Analisi della situazione della stampa 3d e del potenziale devastente sulla industria convenzionale

Leonar3do e 3DInvisalign, una società di San Jose, usa la stampa 3D per creare apparecchi per denti personalizzati e trasparenti. Mentre la MacKenzies Cioccolatini, una pasticceria a Santa Cruz, utilizza una stampante 3D per stampare forme diverse di cioccolato . E all’inizio di quest’anno, i ricercatori della Cornell University hanno usato una stampante 3D,con iniezioni di un gel di collagene speciale, per creare un orecchio umano .
Stampanti tridimensionali stanno spuntando ovunque dai banchi degli hobbisti di casa alla Air Force per creare drone . Le macchine, in genere hanno le dimensioni di un forno a microonde e costano da   400 dollari a più di 500.000 dollari,e lavorano a ciclo continuo  strato su strato facendo estrusione di materie plastiche o di altri materiali,anche metallici , per creare oggetti 3D.
Gli utenti sono ormai in grado di fare qualsiasi cosa a cui loro piace:custodie di  iPad, chitarre, gioielli, anchepistole. Ma gli esperti avvertono che questa innovazione potrebbe presto trasformarsi in un boomerang-e non solo per i problemi sicurezza, ma anche per il potenziale cha ha questa  tecnologia di alterare le economie che si basano sulla produzione.
“Crediamo che la stampa 3D stia cambiando radicalmente l’ecosistema produttivo nel suo complesso – come e dove i prodotti sono realizzati e da chi”, afferma Peter Weijmarshausen, CEO di Shapeways, una società online che produce e vende prodotti stampati 3D progettati da parte di individui.
“Siamo alla vigilia della prossima rivoluzione industriale, non ci sono dubbi”, ha aggiunto  il professore Richard D’Aveni. del Dartmouth College “In 25 anni, intere industrie scompariranno . Paesi che fanno ricorso a produzione di massa si troveranno senza entrate s e senza posti di lavoro.”
A terra, in mare o in volo   quando le parti si rompono,i ricambi possono essere fatti sul posto, e anche gli strumenti per installare questi possono essere fatti, eliminando la necessità di accumulare pezzi nei magazzini di tutto il mondo, dice Jeff DeGrange, vice presidente del Diretto Digital Manufacturing a Stratasys Inc.
“Stiamo osservando che l’innovazione avviene ad un tasso molto più elevato, l’introduzione di prodotti è sempre più veloce”, dice DeGrange. “Viviamo in un mondo on-demand ora, e vedremo i programmi di produzione stanno per essere rivoluzionati.”
Un meccanico per aerei potrebbe  stampare un pezzo di ricambio in  pista. Una riparatore di lavatrici potrebbe farsi una nuova guarnizione nel suo camioncino. Un chirurgo infine potrà  stampare una protesi del  ginocchio su misura progettato per adattarsi al corpo di un paziente.

Ma saranno  i militari, come sostiene D’Aveni  i primi grandi utilizzatori di stampanti 3D, a causa dell’urgenza della guerra.
“Immaginate un soldato su un Firebase nelle montagne dell’Afghanistan. Una squadra è attaccata da insorti. Le munizioni iniziano ad esaurirsi. Perchè non fabbricarsi armi e munizioni sul posto? ”
Negli ultimi due anni, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha speso più di 2 milioni di dollari su stampanti 3D, forniture e manutenzione, secondo i documenti federali. I loro usi spaziano dalla ricerca medica allo sviluppo di armi. Inoltre, l’amministrazione Obama ha lanciato un programma di 30 milioni dollari pilota che include la ricerca di come utilizzare la stampa 3D per costruire pezzi di armamenti.
La NASA sta anche guadare in questa arena, spendendo 500.000 dollari in questi ultimi due anni sulla stampa 3D. LaLunar Institute ha pubblicato le descrizioni di come si sta esplorando la possibilità di utilizzare le stampanti per costruire di tutto, dai pezzi veicoli spaziali in orbita ad una intera base lunare.
Mentre gli Stati Uniti stanno portando avanti i vantaggi militari della stampa 3D, affrontano anche i potenziali pericoli della tecnologia. Il 9 maggio, il Dipartimento di Stato ha ordinato un gruppo di eliminare i progetti on-line per una pistola stampata in  3D, e i legislatori federali e alcune legislature statali stanno contemplando proposte per limitare l’invio di piani di armi per il futuro.
Dal 2007, cioè da quando queste stampanti hanno fatto il primo ingresso nel mercato , le vendite sono cresciute del 7,2 per cento ogni anno, secondo Ibis World, una società che tiene traccia del settore. Le vendite sono proiettate a crescere da circa  1,7 miliardi di dollari  nel 2011 a 3,7 miliardi  nel 2015.
Cliff Waldman, un economista senior presso l’Alleanza Produttori di produttività e innovazione, un gruppo che promuove il ruolo della produzione nelle economie mondiali, dice che è ancora troppo presto per sapere esattamente quale impatto questa tecnologia 3D potrebbe avere sulla produzione più tradizionale. Tuttavia, egli non crede al superamento della “forma fondamentale” della produzione, come altri suggeriscono.
“Penso che la stampa 3D abbia la capacità di influenzare sia i prodotti e processi”, dice. “Io non sono pronto a dire che è completamente distruttivo, tuttavia potrebbe essere per alcune industrie devastante ”
A partire da giugno, la Staples prevede di essere il primo rivenditore principale per la fornitura di stampanti 3D con “The Cube”, un dispositivo plug-in che utilizza 16 colori e costa  1299 dollari. E a settembre la stampante 3D più piccola e più economica sul mercato – una penna di stampa dal prezzo  di 50 dollari – dovrebbe iniziare la spedizione. Simile a una pistola per colla, il 3Doodler.

Martha Mendozada 3news.co.nz

Be the first to comment on "Analisi della situazione della stampa 3d e del potenziale devastente sulla industria convenzionale"

Leave a comment