BASF Ultrafuse 316L

BASF commercializza materiale composito per la stampa 3D in metallo polimero con iGo3D, MatterHackers e Ultimaker

BASF 3D Printing Solutions , una consociata della società chimica tedesca BASF che si concentra interamente sulla stampa 3D , ha lavorato per costruire il suo inventario dei materiali negli ultimi due anni. Nel 2017, BASF ha stretto una partnership con Essentium allo scopo di sviluppare materiali di stampa 3D FFF più robusti. Una nuova partnership si concentra sulla famiglia di filamenti Ultrafuse industriale, che include Ultrafuse Z extra forte per desktop. Ora sta introducendo un nuovo materiale Ultrafuse : il composito metallo-polimero 316L Ultrafuse .

“Ultrafuse 316L può, in determinate condizioni, essere elaborato su qualsiasi stampante FFF convenzionale a materiale aperto. Il nostro obiettivo era quello di sviluppare un filamento di metallo di alta qualità che renda la produzione additiva di parti metalliche notevolmente più semplice, economica, veloce e accessibile a tutti “, ha spiegato François Minec, amministratore delegato di BASF 3D Printing Solutions.

In passato, FFF si limitava a usare solo materiali termoplastici. Ma BASF Ultrafuse 316L è un filamento metallico con contenuto di polimero, quest’ultimo dei quali funge da legante durante il processo di stampa. Il contenuto di polimero principale, o legante primario, dalla parte “verde” viene rimosso mediante debinding catalitico, che si traduce quindi nella parte marrone delle particelle di metallo puro e nel legante residuo (secondario). I processi di debinding e sinterizzazione standard del settore eliminano questo legante secondario dalla parte marrone, mentre le particelle metalliche si combinano. La post-sinterizzazione è quando il materiale raggiunge le sue proprietà di durezza e resistenza finali – acciaio inossidabile 316L.

Ultrafuse 316L è stato appositamente progettato per la stampa sicura ed economica di oggetti completamente in acciaio inossidabile su stampanti 3D FFF aperte per utensili metallici, prototipi e parti funzionali. Ora, BASF ha iniziato a commercializzare il materiale con un trio di aziende: fornitore di soluzioni di stampa 3D desktop professionale iGo3D , rivenditore di stampa 3D MatterHackers e leader di stampa 3D desktop Ultimaker .

“Rispetto al Metal Injection Moulding (MIM), Ultrafuse 316L offre una soluzione adatta per l’ufficio, che apre nuove opportunità di produzione. Per raggiungere il pieno potenziale del filamento di metallo e garantire un inizio solido, è necessario capire che Ultrafuse 316L non è un filamento convenzionale. Il nostro obiettivo è fornire pacchetti di servizi completi e supporto dalla prima richiesta fino alla parte finalizzata e sinterizzata, per implementare la stampa 3D in metallo come componente naturale nel processo di produzione “, ha affermato Athanassios Kotrotsios, Amministratore delegato di iGo3D.

Il rischio di difetti è inferiore e il tasso di successo maggiore quando si utilizza Ultrafuse 316L a causa del contenuto di metallo nella gamma alta del 90% e di una distribuzione uniforme del metallo nella matrice del legante. Inoltre, i possibili rischi professionali e di sicurezza derivanti dalla manipolazione di polveri sottili sono significativamente ridotti con questo materiale, poiché le particelle metalliche sono immobilizzate nella matrice del legante.

“Ultrafuse 316L di BASF consente a ingegneri e progettisti di produrre parti metalliche vere, pure, di livello industriale in modo facile e conveniente utilizzando stampanti 3D desktop. Questo materiale rappresenta un significativo progresso tecnologico e rappresenta davvero un cambiamento nel modo in cui descriviamo ciò che è possibile con le stampanti 3D desktop “, ha affermato Dave Gaylord, Responsabile dei prodotti per MatterHacker.

Il nuovo filamento di metallo composito Ultrafuse 316L è abbastanza forte e flessibile da essere guidato attraverso complessi sistemi di trasporto del materiale e funziona sia con Bowden che con estrusori a trasmissione diretta.

Paul Heiden, Senior Vice President Product Management di Ultimaker, ha dichiarato: “Ultimaker S5 alza il livello della stampa 3D professionale offrendo un’esperienza di stampa 3D senza problemi con materiali di livello industriale. Siamo orgogliosi di annunciare che i profili di stampa per Ultrafuse 316L verranno aggiunti al mercato di Ultimaker. I professionisti della stampa 3D in tutto il mondo possono quindi utilizzare la tecnologia FFF per produrre parti metalliche funzionali a tempi e costi significativamente ridotti rispetto ai metodi tradizionali. “

BASF fornirà le linee guida per l’elaborazione della stampante 3D e i set di parametri per Ultrafuse 316L, oltre al supporto e alla consulenza in loco per assicurarsi che il materiale stia funzionando per sniffare la scelta della stampante 3D FFF. Ma se sei interessato a saperne di più su come utilizzare il materiale ora, puoi dare un’occhiata a questo tutorial da MatterHackers sul nuovo Ultrafuse 316L di BASF:

I materiali polimerici metallici permetteranno a molte più persone di stampare in 3D materiali più resistenti. Tuttavia, va notato che molto probabilmente una geometria completamente nuova non funzionerà la prima volta con questo processo. Le percentuali di restringimento nelle parti variano a seconda degli spessori delle pareti, delle dimensioni delle parti e persino delle geometrie. Durante la sinterizzazione, le parti di processo tenderanno a non restringersi uniformemente. La limitazione attuale con Ultrafuse è quindi la stessa che influenza il getto di legante con i metalli. Per le serie delle stesse parti questo è molto interessante attualmente e dovrebbe essere una sfida risolvibile per rendere più prevedibile la contrazione. Tuttavia, i semplici dati relativi alla previsione prevedibile dei risultati delle parti in molte geometrie e quindi nel software che deformano in modo predittivo le parti sarebbero vasti. Così risolvibile,

Be the first to comment on "BASF Ultrafuse 316L"

Leave a comment