Betatype Safran


Il componente dell’alloggiamento elettrico di seconda generazione è più leggero del 30% e più veloce da produrre rispetto a prima

Aggiornamento Betatype Safran Parte pilota dell’alloggiamento del generatore dell’unità di alimentazione ausiliaria di seconda generazione

Quasi esattamente un anno fa, abbiamo coperto un case study sulla produzione additiva che coinvolge Safran Electrical & Power, uno specialista con sede in Francia nei sistemi elettrici per aerei commerciali e militari, e la società di produzione britannica Betatype . All’epoca, le aziende stavano lavorando insieme per ridisegnare e ottimizzare un alloggiamento del generatore elettrico per aeromobili e hanno visto risultati promettenti con una migliore resistenza delle parti, rigidità e riduzione del peso.

Oggi, i partner hanno rivelato che dal loro primo annuncio di collaborazione hanno fatto molta strada. Da quando ha svelato l’originale proof of concept per l’alloggiamento del generatore elettrico stampato in 3D, Betatype è riuscita a migliorare ulteriormente il design AM della parte utilizzando la sua tecnologia di controllo di processo scalabile.


Sinistra: progettazione del pezzo per lavorazione CNC. A destra: parte pilota di prima generazione ottimizzata per AM
L’alloggiamento del generatore di unità di alimentazione ausiliaria di seconda generazione ha visto un’ulteriore riduzione del peso del 30% rispetto alla precedente iterazione della parte per la produzione additiva. Ciò è stato ottenuto riducendo al minimo l’utilizzo e lo spreco di materiale associati alla parte. Inoltre, la parte aggiornata di Betatype per Safran ha avuto un tempo di produzione più veloce del 30% grazie all’ottimizzazione del percorso di scansione e al controllo preciso del processo.

Un altro aggiornamento significativo della parte in questione è stato il suo materiale. Mentre la prima parte della custodia stampata in 3D è stata realizzata in titanio per soddisfare determinati requisiti di rigidità e resistenza, una geometria aggiornata per la parte di seconda generazione ha permesso a Betatype e Safran Electric & Power di passare all’alluminio. Secondo Betatype, questa è diventata un’opzione passando da un design a pannelli sandwich a un design a nervature esterne. Questo approccio ha comportato una riduzione del volume del profilo, pur mantenendo la rigidità richiesta. Una parte prototipo è stata stampata in 3D da AlSi10Mg dalla società di stampa 3D in metallo con sede nel Regno Unito Renishaw.
Viste dall’alto e dal basso della parte pilota dell’alloggiamento del generatore del generatore di potenza ausiliaria di seconda generazione
I miglioramenti in termini di peso e tempo di costruzione per l’alloggiamento del generatore elettrico sono stati raggiunti in gran parte grazie al software Betatype e all’esperienza delle applicazioni AM, nonché alla conoscenza di Safran delle applicazioni di energia e potenza.

Nel complesso, la collaborazione tra Betatype e Safran Electrical & Power ha dimostrato come può evolversi l’uso della produzione additiva per applicazioni specifiche, anche nel corso di un anno. L’alloggiamento originale, che era composto da numerosi componenti complessi, è stato inizialmente consolidato utilizzando AM e DfAM. Ora, l’alloggiamento elettrico ha subito ulteriori miglioramenti, offrendo a Safran Electrical & Power ancora più vantaggi in termini di produzione e prestazioni.

Be the first to comment on "Betatype Safran"

Leave a comment