Anycubic Photon Mono contro Anycubic Photon Mono SE contro Anycubic Photon Mono X: quale versione è la migliore.


AZIONI
Anycubic Photon Mono, Mono SE o Mono X questa è la domanda! Impara le differenze per scoprire quale versione è la migliore per te.

Non è passato molto tempo da quando Anycubic ha rilasciato la sua prima stampante 3D in resina economica, Anycubic Photon. Nel 2018, il rilascio ha indubbiamente colpito a casa, aprendo nuovi orizzonti offrendo una stampante 3D in resina capace per poco più della tipica stampante FDM desktop economica. Ora, a soli due anni di distanza, la tecnologia continua a migliorare. Abbiamo assistito a tempi di polimerizzazione più rapidi, dettagli più precisi e volumi di stampa più grandi, il tutto poiché le stampanti a resina sono diventate una scelta di stampa desktop più praticabile, qualcosa che Photon ha aiutato a iniziare.

Dopo il successivo rilascio della Photon S, Anycubic ha rilasciato la Photon Zero , una stampante in resina economica entry-level che ha impressionato il portafoglio ma a scapito della qualità di stampa. Ora, poiché gli schermi monocromatici e la risoluzione 4K sono diventati il ​​nuovo punto di riferimento, Anycubic ha rilasciato tre nuove stampanti per la serie Photon. L’Anycubic Photon Mono , Photon Mono SE , e Photon Mono X .

Per aiutarti a chiarire quella che potrebbe essere una scelta difficile per te, ecco una panoramica della nuova serie Anycubic Photon Mono e di come le tre macchine si adattano l’una all’altra.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE

Photon Mono Photon Mono SE Photon Mono X
Creazione volume 130 x 80 x 165 mm 130 x 80 x 160 mm 192 x 120 x 245 mm
Risoluzione LCD 2560 x 1620 pixel 2560 x 1620 pixel 3840 x 2400 pixel
Min. Altezza dello strato 10 micron 10 micron 10 micron
Risoluzione XY 0,051 mm (51 micron) 0,051 mm (51 micron) 0,050 mm (50 micron)
Tempo di polimerizzazione dello strato 1-2 secondi 1-1,5 secondi 1-2 secondi
Max. Velocità di stampa 50 mm / h 80 mm / h 60 mm / h
Livellamento della piastra Manuale (assistito) Manuale (assistito) Manuale (assistito)
Schermo Touchscreen a colori da 2,8 pollici Touchscreen a colori da 2,8 pollici Touchscreen a colori da 2,8 pollici
Connettività USB USB USB
Materiali Resina UV 405nm Resina UV 405nm Resina UV 405nm
Affettatrice consigliata Anycubic Photon Slicer Anycubic Photon Slicer Anycubic Photon Slicer

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Risoluzione
La risoluzione è uno degli aspetti chiave di qualsiasi stampante 3D, in particolare le stampanti 3D in resina. In una stampante 3D in resina , gli schermi LCD sono i componenti che ti danno la risoluzione di stampa, agendo come maschere permeabili per la sorgente di luce sottostante.

Due delle stampanti che abbiamo qui – Anycubic Photon Mono e Mono SE – dispongono di uno schermo LCD 2K a 2560 x 1620 pixel. Lavorando con le loro aree di stampa identiche (Photon Mono offre 5 mm in più sull’asse Z, ma questo è irrilevante per la risoluzione), la risoluzione XY risulta di 51 micron (0,051 mm).

Con Anycubic Photon Mono X, hai un LCD con risoluzione 4K superiore a 3840 x 2400 pixel di dimensione. Questo però è effettivamente annullato dalla sua area di stampa molto più ampia di 192 x 120 mm, con la risoluzione XY che esce a 51 micron (0,051 mm), identica ai suoi fratelli più piccoli.

Tutte e tre le macchine dovrebbero raggiungere un’altezza minima dello strato di 10 micron, garantendo stampe molto dettagliate su tutta la linea.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Design
Ad eccezione del volume di stampa, questa è probabilmente la differenza più notevole tra le tre stampanti. Almeno, questo è il caso del Photon Mono SE, con cui Anycubic si è attenuto al suo design originale della serie Photon caratterizzato dal design del coperchio compatto e dalla porta con apertura verso l’alto. Per Photon Mono e Mono X, Anycubic ha deciso di optare per quella che è davvero diventata la scelta di design più prolifica per le stampanti economiche in resina: un coperchio superiore in acrilico rimovibile.

Come sempre dal punto di vista dell’aspetto, dipende dal gusto personale se si preferisce un design rispetto a un altro. Dal punto di vista dell’usabilità, tuttavia, avere un’area completamente accessibile rende la rimozione e la preparazione delle stampe un po ‘più semplici. L’uso di stampanti in resina può essere un’esperienza complicata, quindi sì, Mono e Mono X potrebbero avere un’atmosfera un po ‘più economica, ma dalla nostra esperienza con macchine di entrambi gli spettri, troviamo che sia più conveniente.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Crea volume
Non devi essere un genio per realizzare Photon Mono X ha il volume di costruzione più grande qui. Prima di arrivare a questo, mettiamo qui i numeri per le stampanti in scala più piccola. Photon Mono offre ~ 1,72 litri di volume di stampa, superando leggermente le prestazioni di Photon Mono SE con la sua capacità di ~ 1,66 litri. Entrambe le stampanti forniscono dimensioni identiche per gli assi X e Y (usano lo stesso piano di stampa), ma il Mono offre mezzo centimetro in più sull’asse Z.

D’altra parte, il Mono X fornisce un volume robusto di ~ 5,65 litri, praticamente triplicando il volume del Mono e del Mono SE. In altre parole, dovrebbe avere spazio più che sufficiente per le tue idee di stampa.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Filtrazione
Un vantaggio che il Mono SE ha da solo sono i filtri a carboni attivi incorporati. Passando dall’assenza di filtri sulla Photon originale a due sulla Photon S, Anycubic ha mantenuto la doppia configurazione sulla Photon Mono SE, situata sul retro della stampante. La novità qui sono le ventole montate sopra i filtri a carbone attivo, che promettono una filtrazione attiva e potrebbero avere un effetto reale sul forte odore, un effetto collaterale indesiderato della stampa con resina. Posizionando i filtri all’esterno del telaio inferiore chiuso, Anycubic li ha posizionati in modo che sia possibile sostituirli (questi componenti finiranno per usurarsi nel tempo), anche se non possiamo dire quanto sarà facile. Il Mono e il Mono X, tuttavia, devono fare a meno dei vantaggi del sistema di filtraggio.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Velocità di stampa
Tutti e tre i concorrenti qui presentano uno schermo monocromatico, da cui il nome “Mono”. Questi schermi riducono drasticamente i tempi di polimerizzazione di ~ 8 secondi su schermi non mono a 1-2 secondi. Tuttavia, anche il miglior schermo monocromatico è potente quanto la sua sorgente di luce si trova al di sotto, il che si riflette direttamente nella velocità di stampa (mm / h). Photon Mono SE ha una sorgente di luce più potente del Mono, il che spiega la differenza di velocità di stampa, da soli 50 mm / h su Mono a 80 mm / h su Mono SE.

Il Mono X, sebbene abbia probabilmente la fonte di luce più potente delle tre, è elencato a 60 mm / h a causa di un’area di stampa più ampia. Comunque, abbastanza veloce per le sue dimensioni.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Prezzo
E forse la differenza essenziale tra questi big del budget è il prezzo. Con $ 270, Photon Mono è il più conveniente del pacchetto e valido concorrente per altre stampanti di resina economiche come Mars 2 Pro o Creality’s LD-002H . Anycubic Photon Mono SE, con le sue caratteristiche di miglioramento dell’usabilità e tempi di stampa più rapidi, costa circa $ 350. È piuttosto bello avere le funzionalità extra dell’SE – e non dimenticare il sistema di filtraggio – per non molto di più. Nel frattempo, il più grande dei tre, il Mono X, vende al dettaglio circa $ 630, quindi è molto più difficile giudicarlo equamente in base al prezzo rispetto ai suoi fratelli.

ANYCUBIC PHOTON MONO VS MONO SE VS MONO X: LE DIFFERENZE
Che è migliore?
Valutare queste tre macchine l’una contro l’altra non sarebbe una lotta leale poiché il Mono X gioca in una classe di peso diversa. Con il suo grande volume di costruzione e la risoluzione 4K, è sicuramente un ingresso praticabile nella sezione delle stampanti in resina di medie dimensioni e potrebbe soddisfare la domanda creata da Elegoo Saturn, ma è molto improbabile che lo vedremo in qualsiasi momento prima del 2021.

Le differenze tra Mono e Mono SE risiedono principalmente nell’aspetto delle stampanti e nella loro usabilità. Con la stessa area e la risoluzione XY, la filtrazione al carbonio del Mono SE, la vasca in resina metallica, l’altezza dell’asse Z maggiore e la sorgente luminosa più potente sono aggiornamenti praticabili che migliorano la maneggevolezza e giustificano il salto di prezzo.

Be the first to comment on "Anycubic Photon Mono contro Anycubic Photon Mono SE contro Anycubic Photon Mono X: quale versione è la migliore."

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi