Azul 3D ha raccolto 5,4 milioni di dollari nel secondo round

AZUL 3D RACCOGLIE OLTRE $ 8 MILIONI NEL FINANZIAMENTO DELLE SEMENTI PER LA TECNOLOGIA DI STAMPA RAPIDA AD ALTA AREA

Azul 3D , un produttore di stampanti 3D con sede in Illinois, ha completato la sua seconda fase di finanziamento delle sementi, dove ha raccolto finanziamenti per $ 5,4 milioni. Gli investimenti totali della società ammontano ora a oltre $ 8 milioni, sebbene non siano stati resi noti i dettagli degli investitori coinvolti nell’ultimo round.

Azul 3D afferma che utilizzerà la nuova iniezione di liquidità per far avanzare la sua tecnologia di stampa 3D HARP ( High Area Quick Printing ) proprietaria, un processo SLA su larga scala originariamente sviluppato presso la Northwestern University .

Oltre a lanciare le sue prime stampanti 3D HARP commerciali, Azul 3D sfrutterà i finanziamenti per espandere le sue operazioni per prepararsi al lancio del prodotto, reclutare la leadership senior e costruire la sua struttura produttiva.

Azul 3D è uno spin-off di Northwestern che mira a commercializzare la tecnologia di stampa 3D HARP . Fondata nel 2016 da Chad A. Mirkin, David Walker e James Hedrick, ricercatori e professori della Northwestern, la società ha operato in modalità invisibile negli ultimi anni.

Alla fine del 2019, i dettagli del processo HARP sono stati rivelati in un documento pubblicato dai ricercatori. I fondatori di Azul 3D hanno spiegato che il loro prototipo di stampante 3D HARP poteva stampare mezzo metro (457,2 mm) in un’ora, una produttività che si dice record nella stampa 3D. Con un’altezza di 3962 mm (13 piedi), la stampante 3D HARP utilizza una versione in attesa di brevetto della tecnologia SLA per stampare oggetti 3D “le dimensioni di un essere umano adulto” su richiesta, secondo il team di ricerca.

Mirkin, leader dello sviluppo dei prodotti HARP, ritiene che HARP superi i limiti delle precedenti tecnologie di stampa 3D: “La stampa 3D è concettualmente potente ma è stata praticamente limitata. Se potessimo stampare velocemente senza limitazioni su materiali e dimensioni, potremmo rivoluzionare la produzione. HARP è pronto a farlo. “

In particolare, Azul 3D posiziona il suo processo HARP come soluzione per stampanti 3D a base di resina di dimensioni limitate al fine di ottimizzare la velocità di stampa o, al contrario, ostacolate da una produttività ridotta per un volume di costruzione maggiore . “Quando puoi stampare velocemente e in grande formato, può davvero cambiare il modo in cui pensiamo alla produzione”, aggiunge Mirkin. “Con HARP puoi costruire tutto ciò che desideri senza stampi e senza un magazzino pieno di pezzi. Puoi stampare tutto ciò che puoi immaginare su richiesta. “

La tecnologia HARP di Azul 3D è in grado di utilizzare una struttura SLA su larga scala massimizzando la velocità attraverso l’uso di un liquido antiaderente noto come olio fluorurato che rimuove il calore e resiste all’adesione al piano di stampa. Ciò evita il cracking a cui sono soggetti volumi di build SLA maggiori, aumentando al contempo la velocità di stampa. La tecnologia CLIP ( Carbon Continuous Liquid Interface Printing ), ad esempio, impedisce anche l’adesione tra la parte e il fondo della vasca di stampa utilizzando uno “strato morto” di ossigeno, tuttavia è ancora soggetta alle limitazioni causate dal calore, hanno spiegato i fondatori di Azul 3D .

Ora che ha completato la sua seconda fase di finanziamento delle sementi, Azul 3D prevede di spedire le sue prime stampanti 3D HARP ai partner beta nel primo trimestre del 2021, con un lancio completo di stampanti pronte per la produzione alla fine del 2021.

La società spiega che le stampanti 3D verranno utilizzate dai suoi clienti nelle applicazioni di produzione, al contrario della prototipazione, con il potenziale di produrre diverse tonnellate di prodotti polimerici all’anno.

Azul 3D spiega anche come ha usato la sua tecnologia HARP per stampare in 3D scudi medici per aiutare a combattere la crisi sanitaria COVID-19 . Secondo la ditta, Azul 3D è stato contattato da diversi governi statali e stranieri per indagare su come la HARP possa essere utilizzata per ridurre la dipendenza dalle scorte di emergenza.

Be the first to comment on "Azul 3D ha raccolto 5,4 milioni di dollari nel secondo round"

Leave a comment