BASF e CTIBiotech biostampano in 3d la pelle umana ricostruita

BASF e CTIBiotech sviluppano la pelle ricostruita umana bioprintata 3D

La pelle ricostruita in 3D e i modelli epidermici sono uno strumento prezioso nei test farmaceutici e cosmetici, nonché per studi in vitro. La stampa 3D ha spostato il paradigma negli studi di biologia cutanea sperimentale, poiché i ricercatori sono passati dalle monoculture 2D alla pelle in crescita all’interno di una matrice extracellulare 3D. Aziende come BASF Care Creations e Cell Therapy Research Institute CTIBiotech si sono riuniti alcuni anni fa per collaborare a nuovi metodi di bioprinting, lavorando insieme per avanzare ulteriormente nelle applicazioni di cura della pelle. Ora hanno annunciato lo sviluppo della prima pelle ricostruita umana bioprintata in 3D, inclusi i macrofagi immunitari. I macrofagi sono cellule importanti del sistema immunitario che si formano in risposta a un’infezione o all’accumulo di cellule danneggiate o morte. Se questi macrofagi forniscono la prima linea di difesa nel proteggere l’ospite dalle infezioni, i ricercatori hanno davvero bisogno di incorporarli nei modelli di pelle.

I modelli di tessuto ricostruiti costituiranno la base per lo sviluppo e la sperimentazione di bioattivi per applicazioni di cura della pelle e consentiranno la ricerca e lo sviluppo delle proprietà antinfiammatorie dei principi attivi.

Gli scienziati di BASF useranno la tecnologia di bioprinting 3D di CTIBiotech per aumentare il loro portafoglio di modelli di skin bioprinted 3D. L’Istituto di ricerca sulla terapia cellulare della società sviluppa e produce modelli predittivi di tessuti e cellule umani per la ricerca e lo sviluppo cosmetico biomedico, farmaceutico e cutaneo, quindi la loro tecnologia fornirà una potente piattaforma per i ricercatori della cura della pelle che sperano di studiare la funzione dei macrofagi nella pelle completamente ricostruita .

Questa è una nuova pietra miliare per gli sforzi congiunti di ricerca di entrambe le società. BASF e CTIBiotech hanno iniziato la loro collaborazione già nel 2011. E nel 2015, i partner della cooperazione hanno iniziato a lavorare su modelli di tessuto 3D per lo sviluppo e il test di bioattivi per applicazioni di cura della pelle. Poi, l’anno scorso, hanno annunciato i primi risultati con cui gli esperti hanno dimostrato sia la produzione ex vivo di sebo fisiologico nella cultura a lungo termine di un modello 3D di ghiandola sebacea umana sia la regolazione di questa produzione di sebo mediante ingredienti attivi.

Ora, con lo sviluppo dei primi modelli di pelle bioprinted 3D, i partner di ricerca stanno portando avanti le loro indagini.

“Rispetto agli attuali metodi in vitro, la pelle bioprintata immunitaria 3D sviluppata con CTIBiotech consentirà un’analisi più in linea con la fisiologia umana e il ruolo immunitario dei macrofagi”, ha affermato Sébastien Cadau, specialista in ingegneria dei tessuti 3D presso BASF a Lione, in Francia. “È così che la tecnologia ci aiuterà ad accelerare lo sviluppo di ingredienti innovativi e altamente affidabili per il mercato della cura della pelle. La nostra comprensione di una pelle 3D immunocompetente fornisce la base per lo sviluppo e il test di bio-attivi cosmetici avanzati per applicazioni di cura della pelle. “

I macrofagi monitorano costantemente il microambiente cutaneo alla ricerca di indicazioni di stress cellulare, lesioni ai tessuti o infezione. Sono essenziali per chiudere le ferite e rigenerare completamente il tessuto. Per mantenere l’omeostasi cutanea, i macrofagi hanno un elevato grado di plasticità che promuove o sopprime l’infiammazione

“CTIBiotech e BASF hanno una lunga storia di collaborazioni su innovativi modelli di pelle umana per migliorare la cura della pelle umana. CTIBiotech ospita un team di esperti mondiali per l’ingegneria dei tessuti umani con tecnologia 3D Bioprinting che rafforzerà il successo di questa partnership anche in futuro “, ha spiegato Colin McGuckin, Chief Scientific Officer presso CTIBiotech.

Be the first to comment on "BASF e CTIBiotech biostampano in 3d la pelle umana ricostruita"

Leave a comment