BASF e CTIBiotech insieme per creare il primo modello rigenerante di pelle umana biostampata in 3D

BASF e CTIBiotech svilupperanno il primo modello rigenerante di pelle umana bioprintata 3D
Il nuovo modello 3D consentirà la ricerca e lo sviluppo di proprietà antinfiammatorie di principi attivi.

Un progetto di ricerca che ha coinvolto BASF Care Creations e CTIBiotech ha portato allo sviluppo del primo modello di pelle umana bioprintato in 3D, inclusi i macrofagi immunitari. I modelli di tessuto ricostruiti costituiranno la base per lo sviluppo e la sperimentazione di bioattivi per applicazioni di cura della pelle.

BASF è stato molto attivo in diversi segmenti dell’arena della stampa 3D, con una precedente specifica partnership di bioprinting con un’altra società francese di bioprinting, Poietis . CTIBiotech ha sviluppato la propria tecnologia di bioprinting per produrre un micro-tumore stampato in 3D (utilizzato per studi preclinici altamente significativi) e modelli di pelle 3D avanzati per testare ingredienti attivi, cosmetici e prodotti dermatologici su modelli avanzati, aggiungendo credibilità per comprovare le dichiarazioni di efficienza per i clienti.

L’uso della tecnologia di bioprinting 3D di CTIBiotech consentirà agli scienziati di BASF di aumentare il proprio portafoglio di modelli di skin bioprinted 3D. La tecnologia fornirà una potente piattaforma per i ricercatori della cura della pelle che desiderano studiare la funzione dei macrofagi in una pelle completamente ricostruita.

I macrofagi monitorano costantemente il microambiente cutaneo alla ricerca di indicazioni di stress cellulare, lesioni ai tessuti o infezione. Sono essenziali per chiudere le ferite e rigenerare completamente il tessuto. Per mantenere l’omeostasi cutanea, i macrofagi hanno un elevato grado di plasticità che promuove o sopprime l’infiammazione.

“Rispetto agli attuali metodi in vitro, la pelle bioprintata immunitaria 3D sviluppata con CTIBiotech consentirà un’analisi più in linea con la fisiologia umana e il ruolo immunitario dei macrofagi”, ha affermato la dott.ssa Sébastien Cadau, specialista in ingegneria dei tessuti 3D presso il sito BASF di Lione, in Francia . “È così che questa tecnologia ci aiuterà ad accelerare lo sviluppo di ingredienti innovativi e altamente affidabili per il mercato della cura della pelle. La nostra comprensione di una pelle 3D immunocompetente fornisce la base per lo sviluppo e il test di bio-attivi cosmetici avanzati per applicazioni di cura della pelle. “

modello di pelle umana bioprinted
Le strutture di ricerca e sviluppo all’avanguardia di 1 000 m² di CTIBiotech offrono accesso a CTIBiosourcing e un team altamente qualificato di ricercatori internazionali situato a soli 10 minuti dall’aeroporto internazionale di Lione.
BASF e CTIBiotech hanno iniziato la loro collaborazione già nel 2011. Nel 2015, i partner di ricerca hanno iniziato a lavorare su modelli di tessuto 3D per lo sviluppo e il test di bioattivi per applicazioni di cura della pelle. Nel 2018, hanno annunciato i primi risultati: gli esperti hanno dimostrato sia la produzione ex vivo di sebo fisiologico nella cultura a lungo termine di un modello 3D di ghiandola sebacea umana sia la regolazione di questa produzione di sebo mediante ingredienti attivi.

“CTIBiotech e BASF hanno una lunga storia di collaborazioni su innovativi modelli di pelle umana per migliorare la cura della pelle umana”, ha affermato il prof. Colin McGuckin, Chief Scientific Officer presso CTIBiotech. “CTIBiotech ospita un team di esperti mondiali per l’ingegneria dei tessuti umani con tecnologia 3D Bioprinting che rafforzerà il successo di questa partnership anche in futuro.”

Be the first to comment on "BASF e CTIBiotech insieme per creare il primo modello rigenerante di pelle umana biostampata in 3D"

Leave a comment