BatiPrint3D di Nantes stamperà in 3D le case di domani

La nuova startup di Nantes BatiPrint3D stamperà in 3D le case di domani
Nel 2017, tre ricercatori dell’Università di Nantes hanno intrapreso un folle progetto: la stampa 3D delle pareti di un social housing in modo che fosse abitata l’anno successivo. E lo hanno fatto: da luglio 2018, una famiglia vive in queste mura stampate in 3D in sole 52 ore. Philippe Poulain, Benoit Furet e Sébastien Garnie, i ricercatori dietro al progetto, hanno quindi deciso di avviare una propria startup, specializzata nella produzione e costruzione di additivi: il 9 gennaio, BatiPrint3D è stato lanciato ufficialmente a Nantes, diretto di Eddy Zouaoui che ha già lavorato alcuni anni nel settore dell’edilizia.

Quando parliamo di stampa 3D in edilizia , pensiamo alle case stampate in 3D in un giorno, ma la realtà è abbastanza diversa. I produttori del mercato oggi estrudono il calcestruzzo per progettare le pareti di una struttura, il resto deve essere fatto utilizzando metodi convenzionali. Questo nuovo processo, sebbene presenti numerosi vantaggi, non è ancora standardizzato e presenta ancora alcuni limiti da superare prima di poter essere il metodo di costruzione di domani. Tuttavia, in Francia, il progetto portato avanti da BatiPrint3D sembra avanzare rapidamente. La differenza sta principalmente nel fatto che l’avvio non stampa direttamente il cemento ma una schiuma ditipo espanso poliuretano in cui viene versato il calcestruzzo. Garantisce sia la resistenza della struttura interna grazie al calcestruzzo che l’isolamento della casa.

La creazione di un’entità dedicata a questa nuova tecnologia potrebbe avere un impatto sul settore edile francese e dare vita a progetti innovativi sul territorio, soprattutto perché tende a essere più rispettoso dell’ambiente. In effetti, i 3 ricercatori hanno sempre desiderato sviluppare schiuma riciclata, realizzata con bottiglie di plastica. Hedy Zouaoui ha grandi ambizioni per BatiPrint3D : “Questa è una grande avventura che è iniziata e abbiamo l’ambizione di diventare il leader europeo nella modernizzazione del settore delle costruzioni, per costruire meglio, più sicuro, più veloce, più economico e più sostenibile. L’isolamento delle facciate stampate con materiali riciclati è un punto focale della nostra strategia di sviluppo. Assumeremo una dozzina di persone nei prossimi 3 anni. “

Le giovani riprese francesi hanno già ricevuto alcuni ordini tra cui la costruzione di una casa a due piani, la creazione di 9 appartamenti a Beaucouzé, vicino Angers e infine un eco-quartiere. Dovrebbe anche raccogliere fondi quest’anno per sostenere la sua crescita. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web dell’Università di Nantes .

Da sinistra a destra: Philippe Poullain, Sébastien Garnier, docenti ricercatori e associati di Batiprint 3D, Hedy Zouaoui, CEO di Batiprint 3D, Olivier Laboux, presidente dell’Università di Nantes, Benoit Furet, insegnante ricercatore e associato del progetto e Vincent Lamande, presidente di SATT Ouest Valorisation

Be the first to comment on "BatiPrint3D di Nantes stamperà in 3D le case di domani"

Leave a comment