AML3D ha raccolto 7 milioni di dollari australiani per accelerare le sue iniziative

AML3D PREVEDE DI AUMENTARE LE OPERAZIONI DI STAMPA 3D DOPO AVER RACCOLTO 7 MILIONI DI DOLLARI

La start-up australiana di stampa 3D in metallo su larga scala AML3D ha raccolto 7 milioni di dollari australiani attraverso impegni fermi da parte degli investitori per accelerare le sue iniziative di sviluppo del business.

L’azienda ha emesso 15,5 milioni di azioni della società, su cui si dice che siano state fortemente offerte da investitori istituzionali e privati. AML3D utilizzerà i fondi di collocamento per espandere la propria capacità di produzione a contratto, consentendole di servire più clienti.

“Siamo molto soddisfatti del forte supporto che AML3D ha ricevuto da azionisti nuovi ed esistenti, che condividono la nostra visione di implementare tecnologie di produzione avanzate per l’Industria 4.0 a livello globale”, ha affermato Andrew Sales, amministratore delegato di AML3D.

“I FONDI RACCOLTI DA QUESTO POSIZIONAMENTO CONSENTIRANNO AD AML3D DI ACCELERARE ED ESEGUIRE LE SUE VARIE INIZIATIVE DI SVILUPPO DEL BUSINESS, CHE FORNIRANNO UNA PIATTAFORMA PER UN’ULTERIORE CRESCITA E CONTINUERANNO A STABILIRE AML3D COME LEADER DEL SETTORE”.

Distribuzione di fondi

Anticipando un aumento della domanda imminente, AML3D intende utilizzare i finanziamenti per aumentare la propria capacità di produzione attraverso l’acquisto e la messa in servizio di moduli di produzione aggiuntivi presso il proprio impianto di produzione di Adelaide. In questo modo, l’azienda spera di servire un maggior numero di clienti in vari settori con contratti di produzione commerciale.

Una volta commissionato, il centro di produzione a contratto di 15.000 metri quadrati ospiterà fino a sette stampanti 3D in metallo Arcemy proprietarie di grande formato, di cui AML3D è il produttore di apparecchiature originali (OEM), per soddisfare la domanda del settore per la produzione avanzata con la produzione brevettata di additivi per cavi. (WAM).

L’azienda sta anche cercando di aumentare la sua forza lavoro assumendo ingegneri, designer e assistenti di produzione. Queste mani in più sul ponte consentiranno ad AML3D di aumentare significativamente le sue operazioni mentre aumenta la produzione.

I restanti fondi di collocamento verranno utilizzati come capitale circolante per garantire ed eseguire grandi contratti con lead time medio-lunghi.

Situato a Edinburgh Parks, nel South Australia, il centro di produzione a contratto di 15.000 metri quadrati di AML3D ospiterà fino a sette stampanti 3D in metallo Arcemy di grande formato. Immagine tramite AML3D.
Situato a Edinburgh Parks, nel South Australia, il centro di produzione a contratto di 15.000 metri quadrati di AML3D ospiterà fino a sette stampanti 3D in metallo Arcemy di grande formato. Immagine tramite AML3D.
AML3D nella stampa 3D

Nel 2014, AML3D ha commercializzato la sua tecnologia WAM per i settori della difesa, marittimo e aerospaziale, che sostiene abbia un risparmio di materiale fino all’80% rispetto ai tradizionali metodi di fusione e forgiatura. WAM utilizza una tecnologia robotica avanzata per automatizzare completamente il processo di stampa 3D, che fonde ingegneria e scienza metallurgica per produrre forme complesse a forma libera.

AML3D è la prima azienda di stampa 3D australiana a ricevere la certificazione dell’impianto di produzione additiva wire-arc del Lloyd’s Register, qualificando i suoi prodotti per l’uso commerciale, il che ha portato l’azienda ad assicurarsi clienti chiave in vari settori.

L’azienda ha debuttato sull’Australian Securities Exchange (ASX) all’inizio di quest’anno dopo aver raccolto 9 milioni di dollari australiani attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO) . I fondi dell’IPO vengono utilizzati da AML3D per stabilire un ulteriore centro di produzione a contratto a Singapore, oltre ad espandere la sua struttura di Adelaide e le iniziative di ricerca e sviluppo (R&D).

Più recentemente, AML3D ha stipulato un contratto con la società di costruzioni navali globale Austal per la stampa 3D di componenti per le sue applicazioni di difesa navale . AML3D è stato incaricato di ottimizzare il dispositivo di sollevamento a bordo trovato sulle navi commerciali e navali di Austal, attraverso la sua tecnologia WAM.

Be the first to comment on "AML3D ha raccolto 7 milioni di dollari australiani per accelerare le sue iniziative"

Leave a comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi