Bentley ripropone l’iconica Team Blower del 1929 utilizzando le più recenti tecnologie 3D


Venerata auto storica da ricreare, nella prima mondiale, continuazione di 12 unità di un’auto da corsa prebellica

Una delle auto più iconiche della storia di Bentley – il “Blower” da 4½ litri sovralimentato di Sir Tim Birkin del 1929 – deve rinascere con una nuova costruzione di 12 macchine abbinate, ognuna realizzata a mano singolarmente da un team di specialisti della divisione su misura e carrozzerie di Bentley, Mulliner. Insieme, le nuove vetture del 1929 del Team Blower formeranno la prima serie di continuazione di auto da corsa prebellica al mondo.

Il Team Blower di Bentley – numero di telaio HB 3403 – sarà smontato nei suoi singoli componenti, prima che ogni parte sia catalogata e scansionata meticolosamente in 3D per creare un modello digitale completo dell’intera vettura. Utilizzando gli stampi e le maschere originali degli anni ’20 e una serie di utensili manuali tradizionali insieme alla più recente tecnologia di produzione, verranno quindi creati 12 set di parti, prima che i tecnici specializzati di Bentley possano assemblare i nuovi soffiatori. Le 12 continuazioni saranno identiche laddove possibile all’originale – meccanicamente, esteticamente e spiritualmente – con solo minime modifiche nascoste dettate da moderni problemi di sicurezza.

L’auto originale verrà quindi riassemblata, con il team del patrimonio che ne approfitterà per completare un’ispezione dettagliata e un restauro meccanico simpatico ove richiesto. L’auto di 90 anni viene ancora utilizzata regolarmente sulla strada, compreso il completamento della Mille Miglia di quest’anno, corse giornaliere in collina al Goodwood Festival of Speed ​​e un recente tour lungo la costa della California, tra cui una parata a Laguna Seca e culminando nel 2019 Pebble Beach Concours d’Elegance, dove la macchina è apparsa con due degli altri tre Team Blower.

Dal mito al futuro
Alla fine degli anni ’20 furono costruiti solo quattro originali “Team Blowers” per le corse di Birkin. Tutti furono fatti una campagna sulle piste d’Europa, con l’auto più famosa – la Team Car n. 2 di Birkin, immatricolazione UU 5872 – che gareggiava a Le Mans e giocava un ruolo chiave nella vittoria della Bentley Speed ​​Six della fabbrica nel 1930.

Ora, usando una combinazione di generazioni di abilità artigianale e la più recente tecnologia digitale, il Team Blower del 1929 sarà l’esempio principale di 12 continuazioni, una per ogni gara in cui la flotta originale di quattro Team Blower ha gareggiato.

“Mentre continuiamo a commemorare i 100 anni di Bentley, stiamo combinando uno sguardo al nostro passato con le ultime tecnologie e tecniche digitali per creare qualcosa di veramente straordinario”, ha commentato Adrian Hallmark, Presidente e Amministratore delegato di Bentley, “i quattro Team Blower sono le Bentley più preziose al mondo, e sappiamo che c’è una richiesta di ricreazioni autentiche che possono essere utilizzate, godute e amate senza rischi per gli originali preziosi. ”

“I dodici nuovi soffiatori non solo saranno un omaggio alla nostra eredità, ma saranno anche una celebrazione delle eccezionali capacità dei nostri artigiani Mulliner – ha aggiunto Hallmark. Questa è una nuova sfida per Bentley, ma con l’incredibile successo del recente restauro della nostra Corniche one-of-one del 1939, volevamo fare un passo avanti e rendere qualcosa di ancora più speciale. Dodici fortunati clienti saranno presto in grado di possedere un tributo unico alla storia di Bentley. ”

Più personalizzazione ed edizioni limitate
Il nome Mulliner è stato intrecciato con la costruzione di carrozze dal 1760, quando Francis Mulliner fu incaricato di costruire carrozze per la Royal Mail. Nel 1870, suo nipote Robert formò la Mulliner London Limited e gli affari sbocciarono con l’avanzata degli autobus a motore meccanico. All’inizio del 1900 avevano aperto uno showroom nella prestigiosa Mayfair di Londra.

L’Olympia Show del 1923 a Londra vide la prima collaborazione tra il figlio di Robert, HJ Mulliner e Bentley, un 3½ litri su misura. Mulliner ha continuato a creare molti altri corpi Bentley nei decenni seguenti, e il legame tra le due società fu formalizzato nel 1959, con Mulliner che divenne parte ufficiale di Bentley.

Oggi l’officina Mulliner ha sede presso lo stabilimento Bentley di Crewe, dove designer e ingegneri creano commissioni personali per i clienti Bentley. Il loro più recente trionfo è la completa ricreazione della Bentley Corniche del 1939, una concept car Bentley dell’epoca, un tempo ritenuta perduta dalla storia, ma ora rinasce grazie alle capacità presenti nella squadra di Mulliner di maestri artigiani e artigiane.

Il progetto è l’ultimo di una serie di commissioni per Mulliner, che include la recente Continental GT Number 9 Edition – una straordinaria iterazione del Grand Tourer di terza generazione di Bentley, ispirato al Team Blower. Ognuna delle 10000 auto in costruzione presenta un pezzo di auto originale nel cruscotto e la serie si esaurisce immediatamente quando viene annunciata.

Come continuazioni dell’originale Team Blower, ciascuna delle nuove vetture della serie Continuation presenterà motori a quattro cilindri e 16 valvole con un basamento in alluminio con camicie in ghisa e testata in ghisa non rimovibile. Il compressore sarà una replica esatta del compressore di tipo root Amherst Villiers Mk IV, aiutando il motore 4398 cc a sviluppare 240 CV a 4.200 giri / min. La struttura dell’auto sarà un telaio in acciaio stampato, con sospensioni a balestra semiellittiche con copie degli ammortizzatori Bentley & Draper. Le attività ricreative dei freni a tamburo meccanici Bentley-Perrot da 40 cm (17,75 “) e lo sterzo a vite senza fine e il settore completano il telaio.

Mulliner impiegherà circa due anni di lavoro meticoloso per completare la serie di 12 auto. I prezzi saranno su richiesta.

L’iconico “soffiatore di squadra”
Nessun altro Bentley prebellico ebbe un impatto come il Bentley da 4½ litri sovralimentato. Sebbene non abbia mai vinto una gara di endurance, la Blower Bentley è stata la macchina da corsa più veloce della giornata e ha contato tra i suoi fan l’autore Ian Fleming – che in seguito ha deciso che il suo famoso agente segreto immaginario James Bond avrebbe guidato una Bentley sovralimentata da 4½ litri , con l’auto sportiva britannica rivale spesso associata semplicemente la “macchina da piscina” MI6.

Le Bentley Blower sono nate da una filosofia ideata da Sir Tim Birkin – noto pilota e Bentley Boy – per estrarre più velocità dalle Bentley da corsa del giorno. Mentre il metodo di WO Bentley era quello di aumentare la capacità del motore – da 3 litri a 4½ litri a 6½ litri – Birkin fu colpito dal compressore di tipo Roots sviluppato dall’ingegnere britannico Amherst Villiers, che aumentò la potenza del 4½ da 130 CV a 240 CV in sintonia di gara. Ha convinto Woolf Barnato, presidente di Bentley, a sanzionare la produzione di 55 Bentley da 4½ litri sovralimentate, con cinque assegnate alla competizione. L’auto della flotta storica di Bentley – UU 5872 – è la seconda delle quattro auto “Team” sviluppate nelle officine Birkin & Co a Welwyn Garden City con finanziamenti dall’erede ricca dell’On. Dorothy Paget.

UU 5872 fece il suo debutto al Gran Premio d’Irlanda del 1930 con Bernard Rubin al volante, mentre Birkin guidava il Team Car No.1, UU 5871. Entrambe le vetture furono equipaggiate con carrozzerie a quattro porte “British Flexible” dai costruttori di carrozzerie Harrison. Rubin è arrivato ottavo e Birkin terzo. Rubin è stato anche al volante della UU 5872 ad agosto presso l’Ulster TT, dove ha fatto rotolare la macchina ed è stato fortunato a fuggire senza infortuni. In seguito allo schianto di Rubin, l’UU 5872 fu ricostruita con un nuovo telaio da 9’9 “e una carrozzeria Vanden Plas in tempo per la gara Brooklands Double Twelve nel maggio 1930. Tim Birkin e Jean Chassagne condivisero la guida fino a quando un telaio del telaio incrinato costrinse il loro ritiro.

Per la 24 Ore di Le Mans del 1930, Mercedes entrò nella formidabile SSK sovralimentata da 7 litri, guidata da Rudolph Caracciola e Christian Werner. Di fronte a loro c’erano Bentley Motors – i campioni in carica – con una squadra di tre Works Speed ​​Sixes. Il team di Birkin è entrato in tre Blower, guidato dallo stesso Birkin in Team Car No.2.

Sin dall’inizio il ritmo è stato frenetico. Un famoso dipinto della gara di Bryan de Grineau mostra Birkin in UU 5872 mentre passa la Mercedes SSK di Caracciola lungo la Hunaudières dritta con due ruote sull’erba – e una gomma calva posteriore. Con stupore generale, Birkin rimase davanti per un intero giro prima di arrivare ai box.

La leggenda narra che Bentley utilizzò una strategia di “tartaruga e lepre” per respingere l’opposizione, con Birkin che spingeva Caracciola al limite fino alla scadenza della Mercedes. Mentre questa storia potrebbe essere stata sviluppata solo dopo la gara, la Mercedes di Caracciola è stata effettivamente guidata al fallimento, con l’acqua che scorreva dal motore. Nel frattempo, Woolf Barnato e Glen Kidston hanno preso la bandiera a scacchi nella loro Speed ​​Six.

L’ultima uscita in auto della UU 5872 fu la corsa agli handicap Brooklands 500 nell’ottobre del 1930, quando il Dr. Dudley Benjafield e Eddie Hall lo portarono al secondo posto con handicap a una velocità media di 112,12 mph. Nel maggio del 1931 UU 5872 e le altre rimanenti opere di Birkin, i soffianti furono pubblicizzati per la vendita in MotorSport, ognuno garantito per raggiungere 125 chilometri all’ora in assetto di corsa.

La Team Car n. 2 è stata restaurata con simpatia negli anni ’60, conservando gran parte della sua patina originale. Di proprietà di Bentley Motors dal 2000, ha avuto solo una piccola manutenzione cosmetica ed è molto simile a come Birkin avrebbe guidato. Da allora ha gareggiato cinque volte nella moderna Mille Miglia, ha guidato a Le Mans in diverse occasioni ed è anche apparso al Goodwood Festival of Speed ​​e al Concours d’Elegance di Pebble Beach.

Be the first to comment on "Bentley ripropone l’iconica Team Blower del 1929 utilizzando le più recenti tecnologie 3D"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi