Ashanti l’artista che reinventa il concetto di scarpa con la Eso Scarpa la ExoShoe

Exo-Voice & Exo-Shoe: Onyx Ashanti Crea ‘Footware’ delle Scarpe  High Tech Stampate in 3d

Il processo creativo è, soprattutto, un processo. A volte è Buona arte: e per una buona creazione vale la pena di aspettare. Onyx Ashanti, nativo del Mississippi, è un artista e ha sviluppato il “beatjazz” per diversi anni, lo abbiamo anche visto in  una conferenza su TED sempre sul beatjazz . Ma il mese scorso nel 2015 è tornato su TED, su un soggetto diverso.

Definisce il  “concetto di espressione multidimensionale” che si estende attraverso  qualsiasi  piattaforma , in maniera così versatile come è versatile Ashanti  stesso, infatti  è “un musicista, un programmatore, un 3d print-designer, uno scrittore, un performer,  un inventore … si auto descrive come un ragazzo di internet, ed è un discepolo della filosofia open source. ”

Ashanti,   si è impegnato a definire  la natura cyborg, ci ha detto via e-mail attraverso la  sua exo-voce.

“Questa è una astrazione di progettazione del mio cyborg attuale cioè una interfaccia sonora, la exo-voce, il sistema mi permette di interagire con il suono cinesteticamente. Attualmente è nella  fase costruita per un sistema di uso quotidiano con un sistema operativo sonico ( il beatjazzOS) per studiare come il suono può essere utilizzato per interfacciarsi con quello che pensiamo sia la  realtà e programmare a volontà, in tempo reale, in movimento : quindi il mio interesse nella  biomeccanica di interfacciamento, ha una funzione  estetica. ”

La pagina descrittiva sul suo sito web è una meraviglia esperienziale in sé (assicuratevi di ascoltare la traccia fornita nella parte superiore della pagina, “come si legge-Ashanti ” include anche gli avvisi di fare attenzione  durante  l’ascolto  , in quanto la musica è binaurale e può quindi sembrare stridente). L’Exo-voce, è ancora un work-in-progress,   Ashanti rivisita le idee già partorite da lui  e le capacità del sistema,  l’artista non mostra segni di rallentamento nonostante stia sviluppando il modello da due anni.

L’Exo-voce esplora la “suonomorfologia “, che utilizza i suoni per sperimentare cambiamenti e i sentimenti, in poche parole. Ha portato la stampa 3D in gioco con i  i sensori dall’iterazione iniziale dell’idea. Come ha notato su Facebook, “Si può essere al 100%  stampa 3d , sensori, cavi e tutto, e mi sento diverso da qualsiasi interfaccia abbia mai indossato o abbia mai progettato, permettendo il movimento completo   in tutte le direzioni …”

Inoltre ora si sta concentrando   “sulla biomeccanica del piede ” l’exo-piede, di Ashanti “un nuovo tipo di calzature,” è così l’alta tecnologia che considera non solo calzature -ma “calzature da indossare” (in inglese not just footwear–but “footware) . Egli evita di usare la parola “scarpa” per descrivere la sua creazione, ma è un “modulo stampato in 3d  , interfacciato al  100% con la bio-meccanica del piede.”

Forse 100% è  leggermente esagerato, in quanto ci sono due perni metallici nella versione attuale della  eso-shoe (che Ashanti “si riserva di  risolvere in iterazioni future”). L’idea girava nella sua testa da tre anni, ma l’estate scorsa ha iniziato il lavoro di progettazione, e poi ha ripreso di nuovo adesso  in primavera, perché durante l’inverno si pensa meno a delle calzature aperte..  – Notate  i miglioramenti significativi apportati da Ashanti nella sua seconda iterazione. Questa versione è più comoda, più facile da indossare (non scatta insieme), e il design è modulare.

Il suo lavoro, pubblicato il 13 aprile sul suo blog, La  eso-scarpa ci ha  coinvolto dall’inizio alla fine.

Nel iniziare il lavoro sul exo-shoe, Ashanti ha posto una domanda  più intelligente di quello che sembra : “che cosa è una scarpa” Questa domanda non è poi così semplice come potrebbe  sembrare: “E’ una protezioneper il piede ? E’ uno status symbol? E’ un identificatore culturale? E’ un incantesimo destinato a legare  una certa gamma di movimenti? Una volta iniziato a pormi domande su di essa  ho cominciato a ricevere strane risposte  nella mia testa. ” ( il confine invisibil tra genialità e schizofrenia )

Ashanti ha posto l’interesse sul  movimento di un piede nudo rispetto a uno con le scarpe, e ha cercato di mantenere più vicino possibile al  naturale il  camminare, e fu allora che “si rese conto che non poteva essere una scarpa.” Nel cercare di bilanciare la distribuzione dei pesi più secondo  natura, cioè, più verso l’avampiede che sul tallone Ashanti iniziato  una ricerca verso quello che potrebbe essere come una scarpa senza essere una scarpa. Il suo primo pensiero, è stato una copertura abbastanza morbida

La exo-scarpa presenta componenti modulari, tra loro incernierate in corrispondenza del tallone,  (sotto la caviglia), e l’avampiede. Il percorso però è stato quello solito idea carta programma cad disegno e stampa 3d.

Ashanti ha utilizzato il filamento Taulman  in nylon per la maggior parte del lavoro di stampa, e per le parti che richiedono una maggiore flessibilità, col FLEX EcoPLA da FormFutura. Egli ha osservato che la combinazione dei due materiali consentiva  sia la resistenza e la flessibilità necessaria per un “rimontaggio della scarpa” che potrebbe essere utilizzata in condizioni reali. Egli osserva che intende passare a una stampante 3D più potente in un prossimo futuro, al fine di migliorare il processo di produzione, ma per ora si accontenta di progettare pezzi  he possono essere facilmente combinati.

Dal punto di vista tecnico , Ashanti ci dice:

“Col nylon, io uso un impostazione di ritrattazione di 15 millimetri (questo tira il nylon indietro in modo che quando si sposta l’estrusore attraverso la stampa non trascina  una stringa di nylon fuso sulla sua superficie). La  temperatura suggerita è di 235-250 gradi centogradi, ma trovo che a 285 gradi  sia la temperatura giusta  , questa è la stessa temperatura che uso per il PLA eco-flex, anche se ad una velocità notevolmente ridotta del materiale flessibile perche si impiglia facilmente negli ingranaggi se spinto troppo in fretta “.

Maggiori dettagli sul processo creativo e le specifiche tecniche possono essere trovati nella descrizione completa di Ashanti nel suo sito . I suoi progetti innovativi colmano il divario tra l’alta tecnologia e la natura, il tutto serve  per migliorare, a quanto pare, l’esperienza umana della vita. Dalla percezione del suono semplicemente camminando , questo inventore poliedrico sta esplorando la percezione su una gamma completa.

Be the first to comment on "Ashanti l’artista che reinventa il concetto di scarpa con la Eso Scarpa la ExoShoe"

Leave a comment