Barilla presenta al Cibus 2016 la propria stampante 3d alimentare sviluppata in collaborazione con l’olandese TNO

Barilla gioca in casa nella stampa 3d.

Approfitta della Fiera Gibus 2016 di Parma per presentare la propria stampante 3d in grado di stampare la pasta.

Il prototipo è stato realizzato con l’olandese TNO ,
In soli 2 minuti si può “stampare” la pasta fresca, impastando acqua e semola di grano duro.

Ci sono quattro forme disponibili per ora Spaghetti , rigatoni e tre nuovi formati che arrivano dalla gara su Thingarage a cui hanno partecipato 400 diverse idee.

E’ in grado di stampare forme di pasta tridimensionali (3D) . Questa stampante può fare quello che i metodi normali non possono: creare forme di pasta uniche. La stampante è attualmente in grado di stampare quattro elementi ogni due minuti.

La pasta viene preparata utilizzando classiche ricette di pasta – solo semola di grano duro e acqua – senza additivi, così come la pasta normale. La stampante non è ancora disponibile in commercio, ma ha un enorme potenziale, offrendo ai consumatori una particolare esperienza con la pasta sulla base di speciali combinazioni di formati di pasta e dei componenti del menu.

TNO si concentra sulla stampa del cibo che è un modo unico nella tessitura, nella struttura, negli ingredienti, nella forma e che può dare un contributo tangibile alla salute delle persone e nella produzione sostenibile. Ciò che rende TNO unico è che circa 20 ingegneri, scienziati di processo edesperti alimentari lavorano sulla stampa 3d del cibo, il che lo rende l’unico istituto al mondo che unisce l’esperienza nella tecnologia del processo di stampa e nella sua applicazione con la conoscenza della scienza dell’alimentazione nello stesso team. Questa è la base di TNO per facilitare la creazione di conoscenza in termini di esperienza di gusto in combinazione con i nuovi prodotti, ingredienti e coi processi di stampa.

NUOVE MATERIE PRIME E NUOVI PRODOTTI
La stampa 3d del cibo potrebbe essere un fattore chiave nella ricerca per utilizzare nuove materie prime e sviluppare nuovi prodotti, generando significative opportunità per l’industria alimentare, la riduzione dei rifiuti e dei flussi di residui, la promozione di prodotti sani e freschi, e al contempo migliorando il divertimento dell’esperienza del cibo .

VALORE AGGIUNTO
TNO vede un ruolo centrale nell’alimentazione con la stampa 3D sia a breve e sia a lungo termine per sviluppare nuovi prodotti unici che non possono essere fatti utilizzando altri metodi o per modificare la formula, la forma, la struttura o la texture di prodotti esistenti in modo che, per esempio, l’esperienza del gusto rimanga la stessa ma il contenuto di sale o di zucchero sia ridotto. Inoltre, il cibo può essere personalizzato in modo che si adatti con precisione alle esigenze e alle preferenze degli individui (come gli sportivi d’elite, le persone con esigenze dietetiche particolari o che hanno difficoltà a deglutire) rispetto al contenuto, la forma e il gusto. La tecnologia 3D può anche contribuire a trasformare ingredienti alternativi come le proteine da alghe, foglie di barbabietola o persino insetti in prodotti gustosi con strutture riconoscibili che fanno bene non solo per la salute, ma anche per l’ambiente.

E, naturalmente, la stampante può garantire che il vostro pasto personalizzato sia creato al momento giusto in modo che quando arrivate  a casa, un pasto fresco sano vi aspetti. Questa comodità può portare a alla produzione flessibile decentrata e  locale .

Be the first to comment on "Barilla presenta al Cibus 2016 la propria stampante 3d alimentare sviluppata in collaborazione con l’olandese TNO"

Leave a comment