 3D ad alta produttività della Cina per la produzione di massa dei tessuti umani.

Regenovo Biotechnology Co., Ltd. ha svelato la sua prima bioprinter 3D ad alta produttività della Cina per la produzione di massa di tessuti umani. la  biostampante 3D, si chiama Bio-architect X,

La Regenovo , è stata fondata da un gruppo di professionisti medici e professori universitari che avevano l’obiettivo comune di sviluppare tecnologie di stampa 3D biomediche per il progresso delle soluzioni sanitarie.

Come dimostra la recente presentazione del suo bioprint Bio-architect X, Regenovo è riuscita a introdurre sul mercato un sistema di produzione additivo per bioprinting ad alto rendimento.

Il bioprinter 3D, che integra un innovativo sistema di tomografia computerizzata (MCT), è in grado di stampare tutti i tipi di tessuti e organi. Come ha dichiarato un rappresentante della società alla presentazione, “In linea di principio, questa stampante 3D biologica può stampare tutti i tessuti e tutti gli organi”.

Si dice che il sistema Bio-architect X abbia importanti applicazioni nel campo della medicina in Cina, forse soprattutto nel campo dei test anti-droga e dei processi di screening. La società dice che spera che il suo bioprinter 3D incoraggi lo sviluppo e la produzione di nuovi farmaci nel paese asiatico.

All’evento “Sviluppo di materiali funzionali e tecnologia di stampa 3D integrata ad alto rendimento”, di Hangzhou Regenovo ha reso una dimostrazione della sua biostampante 3D producendo un pezzo di cartilagine nasale.

Per la demo, lo staff di Regenovo ha acceso il computer della stampante, selezionato un modello 3D di una struttura cartilaginea nasale e semplicemente premuto il pulsante di avvio. Da lì, il bioprinter 3D è entrato in azione, poiché il suo ugello ha iniziato a depositare un materiale idrogel incorporato con cellule umane nella forma desiderata. In meno di un’ora, i visitatori hanno potuto dare un’occhiata alla cartilagine nasale stampata in 3D.

I materiali in idrogel stampati sono pure sviluppati da Regenovo, specializzata nello sviluppo di bioink per cellule epatiche umane, vasi sanguigni, ecc. Secondo la compagnia, il suo tasso di sopravvivenza delle cellule stampate è fino al 90% e ha mantenuto le cellule vive da sempre a quattro mesi.

Lo stesso bioprinter 3D è compatibile con una serie di “principi di stampa” diversi, che consentono di produrre grandi quantità di prodotti medicali, ha spiegato il professor Xu Ming En, presidente di Regenovo e capo scienziato per lo sviluppo del bioprinter.

Vale la pena menzionare anche la tecnologia MCT che il bioprinter integra. Sviluppato da Wang Ling, professore associato presso l’Università di Hangzhou Dianzi, MCT fornisce un’alternativa più avanzata ai sistemi di imaging esistenti come la scansione CT, che è limitata dal volume degli oggetti, dalla profondità della penetrazione del segnale e causa danni da radiazioni.

L’MCT, tuttavia, si basa sulla tecnologia micro-cromatografica, che è in grado di eseguire immagini ad alta risoluzione senza limiti di profondità e può essere catturata senza il contatto fisico o il rischio di danni alle cellule. È quindi adatto per fornire feedback in tempo reale per le stampe 3D in corso e consente agli utenti di regolare i parametri di stampa per controllare l’output del bioprinter.

Il Bio-architect X, recentemente presentato, per la stampa ad alto rendimento è l’ultimo di una serie preceduto dai sistemi Bio-Architect-Lite, Bio-Architect-Pro e Bio-Architect-WS di Regenovo.

Be the first to comment on "Regenovo Bio-architect X, la prima biostampante 3D ad alta produttività"

Leave a comment