Amey ripara la rete ferroviaria con una stampante 3d robot montata su un carrello ferroviario

AMEY VALUTA LE STAMPANTI ROBOT 3D PER LA RIPARAZIONE IN LOCO DELLA RETE FERROVIARIA DEL REGNO UNITO

Amey , un fornitore di servizi di supporto infrastrutturale con sede nel Regno Unito, ha rivelato piani interni per l’applicazione della stampa 3D per il rinnovamento dei binari ferroviari. Con i disegni concettuali forniti dal produttore svizzero di bracci robotici ABB , l’azienda dimostra la costruzione di un carrello di riparazione indipendente, in grado di muoversi lungo le linee ferroviarie e di rimuovere e sostituire i guasti. Sebbene sia ancora nelle sue fasi iniziali, la società stima che oltre il 60% delle linee ferroviarie del Regno Unito potrebbe essere rinnovato mediante un tale sistema, restituendo economia materiale e risparmi di efficienza pari a oltre 40 milioni di sterline all’anno.

“Ad Amey, stiamo esplorando l’uso della stampa 3D nel settore ferroviario, a partire dai rinnovi dei binari”, scrive Simon Grundy, Responsabile dell’innovazione, Consulenza e ferrovie di Amey .

“LA STAMPA 3D CAMBIERÀ RADICALMENTE IL MODO IN CUI EFFETTUIAMO I RINNOVI DELLE TRACCE.”

Amey è stata fondata nel 1921 come operatore di cava. Crescendo durante la seconda guerra mondiale, l’azienda aiutò nella costruzione delle basi della Royal Air Force. Ora è una filiale della società di trasporto multinazionale spagnola Ferrovial .

Dal 2018, Amey ha stipulato contratti di riparazione e costruzione di ferrovie per Network Rail , che copre le East Midlands, Londra e il Nord Ovest del Regno Unito. A causa della crescente domanda, i passeggeri di questi servizi sarebbero raddoppiati negli ultimi 20 anni. Sebbene il passo sia cambiato, gran parte delle linee ferroviarie esistenti nel Regno Unito rimangono le stesse e le reti sono ora sottoposte a pressioni crescenti per aggiornare le infrastrutture di trasporto per soddisfare meglio le esigenze del pubblico. Ciò, al momento, richiede un notevole lavoro manuale.

“Le 190.000 persone che lavorano sulle ferrovie del Regno Unito vanno al di là per garantire che la rete continui a funzionare”, scrive Grundy, “Tuttavia, ogni secondo sono in pista, sono a rischio”. Una possibile soluzione per proteggere la forza lavoro e per soddisfare rapidamente le esigenze di riparazione, è la stampa robotica 3D in situ. “Non solo questo ridurrà drasticamente gli incidenti”, sostiene Grundy, “lo stesso personale sarà qualificato per utilizzare questa nuova tecnologia, a prova di futuro per la nostra forza lavoro”.

I passeggeri dovrebbero inoltre beneficiare di tale sistema, poiché il sistema robot funzionerebbe in modo più rapido ed efficiente, portando a tempi di ristrutturazione più brevi. “Il vantaggio principale è la riduzione del tempo richiesto, che consente di ristrutturare sezioni più piccole in finestre più piccole, garantendo che la rotaia sia aperta più a lungo”, aggiunge Grundy, “In futuro, la ristrutturazione leggera potrebbe essere condotta su base regolare, cambiando il modello di business interamente.

Lo sviluppo di Amey di un’unità di stampa robotica 3D in situ è ​​attualmente focalizzato sulla riparazione e ristrutturazione di interruttori e incroci, “un asset particolarmente incline agli elevati livelli di usura e uno dei pezzi più vitali dell’infrastruttura sulla nostra ferrovia”, osserva Grundy . “Il progetto riunisce tecnologie all’avanguardia, dalla metrologia per ispezionare lo stato attuale della ferrovia, alla rimozione adattiva e automatizzata dei materiali, per rimuovere i vecchi binari”.

In un diagramma concettuale, un braccio robotico ABB è rappresentato da immagini all’interno di un recinto murato, che raccolgono e spostano un ampio segmento di binario. Nel secondo diagramma, un braccio robotico più piccolo è raffigurato all’interno di un vagone ferroviario, dotato di macchinari e bombole di gas. Questo secondo diagramma propone un sistema all’interno del quale il metallo potrebbe essere depositato su segmenti di binario spezzati. La società prevede inoltre di essere in grado di realizzare una produzione additiva su larga scala in questo progetto, per riparare segmenti di binari lunghi metri in una volta sola.

La visione è che i test non distruttivi (NDT) verrebbero applicati per testare la deposizione di riparazioni di binari stampati in 3D, “archiviando dati vitali sulla nuova pista, cruciali per la manutenzione futura”, aggiunge Grundy.

Sebbene sia un progetto stimolante, il concetto di binari stampati in 3D di Amey non è senza precedenti. Con le tecnologie su larga scala come WAAM ed EBAMM applicate nelle industrie aerospaziali e marittime, i mezzi per raggiungere questo concetto ci sono. Altrove, la società multinazionale americana di ingegneria AECOM applica anche la stampa 3D alla modernizzazione delle reti di trasporto. Testando una Bristol Parkway, l’azienda ha sviluppato un arco stampato in 3D che potrebbe essere utilizzato per installare nuove apparecchiature di segnalazione digitale. Per Angel Trains , la società di gestione del materiale rotabile britannico (ROSCO) , la stampa 3D viene integrata come mezzo di fornitura di pezzi di ricambio . Per Stratasys, partner di Angel Trains, l’industria ferroviaria nel suo insieme è diventata significativaarea di opportunità a seguito di una pausa negli investimenti automobilistici.

“Questa è una sfida diversa da qualsiasi altra”, conclude Grundy, “eppure la fiducia sta crescendo a un ritmo sbalorditivo man mano che questa tecnologia viene compresa e la consapevolezza che i componenti necessari esistono, esistono oggi”.

Be the first to comment on "Amey ripara la rete ferroviaria con una stampante 3d robot montata su un carrello ferroviario"

Leave a comment