Ashford Orthodontics utilizza la stampa 3D per aiutare gli studi dentistici a diventare completamente digitali  

Il più grande laboratorio di ortodonzia nel Regno Unito è Ashford Orthodontics , fondato nel 2001 da Sean Thompson nel suo garage dopo diversi anni di lavoro nel reparto ortodontico e maxillo-facciale del Sunderland Royal Hospital. Thompson ha iniziato la società dopo aver notato che c’era una crescente domanda di dispositivi ortodontici, ma una carenza di laboratori di alta qualità che offrono servizi tecnici ortodontici specializzati. La sua attività è cresciuta rapidamente ed è stato raggiunto da altri tecnici ortodontici Craig Stevens e Graeme Winyard. Ora il laboratorio è di 12.000 piedi quadrati e ha più di 50 dipendenti.

Cinque anni fa, Ashford Orthodontics ha iniziato a studiare le pratiche ortodontiche digitali.

“L’ortodonzia digitale era qualcosa in cui sapevamo di dover entrare”, ha detto Thompson. “Non potevamo permetterci di non farlo se volevamo davvero essere protagonisti nell’ortodonzia. Volevamo essere un implementatore anticipato. Ogni azienda deve pianificare quattro o cinque anni prima e non si vuole essere lasciati indietro quando gli altri si stanno muovendo. ”
L’azienda ha quindi acquistato un  Formlabs Form 2. Hanno iniziato con una delle stampanti e ora hanno 12 anni.

Ora ci sono otto tecnici digitali nel reparto digitale dell’azienda, che gestiscono le 12 stampanti 3D Form 2.

“Il modulo 2 è molto affidabile; lo chiamiamo cavallo di battaglia “, ha continuato Thompson. “Sappiamo quando andiamo a casa la sera che quando arriviamo la mattina, tutto verrà stampato. Non ci sarà un fallimento; tutto sarà lì. Per questo, possiamo costruire i nostri affari intorno a loro “.
Ogni giorno, il laboratorio ha un tempo limite di lavoro di circa 3:00 PM. I tecnici esaminano le nuove scansioni inviate dai clienti, quindi pianificano i trattamenti e impostano le parti necessarie, come gli allineatori, alla stampa 3D durante la notte. Al mattino, un tecnico pulisce e asciuga le parti stampate in 3D, dopodiché un altro tecnico termoforma gli allineatori trasparenti sui modelli finiti. Nel momento in cui arriva la maggior parte degli altri tecnici, gli allineatori sono pronti per la post-elaborazione.

“Una volta che hai un modello su cui lavorare, c’è poca differenza”, ha detto Thompson. “Se sei un laboratorio tradizionale e vuoi andare e spingi i confini verso il digitale, una volta che hai fatto il lato dell’apprendimento, il lato della produzione è molto simile.”
Nel pomeriggio, gli allineatori finiti vengono imballati e inviati ai medici, che arrivano entro 48 ore.

“Funziona assolutamente perfetto per noi”, ha detto Thompson. “Lanciamo le stampanti poco prima di andare a casa la sera; quello è il nostro turno di notte. Veniamo la mattina dopo e, a quel punto, il turno di notte ha fatto il loro lavoro. Non importa se sono seduti lì per due ore, quattro ore, sei ore – è fatto. Ci basiamo totalmente su quello che arriva la mattina, quindi è la qualità e l’affidabilità della stampa che ci interessa “.
Avere più stampanti 3D aiuta, così come le loro piattaforme di grandi dimensioni.

“È abbastanza facile per noi diffondere alcuni modelli su 10 o 12 stampanti e farli stampare in un paio d’ore. Quindi, se abbiamo bisogno di fare corse veloci, possiamo sistemarle su tutte le stampanti invece di metterle tutte in una. Scopriamo che funziona molto bene per il nostro business “.
Il laboratorio può anche archiviare online i modelli digitali e accedervi in ​​qualsiasi momento, il che è utile quando è necessario sostituire elementi come i conservatori.

“Non c’è il lasso di tempo a causa di un bambino che rompe o perde il fermo e deve andare dal dentista per avere una nuova impressione”, ha detto Thompson. “I denti stanno andando alla deriva tutto il tempo e la ricaduta sta accadendo. Possiamo semplicemente estrarre il file dal cloud, dove li conserviamo fondamentalmente per stampare gratuitamente il modello, creare l’appliance e persino inviarlo direttamente al paziente. ”
Il laboratorio può anche riutilizzare lo stesso modello 3D per creare più dispositivi, se necessario.

“Una tendenza comune ora è quella di smontare le staffe e adattare istantaneamente tutti i prodotti di ritenuta in poltrona”, ha detto Thompson. “Rimuovendo le staffe in modo digitale, possiamo creare un Siax, incollato o un fermo Hawley e un vassoio sbiancante tutti sullo stesso modello, cosa che semplicemente non è possibile tramite il tradizionale percorso e modelli in gesso”.
Ashford Orthodontics è riuscita a trasferire i costi e i risparmi di tempo ai propri clienti passando al digitale.

“Non dovrebbe costarti altro per fornire i tuoi servizi ai tuoi clienti e pazienti tramite la via digitale piuttosto che tramite il tradizionale percorso di stampa”, ha affermato Thompson. “Quindi quello che abbiamo fatto è semplicemente che abbiamo sostituito il costo dei modelli in gesso, che non sono più necessari, con il costo del modello in resina. Pertanto, la fattura del laboratorio è esattamente la stessa, indipendentemente dal fatto che venga eseguita tramite il percorso tradizionale o il percorso digitale, a meno che non sia possibile tornare indietro di 24 ore prima. ”
L’azienda è diventata un fornitore di fiducia che attira clienti dal Regno Unito e in tutto il mondo.

“Abbiamo nuovi clienti che vengono da noi ogni giorno, che non ci hanno mai usato prima, quindi non sanno se la qualità sarà buona o se il servizio clienti sarà affidabile”, ha affermato Thompson. “Quando capiscono che ciò che stiamo fornendo qui è di ottima qualità, hanno fiducia in noi per inviarci gli elettrodomestici più complessi. Quindi, invariabilmente, entro due mesi dall’acquisizione di un nuovo cliente che desidera utilizzare i nostri servizi per l’ortodonzia digitale, iniziano a chiedersi se possiamo realizzare blocchi gemelli, apparecchi fissi o funzionali. Prima che noi lo sappiamo, ci stanno mandando un sacco di lavoro, perché possiamo soddisfare tutte le loro esigenze. ”
Ashford offre ora servizi digitali a tre pratiche prive di materiali per le impressioni nei propri uffici: sono completamente digitali, grazie ai servizi del laboratorio.

“Quando abbiamo iniziato con il lato digitale delle cose, rappresentava forse il due percento della nostra attività”, ha affermato Thompson. “Solo il mese scorso è circa il 15%, ed è il settore in più rapida crescita all’interno del laboratorio. “Al momento, sono tecniche tradizionali con un po ‘di digitale, ma nel giro di due o tre anni saranno tecniche digitali con un po’ di tradizione. E questa sarà la forza trainante per il nostro reparto che avanza “.

Be the first to comment on "Ashford Orthodontics utilizza la stampa 3D per aiutare gli studi dentistici a diventare completamente digitali  "

Leave a comment