Amaero quotata all’Australian Securities Exchange (ASX) investe nella stampa 3d

Amaero , una società specializzata nella produzione additiva di componenti aerospaziali, è quotata all’Australian Securities Exchange (ASX) a seguito di una IPO che ha raccolto $ 8 milioni a 20c per azione.

Nel tentativo di espandere le sue operazioni da due siti nell’Australia meridionale e dalla sua controllata americana AM Aero, il fondo, secondo il presidente della società David Hanna, sarà utilizzato per sostenere una crescita a breve, medio e lungo termine. Ciò include “l’acquisto di nuove stampanti 3D […], nonché ricerca e sviluppo e capitale circolante”.

“La nostra attenzione immediata”, continua Hanna, “è sulle opportunità commerciali indirizzabili, garantendo nel contempo che siamo nella posizione migliore per assistere i clienti attuali con future piattaforme di produzione additiva”.

Il programma australiano di commercializzazione e incubazione Innovyz è stato in parte accreditato per il successo di Amero che ha portato alla quotazione ASX. Questa società continuerà a lavorare con Amaero sui suoi obiettivi di sviluppo e crescita.

Un partner specializzato nella produzione di additivi aerospaziali

Amaero è stata fondata nel 2013 come spinout del Monash University Center for Additive Manufacturing (MCAM) di Melbourne, in Australia. Continuando a lavorare a stretto contatto con Monash, dove si svolge la maggior parte della sua attività, la società da allora ha stabilito operazioni nella capitale dell’Australia meridionale attraverso una partnership con l’ Università di Adelaide . La sua filiale americana, AM Aero, si trova a El Segundo, a Los Angeles.

Sfruttando la potenza delle tecnologie di stampa 3D in metallo PBF e DED, l’azienda produce componenti ad alte prestazioni per l’industria aerospaziale. Uno dei suoi progetti più importanti fino ad oggi è stato un motore a getto stampato in 3D sviluppato per il principale produttore francese di componenti aerospaziali Safran Power Units . Più recentemente, la società ha anche confermato il proprio coinvolgimento nel “Progetto X”, gli sforzi di Next Aero e Woodside Energy nella creazione di un motore aerospike efficiente .

Il design Aerospike del motore. Immagine via: Monash University
Il prossimo progetto del motore aerospike di Aero e Woodside Energy è stato testato con successo a fuoco caldo alla fine del 2017. Foto via Monash University
Per la stampa 3D in metallo, Amaero utilizza una flotta di cinque sistemi PBF, tra cui un Concept Laser XLine 1000R e due EOSINT 280M. In grado di ospitare componenti fino a 4000 x 1500 x 750 mm, l’azienda dispone anche di un sistema DED: la struttura per la deposizione di polvere di celle laser Trumpf 7040.

Un “risultato notevole” per Spinout Monash

Oltre alle sue attività produttive, Amaero ha ottenuto i diritti di licenza per una lega di titanio ad alta resistenza e una lega di alluminio-scandio sviluppata presso la Monash University, nonché un accordo di distribuzione esclusivo negli Stati Uniti “per la stampante 3D a letto di polvere laser più veloce al mondo “.

Dopo la quotazione ASX, Barrie Finnin continuerà a ricoprire il ruolo di CEO di Amaero. La professoressa Margaret Gardner AO, presidente e vicecancelliere della Monash University, ha parlato a sostegno della quotazione e della continua collaborazione dell’azienda con questa istituzione. “La quotazione di Amaero su ASX è un risultato straordinario per un’azienda che si è sviluppata dall’applicazione di ricerca nel Centro universitario di Monash per la produzione additiva appena sei anni fa”, ha dichiarato il professor Gardner.

“CON UNA VASTA ESPERIENZA NELLA PRODUZIONE ADDITIVA, SUPPORTATA DA RICERCHE ALL’AVANGUARDIA PRESSO LA MONASH UNIVERSITY, AMAERO HA IL POTENZIALE, CON I GIUSTI PARTNER, DI FORNIRE SOLUZIONI DI TRASFORMAZIONE DI LIVELLO MONDIALE AI SETTORI DELL’AVIAZIONE E DELLA DIFESA.”

Be the first to comment on "Amaero quotata all’Australian Securities Exchange (ASX) investe nella stampa 3d"

Leave a comment