Auburn sigla un contratto con la NASA da 5,2 milioni di dollari per sviluppare tecniche di stampa 3D per migliorare le prestazioni dei missili e le prestazioni dei motori a razzo liquidi

Auburn riceve un contratto NASA di 5,2 milioni di dollari per sviluppare tecniche di stampa 3D per migliorare le prestazioni del missile

Samuel Ginn College of Engineering dell’Università di Auburn ha annunciato che la NASA ha assegnato un contratto triennale da 5,2 milioni di dollari al suo Centro nazionale per l’additivo Manufacturing Excellence, o NCAME, per sviluppare processi e tecniche di produzione additiva per aumentare le prestazioni dei motori a razzo liquidi. Il contratto è l’ultima espansione di una lunga partnership pubblico-privato tra Auburn e il Marshall Space Flight Center della NASA.

“Per decenni, gli ingegneri di Auburn sono stati fondamentali per aiutare gli Stati Uniti a raggiungere i propri obiettivi di esplorazione spaziale”, ha affermato Christopher B. Roberts, decano del Samuel Ginn College of Engineering di Auburn. “Questa nuova collaborazione tra la NASA ei nostri ricercatori additivi per la produzione giocherà un ruolo importante nello sviluppo di motori a razzo avanzati che guideranno i voli spaziali di lunga durata, aiutando la nostra nazione a raggiungere la sua visione audace per il futuro dell’esplorazione spaziale.”

La ricerca e lo sviluppo coperti dal nuovo contratto fanno parte del Rapid Analysis and Manufacturing Propulsion Technology della NASA, o progetto RAMPT, che cerca la produzione di additivi leggeri e di grandi dimensioni e nuovi processi per supportare lo sviluppo e la produzione di spinta raffreddata assiemi di camera per motori a razzo liquido.

“Le tecnologie sviluppate da questo team saranno rese disponibili ampiamente al settore privato, offrendo a più aziende l’opportunità di utilizzare queste tecniche di produzione avanzate”, ha dichiarato Paul McConnaughey, vice direttore del Marshall Space Flight Center.

I partecipanti al progetto svilupperanno tecnologie di produzione specializzate e una catena di fornitura interna per agenzie governative, istituzioni accademiche e società spaziali commerciali.

Auburn University e NASA hanno istituito NCAME nel 2017 per migliorare le prestazioni delle parti create utilizzando la produzione additiva, condividere i risultati della ricerca con i collaboratori del settore e del governo e rispondere alle esigenze di sviluppo della forza lavoro nel settore della produzione additiva.

“Questo contratto è un passo da gigante verso la realizzazione di una produzione additiva in Alabama”, ha affermato Ogles. “Non vediamo l’ora di accrescere la nostra partnership con la NASA, l’industria e il mondo accademico perché supportiamo lo sviluppo dei prossimi motori a razzo della nostra nazione”, ha affermato Christopher Roberts, decano del Samuel Ginn College of Engineering di Auburn.

Be the first to comment on "Auburn sigla un contratto con la NASA da 5,2 milioni di dollari per sviluppare tecniche di stampa 3D per migliorare le prestazioni dei missili e le prestazioni dei motori a razzo liquidi"

Leave a comment