Arhinia congenita (bimbi senza naso ) ecco gli impianti nasali stampati in 3D per i più piccoli e gli adolescenti in attesa di chirurgia


I ricercatori di Londra si occupano di una malattia rara e congenita nota come arhinia; ci sono, infatti, solo 60 casi riportati nella ricerca. In ” Progettazione e produzione di un impianto nasale specifico per paziente per l’arhinia congenita: caso clinico “, gli autori affrontano un modo per aiutare i pazienti privi di naso esterno, cavità nasali e apparato olfattivo. È facile capire perché una condizione così estrema possa influenzare profondamente un bambino, non solo nel dover affrontare i difetti fisici ma anche le ovvie questioni estetiche, portando a significative ansie sociali.

La condizione deve essere accompagnata da una gestione intensa nei primi anni per garantire che il bambino sia in grado di mangiare e respirare, senza protesi progettata per aiutare fino ad ora a plasmare i tessuti molli, portando così i ricercatori a creare un impianto su naso personalizzato stampato in 3D per individui sfidati con questo problema potenzialmente pericoloso per la vita.

Gli autori affermano che mentre esiste una chirurgia correttiva, essa consiste sia nella ricostruzione chirurgica che nasale:

“La scelta della ricostruzione funzionale rispetto all’aspetto estetico è basata sulla presenza di seni e sulla complessità dell’ipoplasia ossea sottostante”, hanno affermato i ricercatori. “In pratica, è raramente possibile creare una via respiratoria nasale funzionale e la ricostruzione generalmente si concentra sulla produzione di un aspetto equilibrato.”

La chirurgia di solito deve attendere fino a quando le pazienti di sesso femminile hanno 20 anni, e i maschi a 22. Questo studio ha un merito evidente e significativo poiché esplora il potenziale della creazione di impianti per bambini piccoli, con una “ricostruzione definitiva” disponibile per gli adolescenti. Per iniziare, hanno creato un impianto per un bambino, ma l’impianto ha richiesto due fasi, a partire dall’età di due anni e poi di nuovo all’età di quattro anni. I ricercatori hanno affermato che la procedura era “di successo” e che l’impianto era “ben tollerato”. Nella seconda fase, tuttavia, il paziente ha avuto ripetutamente l’infezione, a causa dell’impianto. Doveva essere rimosso fino a quando l’infezione non si è dissipata, e poi hanno continuato.

Il team di ricerca è stato in grado di vedere “il potenziale completo della stampa 3D” realizzato, e in particolare nella forma specifica del paziente. Hanno utilizzato una serie di modelli medici per pianificare l’intervento chirurgico, nonché per la progettazione degli impianti e per educare i pazienti e le loro famiglie su ciò che stava accadendo. Alla fine, il paziente ha ricevuto un impianto che si adatta in modo preciso e consente ai giovani un modo per evitare alcuni dei possibili danni psicologici in attesa di una ricostruzione più efficace.

“È stato notato durante il secondo intervento chirurgico (ma era anche visibile dal secondo set di scansioni CT) che la presenza del primo impianto ha causato la crescita dell’osso a metà del viso”, hanno affermato i ricercatori. “Sebbene ciò ponesse alcune sfide alla rimozione dell’impianto, non ha causato alcun problema alla creazione e all’impianto del secondo impianto, che è stato progettato in base alla forma dell’osso appena formato sottostante.”

Be the first to comment on "Arhinia congenita (bimbi senza naso ) ecco gli impianti nasali stampati in 3D per i più piccoli e gli adolescenti in attesa di chirurgia"

Leave a comment