Astrocyte stampa 3D e l’intelligenza artificiale per l’ ‘architettura vivente’ interattiva dello studio Philip Beesley Architect Inc.

Astrocyte: Philip Beesley combina la stampa 3D e l’intelligenza artificiale per l’ ‘architettura vivente’ interattiva
Lo studio di architettura canadese Philip Beesley Architect Inc. , noto per i suoi innovativi progetti di “architettura vivente”, ha svelato la sua ultima creazione: Astrocyte . L’architettura concettuale, presentata nell’ambito dell’Expo di Toronto Design per l’innovazione e la tecnologia (EDIT) 2017, combina componenti di illuminazione, sensori, vetro, chimica e intelligenza artificiale stampati in 3D per un’esperienza architettonica eterea e immersiva.

Tradizionalmente, l’architettura evoca immagini di edifici grandiosi e statici. Come stanno dimostrando Philip Beesley e una serie di altre aziende di architettura all’avanguardia, il futuro dell’architettura è tutt’altro che statico.

La nozione di “architettura vivente” che Phillip Beesley sta esplorando, ad esempio, pone la questione se le strutture architettoniche e gli edifici possano “integrare funzioni viventi” e se possano andare oltre le funzioni architettoniche esistenti per essere più interattivi con gli umani che incontrano o abitarli

L’Astrocyte è un esempio abbastanza convincente del potenziale che ha l’architettura vivente, come campo .

La massiccia struttura, che può essere descritta come una sorta di struttura aerea, che consiste in circa 300.000 componenti, alcuni dei quali stampati in 3D, e integra una serie di diverse tecnologie ed elementi, come caratteristiche di intelligenza artificiale, un paesaggio sonoro reattivo e sostanze chimiche.

Il pezzo è stato sviluppato in collaborazione con Living Architecture Systems Group di Beesley presso l’Università di Waterloo e l’istituto di sonorizzazione spaziale 4D Sound. Si dice che la sua struttura sia ispirata dal design biofilo e, in particolare, dalle composizioni di cellule nervose astrocitiche, note per le loro configurazioni a forma di stella.

In termini di qualità “viventi”, l’impalcatura su larga scala è in grado di reagire e reagire ai movimenti dei suoi spettatori. Ad esempio, è programmato per emettere modelli di luce, suoni e persino vibrazioni per determinati tipi di interazioni che ha con le persone nei suoi dintorni. Queste reazioni hanno lo scopo di suscitare una risposta emotiva e una connessione dagli spettatori.

“Il lavoro è robusto, ma di natura delicata, e questo sembra incoraggiare diversi modi di agire”, ha detto l’architetto Philip Beesley. “Osservare le persone che interagiscono con questi spazi è piuttosto sorprendente perché tendono a verificarsi risposte straordinariamente delicate e rispettose. Abbiamo fatto sì che qualcuno sperimentasse una forma di interazione diversa e forse più sana? ”

La struttura, dal design particolare, incorpora anche elementi in vetro personalizzati che ospitano diversi tipi di oli e sostanze chimiche inorganiche. Questi elementi, spiega lo studio di architettura, sono stati inclusi per imitare la composizione della vita organica e creare una sorta di “pelle chimica”.

Di per sé, Astrocyte è già un’architettura imponente e imponente. Philip Beesley non spera solo di ispirare il suo pubblico, tuttavia, poiché il lavoro è un’esplorazione critica su come costruire architetture viventi che potrebbero alla fine avere funzionalità di autoriparazione e ambienti organici completamente reattivi

“PBAI Studio lavora con un ampio consorzio di artisti, ingegneri, scienziati e ricercatori come membro centrale del gruppo di ricerca Living Architecture Systems”, ha aggiunto Beesley . “Esploriamo le possibilità dell’architettura di nuova generazione, ambienti sensibili, media digitali e scultura immersiva. Quindi ci stiamo chiedendo, in che modo gli edifici e i nostri ambienti potrebbero iniziare a conoscere e occuparci di noi? E potrebbero iniziare, in modi molto primitivi, per diventare vivi? ”

Be the first to comment on "Astrocyte stampa 3D e l’intelligenza artificiale per l’ ‘architettura vivente’ interattiva dello studio Philip Beesley Architect Inc."

Leave a comment