Anisoprint e Thought3D insieme per rendere i materiali termoplastici più facili da lavorare

Anisoprint e Thought3D collaborano per risolvere i problemi di adesione nella stampa 3D

-Lussemburghese Anisoprint e Thought3D , con sede a Malta, sono partnership in rendendo la stampa di un processo più generale per i produttori di tutto il mondo si affidano a componenti forti 3D. In linea con la missione dell’azienda Anisoprint di continuare la “ricerca di materiali di qualità superiore per passare al livello successivo delle tecnologie di produzione”, stanno collaborando con Thought3D (produttore di adesivi per letto di stampa Magigoo e Magigoo Pro 3D) per rendere i materiali termoplastici più facili da lavorare con, con conseguente componenti più durevoli.

“In molti casi, per ottenere un filamento più forte, i produttori di materiali di stampa 3D rafforzano i loro filamenti aggiungendo al loro polimero carbonio o fibre di vetro”, afferma il team Thought3D nel loro recente comunicato stampa. “Tuttavia, l’aggiunta di fibre continue non triturate rende le parti stampate in 3D ancora più resistenti.”

Non importa quanto sia sofisticata una stampante 3D, se i materiali utilizzati non sono di alta qualità o il giusto tipo di qualità per i componenti richiesti, potrebbero esserci grandi difficoltà durante il processo di fabbricazione, come incollare, sbucciare, e deformazione. Questi problemi sono spesso più comuni durante la stampa di geometrie complesse, che possono manifestare molti di questi problemi durante il processo di raffreddamento poiché i materiali soffrono di problemi di adesione in fase di restringimento, contrazione e deformazione dovuti allo stress all’interno degli oggetti.

La stampante 3D Anisoprint Composer infonde resistenza nei materiali come i filamenti convenzionali con un estrusore combinato disponibile per il caricamento di due tipi di materiali termoplastici, e quindi un terzo per fibre di carbonio continue. Il team Anisoprint si riferisce a questo processo come coestrusione di filamenti in composito, infondendo una forza esponenzialmente più alta in filamenti ingegneristici come nylon e PC, oltre a PLS, ABS e PETG.

“La cattiva adesione del primo strato è uno dei problemi più comuni che possono rovinare tutta la stampa, non necessaria all’inizio”, afferma Fedor Antonov, co-fondatore e CEO di Anisoprint. “Questo è particolarmente importante per il sistema open materials, in cui il cliente può scegliere tra diversi tipi di termoplastici con cui stampare. Ognuno richiederà un approccio speciale.

“Ecco perché abbiamo introdotto diverse impostazioni di primo livello nel nostro software di slicing Aura ed è per questo che siamo in collaborazione con Magigoo – inseriamo i bastoncini Magigoo in ogni scatola di Composer per assicurarci che i nostri clienti abbiano una soluzione adeguata per assicurarti di adesione dello strato. “

Molti utenti si affidano a una serie di soluzioni fai-da-te per evitare che i materiali si attacchino, dai vecchi supporti come lacca per capelli, alla colla e altri solventi e sostanze speciali. Il letto di vetro riscaldato di Anisoprint Composer aiuta a prevenire la mancanza di adesione, ma con i prodotti di adesione del letto Magigoo, è possibile una maggiore resistenza per PLA, ABS, PETG, PC e nylon.

“Negli ultimi quattro anni siamo diventati esperti in prodotti di adesione di primo livello”, afferma Andy Linnas, co-fondatore e sviluppatore di attività di Thought3D. “Siamo felici di lavorare con Anisoprint dato che il loro letto di vetro e la stampante sono perfettamente compatibili con i nostri adesivi. Sono certo che i nostri obiettivi si allineano con quelli di Anisoprint, rendendo la stampa 3D facile, accessibile e conveniente anche per le applicazioni di stampa più esigenti. “

Be the first to comment on "Anisoprint e Thought3D insieme per rendere i materiali termoplastici più facili da lavorare"

Leave a comment