Aspect Biosystems ha creato una piattaforma di bioprinting microfluidico per promuovere il progresso dell’ingegneria dei tessuti

Aspect Biosystems è responsabile di un progetto da 2,2 milioni di dollari con la nuova piattaforma di biofintatura 3D microfluidica

Aspect Biosystems , con sede a Vancouver, ha creato una nuova piattaforma di bioprinting in microfluidica 3D per promuovere il progresso dell’ingegneria dei tessuti. In collaborazione con Merck , GSK e il Goodman Cancer Research Center della McGill University , sperano di continuare a impattare sulla stampa 3D nel regno della medicina in continua espansione, consentendo una migliore accuratezza e uno screening immunologico mirato a malattie stimolanti e mortali come il cancro al seno .

Questa potente partnership comprende un progetto del valore di $ 2,2 milioni, sostenuto anche dai contributi di CQDM e della Canadian Cancer Society .

“In qualità di membro fondatore del CQDM, Merck Canada è orgogliosa di sostenere questo investimento in ricerca e sviluppo con l’obiettivo di migliorare potenzialmente la risposta del paziente ad alcuni trattamenti per pazienti affetti da cancro al seno”, ha dichiarato Anna Van Acker, presidente e amministratore delegato di Merck Canada Inc. “Riteniamo che la collaborazione tra il settore pubblico, il mondo accademico, i pazienti, le ONG, l’industria e il governo porterà a innovazioni che migliorano i risultati dei pazienti e l’annuncio di oggi è un altro esempio del moderno modello di R & S che stiamo perseguendo in Canada”.

Queste organizzazioni hanno impegnato una notevole quantità di fondi grazie alla loro dedizione alla ricerca di obiettivi terapeutici e terapie immuno-oncologiche, con Morag Park e il suo team presso il Goodman Cancer Research Center e il McGill University Health Center in partnership con Aspect Biosystems. Il loro obiettivo nel bioprinting è quello di creare cellule e tumori del cancro al seno utilizzando materiale biologico proveniente dai pazienti.

“Siamo entusiasti di collaborare con i leader biofarmaceutici globali, GSK e Merck, oltre a gruppi di livello mondiale presso la McGill e la Canadian Cancer Society che si dedicano alla ricerca di cure per il cancro”, ha dichiarato Tamer Mohamed, amministratore delegato di Aspect Biosystems. “Siamo profondamente impegnati a formare partnership strategiche per accelerare l’impatto della nostra tecnologia sui risultati dei pazienti”.

“Oltre alle nostre partnership e programmi incentrati sullo sviluppo di terapie tessutali per la medicina rigenerativa, la nostra piattaforma di bioprinting 3D sta anche consentendo scoperte nella scoperta terapeutica. Questa partnership pubblico-privato è un grande esempio di combinazione di tecnologia e scienza all’avanguardia con competenze e risorse di livello mondiale per accelerare la scoperta e lo sviluppo di nuove terapie per i pazienti. “

“La stampante 3D ricrea questo microambiente tumorale nello stesso modo in cui esiste nel paziente”, ha dichiarato Morag Park del Goodman Cancer Research Center Director. “È questo tumore ricostituito che ci permette di testare nuovi farmaci e terapie”.

Questi progressi consentiranno ulteriori passi avanti nella ricerca e nella valutazione dei farmaci antitumorali e in che misura i pazienti rispondono a trattamenti diversi.

“Siamo entusiasti di lavorare con l’innovativo team di Aspect per combinare la nostra biobanca di cellule associate al tumore abbinate al paziente con la tecnologia di bioprinting in microfluidica 3D di Aspect per creare modelli di tumore 3D programmabili”, ha dichiarato il Dr. Morag Park, direttore del Goodman Cancer Research Center alla McGill University. “La crescita solida del tumore è regolata da interazioni complesse di cellule tumorali con il microambiente tumorale. Questa collaborazione cerca di creare una nuova e potente piattaforma per studiare queste interazioni critiche in un ambiente rilevante per l’uomo e, in ultima analisi, accelerare la scoperta e lo sviluppo di nuove immunoterapie per il cancro. “

Be the first to comment on "Aspect Biosystems ha creato una piattaforma di bioprinting microfluidico per promuovere il progresso dell’ingegneria dei tessuti"

Leave a comment