Apertura di un nuovo impianto per la ricerca sulla bioingegneria a Los Angeles

In un mondo desideroso di risolvere il problema del rigetto nel trapianto di organi, un giovane scienziato americano ha sviluppato un test rivoluzionario nel 1964 che avrebbe contribuito a stabilire la compatibilità dei tipi di tessuto tra donatori di organi e pazienti bisognosi di trapianti. Anche se, oggi, gli sforzi per soddisfare la domanda di trapianti di organi si stanno spostando verso il campo della bioingegneria, poiché i ricercatori cercano modi per ricreare organi complessi con cellule derivate dal paziente, l’eredità di quello scienziato, Paul Ichiro Terasaki, continua a ispirare scoperte nel trapianto la medicina attraverso le sue iniziative filantropiche.

L’ Istituto Terasaki for Biomedical Innovation (TIBI), un organismo di ricerca senza scopo di lucro istituita dal Terasaki, professore emerito di chirurgia presso l’ David Geffen School of Medicine presso l’ University of California Los Angeles (UCLA), aprirà le porte ad un nuovo impianto nel 2022 L’aggiunta recentemente acquisita ospiterà la ricerca interdisciplinare in bioingegneria, tecnologie di micro e nanoscala per consentire l’innovazione biomedica trasformativa come parte della ricerca continua per risolvere i maggiori problemi relativi al trapianto di organi e oltre.

All’inizio di questo mese, il Terasaki Institute ha annunciato il rinnovamento di un edificio nell’area di Woodland Hills nella città di Los Angeles. Una volta sede del Weider Health and Fitness Center, creato dal bodybuilder e imprenditore Joe Weider, l’edificio a due piani sarà progettato su misura per ospitare le ultime tecnologie nella ricerca all’avanguardia e fornirà 50.000 piedi quadrati di spazio per un massimo di 200 impiegati.

Situato a soli 22 miglia a nord delle strutture originali dell’Istituto Terasaki di Westwood, il nuovo spazio dedicato alla ricerca di laboratorio sarà progettato per ospitare più team di scienziati, che svilupperanno sistemi, dispositivi e altri prodotti bioingegnerizzati con diverse applicazioni biomediche. Questa nuova struttura sarà completamente attrezzata per consentire tecnologie come ingegneria e rigenerazione dei tessuti, biofabbricazione mediante stampa 3D, nanotecnologia e microingegneria, ingegneria delle cellule staminali e creazione di organi umani su chip.

Quando verrà inaugurata la nuova struttura, la cui ristrutturazione dovrebbe iniziare nell’autunno 2020, diventerà la terza struttura di ricerca dell’Istituto Terasaki. Oltre all’ampio spazio e alle caratteristiche di progettazione uniche del laboratorio, la nuova struttura includerà capacità di traduzione della tecnologia interna per essere in grado di costruire prototipi e modelli in scala di dispositivi progettati dall’istituto. Sarà anche in grado di ospitare incontri, seminari e conferenze per promuovere l’educazione e lo scambio di idee tra i suoi ricercatori e collaboratori.

“Sono molto entusiasta dell’aggiunta del nuovo edificio all’Istituto Terasaki. Credo che questa aggiunta ci fornirà lo spazio di ricerca necessario per riunire alcuni scienziati di spicco nei nostri sforzi per sviluppare la prossima generazione di innovazioni biomediche “, ha affermato il nuovo direttore e CEO del Terasaki Institute, Ali Khademhosseini. “Sono particolarmente entusiasta di promuovere il grande retaggio della famiglia Weider e la storia dell’edificio nella promozione della salute e del fitness, concentrandosi su cure e diagnosi personalizzate”.

Precedentemente alla Harvard Medical School , al Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering , e più recentemente alla UCLA Bioengineering, Khademhosseini è stata una figura influente nel portare avanti la bioingegneria . La sua ricerca in medicina rigenerativa, ingegneria dei tessuti e micro e nanotecnologie per il trattamento delle malattie è stata correlata a progressi che consentono di riprogrammare le cellule adulte come progenitori, nonché di modificare i geni. Il bioingegnere ha anche creato una tecnica che utilizza una stampante 3D appositamente adattata che potrebbe aiutare a far avanzare il campo della medicina rigenerativa rendendo possibile la stampa 3D di tessuti artificiali complessi su richiesta. Ha anche fondato il Khademhosseini Lab, un laboratorio di ingegneria tissutale leader del settore che è co-sponsorizzato sia dal MIT che da Harvard e funge da partner strategico per l’avvio della bioprinting 3D BioBots.

Stewart Han, presidente dell’Istituto Terasaki, ha lavorato duramente per supervisionare la pianificazione e il rinnovamento del nuovo edificio: “È entusiasmante poter creare un laboratorio e una struttura di ricerca nuovissimi da zero, e migliorerà notevolmente le nostre capacità di ricerca al termine. Sappiamo anche che il nuovo edificio faciliterà la crescita futura del nostro istituto.

Fondato nel 2001, l’Istituto Terasaki è stato reso possibile grazie a una dotazione del defunto Paul Terasaki e si prevede che continuerà a sfruttare i progressi scientifici che consentono di comprendere la medicina personalizzata, dalla macroscala dei tessuti umani fino alla microscala dei geni, come oltre a creare soluzioni tecnologiche per alcuni dei problemi medici più urgenti del nostro tempo.

“Il consiglio del Terasaki Institute è molto entusiasta dell’acquisto del nuovo edificio a Woodland Hills e non vediamo l’ora di trasformarlo in un centro di ricerca biomedica di livello mondiale”, ha dichiarato Keith Terasaki, presidente del consiglio di amministrazione e specialista in radiologia diagnostica. “Mio padre, il compianto Paul I. Terasaki, ha avviato l’Istituto Terasaki nella speranza che possa fare scoperte di grande impatto nella ricerca medica. Questa nuova struttura di ricerca ci consentirà di farlo. “

Nel campo della chirurgia dei trapianti, il pioniere dei trapianti Paul Terasaki ha consentito un’ampia comprensione dei risultati dei trapianti di organi in tutto il mondo. Più di 70 anni dopo la sua scoperta originale, i pazienti fanno ancora affidamento sui trapianti di donatori di organi e i fondamenti dei test di tipizzazione dei tessuti sviluppati dal laboratorio di Terasaki sono ancora oggi utilizzati per la determinazione della compatibilità dei trapianti. Tuttavia, l’Istituto Terasaki prevede un mondo in cui la medicina personalizzata è disponibile per tutti. Pertanto, poiché i ricercatori dell’istituto continuano ad affrontare le sfide che possono finalmente far avanzare il campo dei trapianti di organi da donatori umani a organi artificiali bioingegnerizzati, potrebbero colmare il divario tra malattia e salute. Con uno dei ricercatori di stampa 3D più produttivi come direttore, Khademhosseini, e una nuova struttura per esplorare ulteriormente la tecnologia della biofabbricazione, possiamo aspettarci di sentire molto di più dall’Istituto Terasaki negli anni a venire.

Be the first to comment on "Apertura di un nuovo impianto per la ricerca sulla bioingegneria a Los Angeles"

Leave a comment