Barnes Group e lo studio potenziale impatto di un campus di produzione di produzione additiva ilNeighborhood 91 per l’ aeroporto internazionale di Pittsburgh

ANALISI DELL’IMPATTO ECONOMICO DELL’HUB DI PRODUZIONE ADDITIVA “NEIGHBORHOOD 91” PRESSO L’AEROPORTO INTERNAZIONALE DI PITTSBURGH

La società di consulenza sulla produzione additiva Barnes Group Advisors (TBGA) ha pubblicato uno studio che esamina il potenziale impatto di un campus di produzione di produzione additiva per l’ aeroporto internazionale di Pittsburgh . Conosciuto come Neighborhood 91 , l’hub di stampa 3D è previsto per la costruzione dell’aeroporto nel 2020 e farà parte del Campus di innovazione dell’aeroporto di Pittsburgh. Lo sviluppo si svolgerà su 195 acri direttamente collegati all’aeroporto internazionale di Pittsburgh.

Il campus è stato progettato per ospitare un completo ecosistema di produzione additiva end-to-end; è dotato di tutti i componenti necessari che compongono la filiera della stampa 3D. Lo studio di TBGA ha rivelato i vantaggi economici complessivi che il vicinato 91 potrebbe avere per l’aeroporto internazionale di Pittsburgh, principalmente ruotando attorno a una riduzione dei costi di produzione, una catena di approvvigionamento semplificata, uno sviluppo della forza lavoro e un ridotto consumo di energia.

Commentando i numerosi impatti sui costi di un campus di produzione AM concentrato, la responsabile dei servizi addetti alla consulenza di TBGA e coautrice di report, Laura Ely, ha dichiarato: “L’attuale catena di approvvigionamento della produzione AM è frammentata”.

“QUESTO STUDIO CONFERMA CHE IL CAMPUS CENTRALIZZATO DI NEIGHBORHOOD 91 RIDURRÀ IN MODO SIGNIFICATIVO I COSTI E LA NECESSITÀ DI GESTIRE I COMPONENTI ATTRAVERSO UNA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO DISPERSA.”

Il quartiere 91 è stato inizialmente annunciato alla fine del 2019, dall’aeroporto internazionale di Pittsburgh e dall’Università di Pittsburgh . Lanciato per contribuire a rendere Pittsburgh un leader mondiale nella produzione additiva, Neighbourhood 91 è un nuovo concetto che tenta di “condensare e collegare tutti i componenti della catena di approvvigionamento della stampa AM / 3D in un potente ecosistema di produzione”. La sua collocazione presso il Pittsburgh Airport Innovation Campus, costruito adiacente al terminal e alla pista dell’aeroporto, ha lo scopo di sfruttare le risorse di capitale condiviso dei partner delle strutture, tra cui il sistema energetico a microgriglia, l’argon riciclato e le strutture in polvere comuni. Sarà inoltre situato vicino a due principali autostrade, 18 ferrovie e il più grande porto interno in America per opzioni di carico globalizzate.

Conosciuta come la “Steel City”, Pittsburgh è un centro di produzione storico per gli Stati Uniti. Oltre all’acciaio, la città ha esperienza nella produzione di alluminio, vetro, costruzioni navali, petrolio ed elettronica. Sfruttando questa storia, l’Aeroporto Internazionale di Pittsburgh sta cercando di stabilire la città come una “casa” per la produzione additiva attraverso il vicinato 91.

TBGA ha fornito un contributo strategico alla creazione del campus di produzione additiva, avendo anche aiutato Pittsburgh International Airport nella creazione di una strategia di cluster AM. Altri partner includono il fornitore di gas argon e lo specialista del riciclaggio del gas Arencibia .

Dal suo rapporto, TBGA ha stabilito che Neighbourhood 91 può fungere da catalizzatore per l’industrializzazione della produzione additiva e l’innovazione con la creazione di un ecosistema efficiente in termini di costi.

In particolare, l’impatto del campus di produzione additiva può portare a benefici come una riduzione del 25 percento dei costi di produzione per le parti e del 30 percento per la polvere, secondo il rapporto TBGA. Può anche potenzialmente ridurre i tempi di produzione dell’80 percento e ridurre i costi di trasporto e le miglia per la produzione di polvere per parti di almeno l’80 percento. Il vicinato 91 può anche avere un impatto positivo sulla produttività e l’innovazione in R&S e consentire una riduzione delle curve di apprendimento e delle attrezzature sottoutilizzate.

Il fondatore e amministratore delegato della TBGA, John Barnes, ha osservato: “Un cluster fa due cose chiave: consente ai proprietari di processi di concentrarsi sullo sviluppo e sull’ottimizzazione del loro processo principale e crea un pool di manodopera regionale qualificato”. È anche una vittoria per il regione, ha aggiunto, “perché le società innovative si localizzano vicino ad altre società innovative; questa è un’area in cui Pittsburgh, in particolare, ha avuto successo nel corso degli anni. ”

Concentrandosi sul sostegno allo sviluppo della produzione additiva e sulla promozione dell’industrializzazione della stampa 3D, le attività più recenti di TBGA ruotano attorno all’avvio di una serie di accordi di formazione con le principali parti interessate del settore in Europa e Nord America. Ha firmato accordi con aziende come SLM Solutions e Tiziri Advanced Manufacturing Technologies per fornire formazione ai produttori additivi .

Be the first to comment on "Barnes Group e lo studio potenziale impatto di un campus di produzione di produzione additiva ilNeighborhood 91 per l’ aeroporto internazionale di Pittsburgh"

Leave a comment