AML3D (AL3) ha consegnato il suo primo modulo di stampa 3D Arcemy a ST Engineering a Singapore con un accordo “affitto per l’acquisto”

AML3D (ASX: AL3) consegna il modulo di stampa 3D Arcemy a ST Engineering

AML3D (AL3) ha consegnato il suo primo modulo di stampa 3D Arcemy a ST Engineering a Singapore con un accordo “affitto per l’acquisto”
L’accordo consente alla società di accedere al 50% della capacità di Arcemy di produrre componenti per nuovi clienti nella regione asiatica
Il modulo di stampa 3D Arcemy sfida le tradizionali tecniche di stampa 3D in quanto può essere utilizzato per stampare parti metalliche in un ambiente in formato libero aperto
È inoltre progettato per ridurre al minimo i tempi di messa in servizio prima di poter produrre commercialmente
Una volta messo in servizio, il modulo offrirà a ST Engineering capacità di produzione avanzate per fornire parti personalizzate con maggiore resistenza e durata
Le azioni della società sono leggermente aumentate del 2,94 per cento e sono scambiate per 17,5 centesimi ciascuna
AML3D (AL3) ha consegnato con successo il suo primo modulo di stampa 3D Arcemy a ST Engineering a Singapore con un accordo di “affitto per acquisto”.

Arcemy è un prodotto WAM (Wire Additive Manufacturing) che combina un arco elettrico come fonte di calore con un filo come materia prima per produrre parti a forma libera.

Questa tecnologia mette in discussione altre tecniche di stampa dei metalli con alimentazione a filo poiché può essere utilizzata per stampare parti metalliche in un ambiente di fabbricazione a mano libera aperto.

Il prodotto altamente innovativo riduce i costi e i tempi di produzione e rimuove le tradizionali restrizioni sulle dimensioni della stampa 3D.

Il modulo di stampa 3D Arcemy è inoltre progettato per ridurre al minimo i tempi di messa in servizio prima di essere in grado di produrre commercialmente. Una volta messo in servizio, il modulo fornirà a ST Engineering capacità di produzione avanzate in grado di fornire componenti personalizzati con una resistenza molto maggiore.

“La consegna del nostro primo modulo Arcemy è una pietra miliare significativa nel percorso di commercializzazione di AML3D”, ha dichiarato il direttore generale dell’azienda Andrew Sales.

L’accordo “affitto per acquisto” dà alla società il diritto di utilizzare il 50% della capacità del modulo Arcemy durante il periodo di “affitto”. Avere accesso al modulo offre ad AML3D la possibilità di produrre componenti per i clienti in tutta l’Asia prima che stabilisca la struttura pianificata a Singapore.

La ST Engineering è considerata una delle principali società di difesa e ingegneria dell’Asia. La sua reputazione fornisce ad AML3D una solida base per la rete e la crescita operativa in tutta la regione.

AML3D inizia il trading ASX, vende la prima macchina AM


AML3D Limited, una start-up australiana fondata per commercializzare una tecnologia di produzione additiva con il marchio WAM ® (Wire Additive Manufacturing), ha iniziato a negoziare presso l’Australian Securities Exchange (ASX) dopo aver raccolto con successo $ 9 milioni con un forte supporto istituzionale, tra cui Perennial Value Management ( 5,3% azionista).

I fondi di questa offerta pubblica iniziale (IPO) dovrebbero consentire a AML3D di continuare la sua espansione commerciale, creare un centro di produzione a contratto aggiuntivo per acquisire opportunità tramite servizi di produzione a contratto e sviluppare la capacità di vendita delle sue macchine Arcemy ® AM.

Produzione di additivi per filo
Secondo la società, WAM, un tipo di AM a filo sviluppato da AML3D, consente di risparmiare fino all’80% dei rifiuti di materiale, rendendolo più sostenibile rispetto ai metodi di fusione e forgiatura. AML3D afferma che il suo processo WAM offre anche l’opportunità di ottimizzare il design delle parti, offrendo riduzioni di peso fino al 30% senza compromettere carichi in servizio fino a 250 tonnellate.

AML3D spiega che sta attualmente preparando la consegna della sua prima macchina AM in metallo Arcemy al settore aerospaziale e della difesa, ST Engineering. Il prezzo è riservato in termini commerciali e si estende a AML3D il diritto di utilizzare il 50% del tempo di attività di Arcemy per la produzione di contratti per altri clienti nella regione.

WAM, un tipo di AM a filo sviluppato da AML3D, consente di risparmiare fino all’80% dei rifiuti di materiale, rendendolo più sostenibile rispetto ai metodi di fusione e forgiatura.
Clicca per Tweet
Si dice che ST Engineering abbia versato un deposito non rimborsabile pari a circa il 15% del valore del contratto, con un ulteriore 30% da pagare alla consegna di Arcemy per l’installazione presso la sede di ST Engineering. Un pagamento finale pari al saldo del contratto è dovuto al trasferimento formale della proprietà della macchina AM alla fine del periodo di noleggio, subordinatamente al rispetto dei requisiti di prestazione della macchina e alla ST Engineering che assume l’opzione di proprietà.

Applicazione marina di successo
AML3D ha consegnato un Panama Chock fabbricato in modo aggiuntivo per Keppel Corporation Limited nel gennaio 2020. Utilizzato in applicazioni marittime, il Panama Chock è stato riferito come una prova a pagamento per il cliente per accertare le prestazioni tramite test di terze parti e volumi di produzione futuri. La capacità del processo WAM di fornire in modo competitivo componenti certificati, di grandi dimensioni e personalizzati per la costruzione navale e la riparazione in tempi di consegna più brevi è stata ritenuta di valore significativo per Keppel.

“Siamo entusiasti del potenziale di supporto ai nostri clienti che sono leader globali nei settori della marina e della difesa”, ha dichiarato Andrew Sales, Amministratore delegato di AML3D. “Questi clienti sono una vera testimonianza di AML3D, evidenziando la capacità delle nostre tecnologie innovative e convalidando la nostra esperienza e la capacità del team di implementare accordi con aziende globali blue-chip.”

Be the first to comment on "AML3D (AL3) ha consegnato il suo primo modulo di stampa 3D Arcemy a ST Engineering a Singapore con un accordo “affitto per l’acquisto”"

Leave a comment