ASTRO America e l’impianto di produzione di missili ipersonici

ASTRO AMERICA PROPONE UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI MISSILI IPERSONICI PER LA PRODUZIONE ADDITIVA

ASTRO America , l’ Organizzazione per la ricerca scientifica e tecnologica applicata , ha completato uno studio commissionato dall’Agenzia statunitense per i progetti di ricerca avanzata ( DARPA ) per accelerare la produzione di missili ipersonici, che potenzialmente utilizzano la stampa 3D.

I dettagli della ricerca progettano i piani per un Hypersonic Production Accelerator Facility (HPAF), che consolida un cliente governativo ipersonico e produttori leader a ogni livello sotto lo stesso tetto.

Anziché operare nell’ambito della “catena di fornitura disaggregata” precedentemente fallimentare, l’HPAF ospiterà fornitori di materiali, fornitori di apparecchiature di fabbrica, sviluppatori di propulsione e integratori di sistemi leader. L’idea è che l’intero team dell’appaltatore possa lavorare a stretto contatto allo sviluppo di un processo di produzione per i sistemi d’arma.

L’HPAF vedrà i partner lavorare con un’ampia varietà di tecnologie di produzione all’avanguardia, inclusa la produzione di additivi metallici, in un sistema a circuito chiuso. ASTRO ha dichiarato che l’attrezzatura dovrebbe essere aggiornata o rinnovata ogni tre anni per mantenere la competitività.

Mick Maher, CTO di ASTRO America, ha dichiarato al settore della stampa 3D: “La produzione additiva è uno degli strumenti che gli OEM ipersonici stanno valutando per questo tipo di progetti e i vantaggi dell’additivo rispetto alla produzione tradizionale includono tempi di ciclo migliorati, flessibilità di progettazione, agilità , produzione senza attrezzi e altro ancora. L’HPAF diventa una struttura in cui la catena di fornitura può selezionare e utilizzare gli strumenti più recenti e migliori per soddisfare senza problemi le proprie esigenze “.

Utilizzando il contributo di oltre 100 professionisti del settore aerospaziale, ex funzionari governativi ed esperti accademici in un seminario intensivo l’anno scorso, ASTRO ha optato per un’infrastruttura compartimentata, quasi modulare per la struttura. I team industriali concorrenti saranno in grado di procedere con la produzione classificata nelle loro “corsie” sicure, lontano da occhi indiscreti. Ciò serve a proteggere la sicurezza nazionale e la proprietà intellettuale, eliminando i ritardi nelle catene di approvvigionamento causati da una geografia sfortunata.

Maher aggiunge: “L’ adozione di questo approccio innovativo comporterebbe un risparmio sui costi del 45% e una riduzione del 73% dei tempi di consegna rispetto ai precedenti sforzi di fabbricazione di prototipi, mantenendo la concorrenza industriale al fine di fornire le giuste soluzioni”.

La struttura è stata infine concepita per aiutare gli Stati Uniti a “riguadagnare competitività” in una tecnologia di difesa critica, quella in cui è rimasta indietro rispetto a Cina e Russia. Secondo ASTRO, gli Stati Uniti devono ancora fornire un’arma completamente funzionante in grado di volare sopra MACH 5 (3800 mph), mentre la Cina avrebbe già costruito il doppio del numero di fabbriche dedicate alla produzione di un’arma del genere.

Le forze armate statunitensi hanno già fatto un solido uso della tecnologia di produzione additiva. L’ ufficio del programma B-2 dell’Air Force Life Cycle Management Center ha recentemente stampato in 3D componenti protettivi per il B-2 Spirit, noto anche come Stealth Bomber . La parte in questione era una copertura protettiva permanente per l’interruttore di disaccoppiamento dell’azionamento accessorio montato sulla cellula (AMAD) situato nella cabina di pilotaggio dell’aereo.

Altrove, gli ingegneri dell’Oklahoma City Air Logistics Complex sono stati recentemente i primi a testare con successo un componente metallico stampato in 3D all’interno di un motore dell’aeronautica militare degli Stati Uniti. Questo importante traguardo apre una nuova strada per il futuro sostegno e la produzione di pezzi di ricambio per il motore TF33-P103, che alimenta il B-52 Stratofortress.

Be the first to comment on "ASTRO America e l’impianto di produzione di missili ipersonici"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi