Battistero di Firenze sostituite le porte in bronzo decorato con repliche esatte stampate in 3d

In Italia, la tecnologia di stampa e scansione 3D ha contribuito a ripristinare le porte sud del Battistero di Firenze, costruito circa 700 anni fa.

Realizzate in bronzo, le porte soffrivano di deterioramento a causa del tempo e dell’inquinamento. Pertanto, nell’ambito di un progetto di conservazione culturale sponsorizzato dall’Opera di Santa Maria del Fiore , è stato deciso di sostituire le porte in bronzo decorato con repliche esatte.

In collaborazione con Prototek , un fornitore di servizi di scansione / stampa 3D italiano, Opera ha acquistato uno scanner 3D Artec Space Spider per catturare digitalmente le porte per la replica.

I dati scansionati sono stati quindi utilizzati per stampare modelli 3D delle diverse parti delle porte utilizzando la stampante 3D ProX 500 3D Systems. Queste parti stampate in 3D sono state quindi consegnate alla fonderia di Ciglia e Carrai, che le ha utilizzate per riprodurre un clone delle porte sud utilizzando un metodo di fusione a cera persa.

Il Battistero di Firenze è un edificio circondato da una ricca storia, essendo stato costruito tra il 1059 e il 1128, rendendolo uno dei più antichi edifici della città. Significativamente, l’edificio è rinomato per le sue tre serie di porte in bronzo artisticamente importanti con sculture in rilievo. Le porte sud sono state create da Andrea Pisano e le porte nord e est da Lorenzo Ghiberti.

Le porte sud sono le più antiche del trio, progettate tra il 1329 e il 1336. Attraverso i suoi 28 pannelli dettagliatamente dettagliati, le porte raffigurano la vita di San Giovanni Battista, a cui prende il nome il Battistero. Misurano oltre 5 metri di altezza per oltre 4 metri di larghezza.

Nel 2016, dopo essersi deteriorato abbastanza gravemente nel tempo, le porte sono state smantellate per subire un progetto di restauro triennale presso i Laboratori dell’Opificio delle Pietre Dure. Il suo restauro è stato finanziato dall’Opera di Santa Maria del Fiore, un’istituzione specializzata nella protezione e valorizzazione dei monumenti religiosi, civili, culturali e storici. L’Opera ha cercato di recuperare l’originale doratura delle porte.

Prima di essere collocati nel museo dell’Opera del Duomo dove è ora esposto, ciascuno dei 28 pannelli delle porte è stato scansionato con l’aiuto di Prototek usando l’ Artec Space Spider , uno scanner 3D portatile che è stato utilizzato anche per decodificare il complesso parti all’interno della Royal Navy olandese . Le porte sono state smantellate, con ciascuno dei 28 pannelli disposti in sette file di quattro, prima di essere scansionati per un periodo di 10 giorni, consentendo loro di essere catturati in modelli a colori ad alta risoluzione.

Quindi, tutte e 28 le piastrelle delle porte sud sono state stampate in 3D utilizzando la stampante 3D ProX 500 , un sistema SLS di 3D Systems, in Duraform GF, un materiale plastico di nylon. Ciglia e Carrai, una società specializzata nella fonderia di fusione per belle arti, ha iniziato a utilizzare i pannelli stampati in 3D per creare stampi per versare la cera e quindi fonderli in bronzo per creare repliche esatte dei pannelli originali. Successivamente, il team di Ciglia e Carrai ha affrontato il compito di scalpellare i pannelli per ricostruire tutti i dettagli minori delle porte originali, prima di fonderli e le cornici per riprodurre finalmente le porte sud.

La tecnologia 3D, che comprende la scansione e la stampa 3D, è diventata il metodo di scelta per gli individui e le organizzazioni che cercano di ripristinare, riprodurre e preservare manufatti storici. Questo perché la tecnologia consente repliche dettagliate senza causare danni all’opera d’arte o alla scultura originale.

Nel 2019, ad esempio, una replica di 2,2 metri di altezza dell’arco di San Pedro de las Dueñas è stata collocata nel giardino del Museo Archeologico Nazionale (MAN) di Madrid. Il monumento è stato realizzato per aiutare a dimostrare il potenziale delle tecnologie emergenti e il loro ruolo nella conservazione storica.

Nello stesso anno, una replica stampata in 3D della statua del Leone di Mosul risalente a 3000 anni fa fu esposta all’Imperial War Museum (IWM) di Londra , nell’ambito di una mostra in tre parti intitolata Culture Under Attack . Con l’originale distrutto dall’ISIS quattro anni fa al Museo Mosul di Baghdad, in Iraq, la stampa 3D e la modellazione digitale hanno consentito la conservazione del tesoro storico.

Be the first to comment on "Battistero di Firenze sostituite le porte in bronzo decorato con repliche esatte stampate in 3d"

Leave a comment