Basf Poietis e il bioprinting 4d fatto col laser

Il gigante della chimica BASF  con Poietis per un progetto di bioprinting 4d che riguarda la pelle .

Organovo ha fatto notizia per la stampa 3D di un  fegato umano, di reni e di tessuto cutaneo, ma non è l’unica società  al mondo che sta  sviluppando tecnologie bioprinting. La poco conosciuta start up francese  o, Poietis,   ha presentato nel mese di settembre del 2014,  lo sviluppo di una  tecnologia laser in grado di biostampare  cellule umane viventi.

Approccio di Poietis si allontana radicalmente  da altre aziende come Organovo infatti usa il metodo estrusivo mentre Poietis punta al laser  . Questo approccio consente una precisione incredibile nello stampare le cellule viventi. Poietis sostiene di essere in grado di concentrare fino a 100 milioni di cellule per millimetro e stamparle ad una risoluzione 20  micron. Ciò si traduce in un 100% di tasso di vitalità cellulare, un risultato fenomenale.

Il modo in cui la tecnologia funziona è che un laser è focalizzato su un substrato contenente le cellule. Questo crea un getto di micro goccioline che si concentra  quindi sulla piastra di costruzione della macchina che delicatamente ‘stampa’ queste cellule strato per strato, in tre dimensioni. Chiamano questo processo ‘4D Bioprinting’ perché una quarta dimensione viene utilizzata, ed è la dimensione ‘tempo’. Una volta che il tessuto è stampato, è necessario tempo per le cellule per comunicare e  auto-assemblarsi.

Questo approccio unico per il bioprinting ha attirato l’attenzione dei maggiori produttori di sostanze chimiche al mondo, tra cui BASF. Con sede a Ludwigshafen, in Germania, BASF è stata un gigante all’interno del settore chimico per oltre 150 anni: recentemente ha puntato  in un’altra direzione, verso la realizzazione di tessuti pelle umana, con un prodotto chimico derivato dall’ aneto che chiamano Lys’lastine V. Ora BASF vuole usare la tecnologia laser Poietis ‘, combinata con i propri prodotti chimici e processi per realizzare una versione migliorata del proprio tessuto Mimeskin ™.

“Siamo estremamente soddisfatti di questa collaborazione. Avendo esperienza a lungo termine in soluzioni per il mercato della dermo-cosmesi, BASF comprende i benefici del bioprinting laser rispetto alle tecnologie di colture cellulari convenzionali e altri metodi di bioprinting, “ha spiegato il dottor Fabien Guillemot, fondatore e presidente di Poietis. “La partnership sottolinea anche la possibilità di usare  modelli di tessuto biostampati come alternativa alla sperimentazione animale nei cosmetici e nella dermofarmacia.”

Le due società hanno firmato un accordo di R & D per lavorare insieme su questo nuovo progetto.

“Rispetto ad altri metodi bioprinting la tecnologia laser-assistita fornisce una risoluzione più elevata quando si tratta di patterning di cellule”, ha spiegato il dottor Sebastien Cadau, responsabile dello sviluppo dell’ingegneria dei tessuti in BASF. “La partnership con Poietis consente a BASF di assicurare il proprio vantaggio strategico in una migliore comprensione dei meccanismi della pelle che sostengono lo sviluppo e la sperimentazione di cosmetici bioattivi avanzati per applicazioni di cura della pelle.”

 

Be the first to comment on "Basf Poietis e il bioprinting 4d fatto col laser"

Leave a comment